Torino-Lazio 1-1: chance sprecata, ma resta un pari da accogliere di buon grado

Torino-Lazio 1-1: chance sprecata, ma resta un pari da accogliere di buon grado

Finale all’Olimpico / La Lazio domina nella ripresa, Padelli salva due volte il risultato ma poi Biglia trova il pari su rigore. Nel finale, Zappacosta si mangia il raddoppio

Dopo il primo tempo chiuso in vantaggio, il Torino inizia la ripresa senza cambi. Intensità alta fin dal primo minuto del secondo tempo: Peres e Konko vedono sventolarsi da Massa il cartellino giallo per due brutti falli. Al 6′ un ottimo Molinaro sfodera un bel cross, ma Acquah pasticcia in area di rigore. La Lazio non ci sta: Parolo mette il turbo ed entra in area, ma il cross è fuori misura. Al 12′, a seguito di un errore di Immobile, la palla arriva in area a Milinkovic-Savic il cui tiro è ribattuto. Molinaro chiude tutto su una splendida imbucata di Anderson, poi il Toro riparte in contropiede sull’asse Acquah-Peres; il cross di quest’ultimo vede Immobile mettere alto a pochi passi da Marchetti, ma nel frattempo il guardalinee De Meo aveva alzato la bandierina.

E’ la Lazio a fare la partita, alla ricerca del pari, con il Torino ad abbassare il baricentro per cercare di pungere in ripartenza. Ma dopo un tiraccio di Benassi, i biancocelesti vanno vicinissimi, per ben tre volte, al punto dell’uno a uno. Prima al 22′ Milinkovic-Savic dimostra tutta la sua qualità liberandosi con un numero e scaricando un destro che chiama Padelli al grande intervento; poi, al 23′, Parolo fugge via a Maksimovic e fa partire un diagonale sinistro che vede terminare la sua corsa sul palo a portiere battuto; infine al 25′ Padelli si prende ancora la scena andando a togliere una punizione velenosissima di Biglia dall’incrocio dei pali.

Granata in chiara sofferenza; con una chiusura disperata Molinaro rischia l’autorete. Pioli sostituisce un Klose compassato e inserisce la velocità di Keita. La Lazio aumenta i giri del motore e chiude i granata nella propria trequarti. E al 32′ è proprio il neoentrato Keita a guadagnarsi un calcio di rigore: dribbling secco su Benassi, Molinaro rinviene con un intervento falloso e Massa indica il dischetto. Ci pensa Biglia a trasformare: 1-1 meritatissimo.

Le mosse di Ventura per arginare lo strapotere Lazio nella ripresa sono Baselli e Zappacosta, dentro per Benassi e Peres. I granata guadagnano metri; il centrocampista ex Atalanta ha una discreta occasione in area, lanciato da Immobile, ma si perde al momento decisivo. Poi è il bomber campano a sprecare un’altra chance facendosi irretire da un’uscita di Marchetti. Ci prova Baselli al volo: conclusone facile preda di Marchetti, mentre entra Obi al posto di Vives per il terzo cambio granata.

La lancetta scorre e si arriva agli ultimi minuti: Molinaro compie un’altra chiusura salvifica su un Keita lanciato a rete da un gran filtrante. Si arriva nel recupero ed Immobile si inventa un grande assist: Zappacosta a centro area manda alto di sinistra sprecando una sorta di rigore in movimento ad un battito di ciglia dal termine. Il mancato raddoppio dei granata chiude il match: Ventura porta a casa un 1-1 che muove perlomeno la classifica, risultato che senza dubbio può stare bene ai granata per come si era messa la partita nella ripresa.

20 commenti

20 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. fgbomp - 1 anno fa

    Leggo i vari interventi e in genere posso anche essere d’accordo. Ma una volta Padelli, una volta Vives, Zappacosta, Acuah ecc. ecc. ad ogni partita abbiamo dei colpevoli.
    Ma in generale: notate mai che siamo assidui nello sbagliare i passaggi anche di pochi metri? Passiamo in due secondi dall’area avversaria a Padelli (e che Dio ce la mandi buona nei rilanci..); non riusciamo mai a sfruttare un corner, mentre ne prendiamo parecchi su corner? Abbiamo mai sfruttato una punizione dal limite, MENTRE TANTI NE ABBIAMO PRESI. Anche quando ci regalano un rigore, lo sbagliamo, menbtre Padelli non è cerrto un pararigori; è possibile che Immobile e Belotti debbano andare nella nosta area a prendersi i palloni e quindi arrivino stanchi morti al tiro? (solo il Palermo ci ha lasciato fare..).
    Mmancano convinzione e fondamentali: speriamo finisca presto, abbiamo 5 punti in più dalla quint’ultima e solo 7 sul Frosinone con un bel calendario che ci aspetta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabrizio - 1 anno fa

    sinceramente non capisco come si faccia a dire che acquah non e’scarso…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pimpa - 1 anno fa

    Allora,avevo ragione o no a sostenere che Baselli benassi Zappacosta sono dei brodi assoluti? Per non parlare di acquah e Molinaro,gente imbarazzante da veder giocare.
    Io tra i brodi ci metto senza tema anche Belotti,ma magari qualche arguto/acuto dice che oggi ha segnato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pazko - 1 anno fa

    Chi ha scritto l’articolo non ha visto la partita! Dovevamo fare almeno due gol + il rigore, che, se segnato, avrebbe chiuso la partita. Poi ovviamente loro hanno attaccato nel finale, nel quale noi siamo calati, e hanno tirato e segnato, ma il tiro finale di Zappacosta poteva rimettere le cose a posto. Peccato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. giancator - 1 anno fa

    Altri punti persi di “buon grado”e anche stavolta per scelte tecniche del mister molto discutibili………oltre a non cercare soluzioni diverse dal 3-5-2 con Aquah mezzala invece che interditore,e Peres costretto ha farsi tutta la fascia invece che proporlo come ala pura,ha seduto in panchina Baselli,l’unico uomo con un po’ di fantasia in più rispetto agli altri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Scott - 1 anno fa

    Sono d’accordo….anzi di ottimo grado perché tatticamente e tecnicamente questa squadra non può veramente fare di più, anche contro una Lazio appagata e distratta da impegni più importanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. blubba - 1 anno fa

    Di buono oltre al punto direi che se Cairo riscatta ciruzzo , questa coppia di attaccanti farà le nostre fortune.Veramente forti ,con due polmoni enormi forse ancora frenetici un tantino sotto porta ma sono il nostro futuro. In mezzo al campo siamo messi male, nel senso che appena cala vives,cioe dopo 50 minuti ,siamo in balia delle onde.Urgono titolari in quel ruolo di livello tecnico adeguato e in difesa spero che torni ala svelta varreca perchè la pochezza qualitativa di molinaro nn è accettabile aqueti livelli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jon1_895 - 1 anno fa

      concordo vives sarà mediocre però quando non gioca o cala lui andiamo nei matti, un caso totale….e considerando che acquah gioca mediamente di merda per 90 minuti è ovvio che vives impatti nel bene e nel male le nostre partite.
      servono forze e idee in mezzo.
      poi non capisco perchè gazzi che in certi frangenti porterebbe energie utili non venga mai usato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. jon1_81 - 1 anno fa

      invece zappacosta? mamma mia che pippa…..le nostre disgrazie nascono dalla stagione di svelar. con lui al 100% avremmo avuto un terzino della madonna che spingeva come un matto e metteva palle gol su palle gol.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. blubba - 1 anno fa

        Zappacosta penso invece che ci darà soddisfazioni. La sua sfortuna è che peres gioca nel toro. Avesse avuto piu spazio la sua crescita rra maggiore. Il gol che siè magnato è perché ha calciato di sinistro e forse anche la palla si è alzata un tantino.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. gehenna8_963 - 1 anno fa

    Di buon grado…….. a me già si era tappata la vena al retropassaggio di Peres dalla trequarti direttamente a Padelli. Rintanarsi già al sessantesimo a difendere il risultato poi,…ridicolo. Per vedere il Toro giocare da Toro ogni partita dovrebbe partire dal vantaggio per gli altri. Per una stagione che non ha più niente da dire mi sarei aspettata 9 finali di champions a livello di gioco. Molinaro poi…..imbarazzante come i cross di Acquah e dovrei accettare di buon grado questo gregge? Ma anche no grazie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Nick - 1 anno fa

    redazione scusate tanto, per carità rispetto per le opinioni altrui, ma come fate a scrivere un articolo cosi? abbiamo visto la stessa partita? Forse io ne ho vista un’altra.
    la partita dovevamo vincerla noi segnando il rigore e/o non buttando all’aria tutte quelle occasioni prodotte. poi del resto se ne può discutere, tipo abbiamo ancora una mentalità piccola, i giovani devono maturare, siamo poco flessibili sul cambio modulo e quantaltro.
    per il resto grossa buona volontà della squadra e nonostante tutto elogio Andrea che lá davanti prende un mondo di calci e si sacrifica come non mai. Ciro é indiscutibile e mi brucia ancora quel suo slalom con tocco di esterno uscito di pochissimo. soliti problemi a centrocampo. andiamo avanti, raggiungiamo intanto salvezza e quello che arriva in piú é guadagnato. quest’anno é cosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jon1_906 - 1 anno fa

      concordo…da un lato creiamo sempre tanto…perchè alla fine se guardiamo le ultime 6 7 partite io ricordo 8 10 occasioni a gol mangiate in maniera clamorosa e due rigori sbagliati…..

      il problema che questo organico ha 4 tumori che ormai hanno intaccato tutto. sono molinaro vives acquah zappacosta . questi vanno cacciati a calci nel culo assieme al mister che ormai non ha più niente da dare al toro. avanti con longo, barrica parigini…..

      ho visto giocare prcic ed è proprio un bel giocatore…testa alta….mai provato, in compenso quella capra di acquah titolare inamovibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. nick10 - 1 anno fa

    Io mi son rotto le palle di Acquah che è imbarazzante,Benassi che lo si vede da subito quando non è in partita e di Molinaro. Partire con Gazzi al posto di Acquah,Zappacosta al posto di Molinaro spostando Bruno Peres,no eh? Poi sull’ 1 a 1 metti dentro Maxi invece di coprirti con Obi. Tanto a quel punto prendere 1 o 0 punti non cambia niente e provi a vincere. Speriamo finisca presto questa stagione e che tanta gente si levi dalle palle una volta per tutte. Basta!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jon1_841 - 1 anno fa

      zappacosta? ma per carità di dio…..io rho visto domenica scorsa e oggi..molinaro spinge molto meglio ma purtroppo è un minorato mentale come acquah…bruno peres deve stare sulla sua fascia perché li rende e sacrificarlo manco per sogno…zappacosta è un pacco. barreca a confronto sembra garrincha.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Emanuele886 - 1 anno fa

    Si sì accettiamolo di buon grado…tanto se il Frosinone vince si avvicina e la salvezza è tutt’altro che raggiunta!hai diecimila occasioni x vincere, le butti via come sempre…come sempre subisci il pareggio…e noi dobbiamo accettare di buon grado!mai come oggi mi sento tifoso di Udinese e Bologna!ma guarda te se dobbiamo sempre sperare nelle disgrazie altrui!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 anno fa

    Gol divorati e rigore sbagliato e a loro assegnato ingiustamente.
    Non accetto questo pareggio di buon grado!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jon1_661 - 1 anno fa

      il loro rigore è sacrosanto,..perchè se giochi con un minorato mentale come molinaro che fa sempre cose così…ma quante ne ha fatte quest’anno?, allora ti meriti anche rigori come questi…che motivo c’era di stringere nel momento che quello ti ha superato? nessuno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 anno fa

        Certo ma Keita si è tuffato platealmente. E a sto punto era da espulsione anche il mano di Marchetti fuori area. Ad ogni modo non è questo il problema e non campo scuse. Troppi gol divorati e cambi tardivi sono la chiave di questo pareggio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Simone - 1 anno fa

    Come si fa a scrivere certe cose?!?!
    Come si può prendere di buon grado una partita che andava vinta.
    Assurdo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy