Torino: le tre cose da fare per salvare la stagione

Torino: le tre cose da fare per salvare la stagione

La situazione / Ecco come si può salvare il salvabile, in questa annata davvero priva di emozioni intense per il club granata

Torino, Toro, punti

Due giorni dopo San Siro, nel Torino rimane l’amarezza per una sconfitta che si poteva evitare. La prestazione del gruppo non è stata negativa, ma ancora una volta Glik e compagni rimangono con un paio di mosche in mano. Si è già sottolineato come emerga con chiarezza dai numeri che si tratta dell’annata peggiore dell’era Ventura. Ma a undici partite dal termine di un campionato che vede i granata nella zona medio-bassa della classifica, lontani dalla zona retrocessione e ancor di più dal sesto posto, come si può salvare il salvabile, per evitare di dover archiviare la stagione 2015-2016 come un’annata totalmente da buttare? Ecco tre proposte

Bruno Peres deve ritrovare la serenità e la spensieratezza per proporre il suo "futbol bailado"
Bruno Peres deve ritrovare la serenità e la spensieratezza per proporre il suo “futbol bailado”

1) GIOCARE CON SPENSIERATEZZA – Come si è detto, ormai non ci sono più obiettivi di classifica. Questo turno di campionato ha visto rimanere invariato il distacco dalla zona retrocessione, mentre il sesto posto si allontana ogni giornata di più. Per quanto frustrante può essere per il Torino dover giocare gli ultimi mesi di campionato senza giocarsi qualcosa di importante, questo non deve diventare un fattore che induca a mollare gli ormeggi, anzi; occorre approfittarne per giocare con più spensieratezza. Sarebbe cosa buona e giusta evitare di andare in sofferenza psicologica ogni volta che si gioca in casa; proprio il fatto di non avere pressioni dal punto di vista della classifica deve aiutare i granata a giocare più a cuor leggero. Il che tradotto in soldoni, vuol dire: ognuno si prenda più responsabilità e si provino giocate più azzardate e meno scontate.

Josef Martinez deve dimostrare di essere da Toro
Josef Martinez deve dimostrare di essere da Toro

2) TOGLIERSI ORA TUTTI I DUBBI – In questo momento, non sarebbe sperimentare nuove soluzioni tattiche e dare spazio a chi ne ha avuto di meno. I vari Jansson, Silva e Martinez possono o non possono rientrare nei progetti futuri? La svolta tattica del tridente offensivo può essere un’ipotesi per la prossima stagione? In questo senso, le partite che rimangono potrebbero dare delle risposte importanti. Inutile puntare sempre sugli stessi uomini e sulle stesse soluzioni: undici sconfitte in campionato, alcune delle quali cocenti, dovrebbero indurre a cambiare qualcosina.

26 aprile 2015, Moretti esulta: il Torino ha vinto il derby contro la Juventus
26 aprile 2015, Moretti esulta: il Torino ha vinto il derby contro la Juventus

3) GIOCARE UN DERBY DA TORO – Senza dimenticare che c’è ancora un derby da giocare. Il 20 marzo, allo Stadio Olimpico, il Torino dovrà lavare due onte: il derby perso all’ultimo secondo in campionato e quello dagli strascichi distruttivi di Coppa Italia. La Juventus che si presenterà in piena lotta per lo Scudetto, ma anche affaticata dal ritorno degli ottavi di Champions League in casa del Bayern Monaco, in programma quattro giorni prima della stracittadina contro i granata. E una prestazione da Toro è il minimo che si può chiedere a questo Torino, che prima ha due partite (contro Lazio e Genoa) per cercare di arrivare all’appuntamento nel migliore dei modi.

21 commenti

21 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. blackmapan_955 - 1 anno fa

    La realtà molto probabilmente è che questo gruppo di giocatori è stato sopravvalutato. Abbiamo vissuto una stagione e mezza al di sopra del valore della rosa. Adesso ne paghiamo le conseguenze. Chi è partito come fenomeno è stato ridimensionato vedi ogbonna, Cerci, D’ambrosio e lo stesso Immobile tornato per sperare di ripetere l’exploit di due anni fa per riacquistare credibilità in Europa e soprattutto lo stipendio. Chi è rimasto è tornato a rendere secondo i suoi standard ho sono medio bassi, vuoi per età vuoi per mezzi tecnici abbastanza scarsi. D’altronde Peres oltre al gol nel derby cosa ha fatto?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawda - 1 anno fa

    Credo che a tutte queste riflessioni in parte anche giuste ma francamente poco fattibili e credibili, a cominciare dal fatto che il Toro non ha i giocatori per schierare tre punte, forse l’unica soluzione potrebbe essere quella di provare Peres e Martinez esterni ed Immobile al centro ma il centrocampo resterebbe sempre quello con i piedi di marmo e si dovrebbe passare dietro alla difesa a quattro, insomma non lo vedo proponibile con Ventura, ne manchi una, forse la piu’ grave, relativa agli acquisti estivi che si sono rivelati decisamente al di sotto delle attese e sbagliati. Tolto Avelar su cui il giudizio e’ sopseso per assenza forzata, credo vada valutato che se su Obi sempre rotto ed Acquah inguardabile potevano esserci dei dubbi sin dall’inizio, Belotti e’ finora una grande delusione, soprattutto dimostra una pochezza tecnica che in serie a non e’ perdonabile, Baselli a mio parere non ha il fisico per ricoprire il ruolo che Ventura gli ha affifato, lo si potrebbe provare nella posizione di Vives ma in quel ruolo lo scorso anno l’Atalanta gli ha preferito Cigarini e non e’ un bel segno, Zappacosta ha fatto vedere solo corsa ma non mette un pallone decente in mezzo neanche per sbaglio ed infine Martinez e Silva hanno tolto quasi definitivamente i dubbi sul fatto che non siano giocatori di serie a.
    Perche’ i risultati modesti, la pochezza di gioco, l’incapacita’ di creare occasioni sono sicuramente in parte imputabili a Ventura, ad un modulo ripetitivo, a scelte tattiche e tecniche opinabili, ma sono soprattutto la conseguenza della mediocrita’ della attuale rosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

      Ma ti sei accorto che nei pochi minuti in cui l’altra sera abbiamo giocato a quattro punte,
      Belotti stava sull’ala destra e Martinez centrale con Lopez,
      Mi sono chiesto come mai, io avrei visto meglio il contrario, tu che ne pensi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawda - 1 anno fa

        E’ vero, hai ragione, ma puo’ anche essere una conseguenza di una situazione improvvisata e quindi forse i giocatori istintivamente hanno cercato piu’ i movimenti gia’ conosciuti. Sicuramente Matinez era piu’ logico a sinistra, dove pero’ giocava Immobile, forse a destra Ventura non lo riteneva adatto, puo’ aver fatto delle valutazioni sugli uno contro uno che si venivano a creare. Quattro punte sono frutto di una situazione disperata, non certo preparata a tavolino, che ci possa essere confusione e’ una conseguenza altamente probabile.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

    le tre punte a 12 minuti dalla fine è il minimo che deve fare una squadra che perde uno a zero a San Siro.
    Chi ha detto che si sono intasati gli spazi e non abbiamo creato più nulla, rispondo che comunque nel secondo tempo non avevamo creato caterve di occasioni (solo il tiro di Immobile con risposta del bambino prodigio) perlomeno gli abbiamo chiusi sulla loro trequarti e non la hanno superata più.
    Quando Ventura afferma che con questi giocatori può solo fare il 352 rimango sconcertsto, Zappacosta giocava nel 442,Glik gioca in nazionale con il 442, Baselli giocava nel 442, Benassi gioca in Under 21 con il 433, Belotti quando gli facevano spazio nel Palermo giocava nel 3412.
    Vorrei chiedere al mister se è stato costretto dai giocatori a disposizione a giocare con il 352 o lui ha costretto questi giocatori ha adottare questo modulo e come mai non ha mai pensato ad um modulo alternativo, sinceramente mi sembra strano che con 25 calciatori a disposizione uno può riuscire ad adottare un solo modulo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pimpa - 1 anno fa

    Se questi sono gli articoli che la nostra redazione continua indefessa a sfornare,stiamo freschi.
    Vorrei capire di quale spensieratezza si parli,innanzitutto; l’avete la faccia di Baselli da sei mesi a questa parte?
    Sembra che stia per uscirgli un facevamo immenso e che maledica il destino che lo fa scendere in campo nel momento in cui vorrebbe star seduto sulla tazza e promuovere altri sforzi.
    E dallo spensierato Vives, sentiamo, che cosa dovremmo aspettarci?
    Si parla di dubbi: di quali dubbi?
    O forse non abbiamo capito che Gaston Silva e Martinez sono giocatori impresentabili, e dico impresentabili? Possiamo tenere Jannson, lui si.
    Quanto al derby, un po’ di pietà.
    Voglio ricordare che i nostri cucinati appartengono ad un’altra categoria, giocano un altro calcio e che l’anno scorso ci hanno fatto vincere come tutti sappiamo ma qualcuno vuol far finta di ignorare.
    I nostri poi hanno dimostrato nel corso degli anni di essere degli smidollati e quindi,fossi nella redazione,smetterei di scrivere fanfaluche.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MORO70 - 1 anno fa

      D’accordo su tutto tranne sulla bocciatura di Gaston Silva e Martinez, il primo vorrei vederlo giocare nel suo ruolo, il secondo vorrei vederlo giocare visto che quest’anno ha fatto tre partite. Agli altri attaccanti si perdonano tutti gli errori e le cazzate, contro Martinez ci si accanisce.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 1 anno fa

      concordo in pieno .

      Aggiungo , magari se baselli giocasse nel suo ruolo ….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Athletic - 1 anno fa

    I primi due punti sono esattamente quelli detti da Ventura, nella sua ultima intervista, quindi in questo senso penso che qualcosa vedremo. Per quanto riguarda il derby, andrebbero tutti giocati da Toro, non solo il prossimo, e niente sorrisi, pacche sulle spalle e strette di mano. I perbenisti e i benpensanti vadano a farsi fottere. Per chi parla del tridente e di verticalizzare, sarebbe bello, ma.. bisogna avere i piedi buoni per verticalizzare e non a centrocampo non li abbiamo. Non si può chiedere di verticalizzare a Vives o Gazzi. Molto meglio lavorare sulle sovrapposizioni sulle fasce, come facevamo gli anni scorsie ad inizio campionato, e tenere le due punte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MORO70 - 1 anno fa

      Sarei già contento se il derby lo giocassimo alla morte e reggessimo atleticamente tutta la partita, poi va bene anche perdere contro i primi in clasifica…loro sono impressionanti, ieri al 93o avevano la squadra cortissima, continuavano a fare pressing e raddoppiavano sul portatore di palla, al novantatreesimo….o hanno dei preparatori superiori e lavorano il triplo dei nostri, o utilizzano altri metodi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

        A pensare male spesso ci si azzecca, questi secondo me hanno un buon farmacista….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Athletic - 1 anno fa

          Lo stavo per scrivere io… I quadricipiti di pierpiero ve li ricordate? Per loro correre fino al 93esimo non basta, finita la partita li portano all’ippodromo per scaricarsi

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. ziocane66 - 1 anno fa

        oltre a essere dopati hanno pure gli arbitri che li aiutano nelle situazioni di gioco, con il benestare della figc

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 anno fa

    1 Viincere il derby ( ma come? Pagando l’arbitro? Non basterebbe se i nostri non tirano in porta
    2 Cambiare allenatore ( mandandolo in Nazionale, è l’unico modo per farlo sennò Cairo se lo tiene)
    3 Mandare in campo sei ragazzi della Primavera ( loro ci mettono il cuore, guardate che rimonta stanno facendo in campionato )

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

      Ciao Daniele, sarebbe forse buona la prima ma gli arbitri contro di loro sono incorruttibili

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 anno fa

        Si la prima era un’utopia … Ma mi sa anche le altre..
        Hai visto ? Ci siamo levati Papa Urbano ed è spuntato un gobbo..siamo maledetti come tifosi e anche nei social :/
        Ciao!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

          Si, ma meno male che il gobbo capita di rado,
          Pensa quanto è scemo va a scrivere anche sui siti di romanisti e milanisti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ddavide69 - 1 anno fa

    3 cose da fare :
    la prima mandare via ventura
    la seconda mandare via ventura
    la terza mandare via ventura

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Simone - 1 anno fa

    Col carpi avevamo la stessa situazione di classifica e psicologica e mr ventura non ha avuto il coraggio, di questo si parla, di mettere il tridente dall’inizio.
    Abbiamo un pessimo centrocampo ma, almeno sulla carta, dei buoni attaccanti. Mettiamo questo tridente e proviamo a saltare il centrocampo con dei lanci lunghi!
    Lopez sembra essere quello più bravo a difender palla e lo metterei al centro mentre ciro e belotti che sono più veloci più larghi.
    Basta co questo giro palla sterile ed esasperato. Verticalizzare verticalizzare
    Verticalizzare!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MORO70 - 1 anno fa

      Lopez quest’anno ci sta facendo capire molto dettagliatamente il motivo per cui lui era meritatamente la riserva di Meggiorini

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

        Comunque non è facile, entrare 15 minuti e fare quello che gli altri non hanno fatto in 90 e volendo volutamente dimenticare quel che ha fatto l’altro anno, con il Carpi appena entrato ha smarcato Belotti con una magia per il rigore poi da lui sbagliato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy