Torino, Vatta: “Barreca deve crescere, e con Mihajlovic finalmente si gioca”

Torino, Vatta: “Barreca deve crescere, e con Mihajlovic finalmente si gioca”

Esclusiva TN / Il Vate granata: “Il tecnico serbo è stato il miglior acquisto, ora l’Italia con Ventura fatica. Occhio a Ljajic. Come Iniesta in Italia solo Valentino Mazzola”

11 commenti
Vatta

Ci eravamo lasciati qualche mese fa pochi giorni dopo l’annuncio di Mihajlovic al Toro (QUI l’intervista completa). Come valuta questo periodo di inserimento?

Io credo che Miha sia stato un bell’acquisto, il più bello. Adesso bisognerà avere pazienza, perché il presidente non butta via i soldi, quindi ci vuole un allenatore che si tiri su le maniche e si dia da fare, ma è la sua natura. Basterà che lui trasmetta il suo carattere, e lo farà.

Atalanta BC v FC Torino - Serie A

Come lo vede in relazione a Ventura?

Rispetto a Ventura lui ha molta più grinta e soprattutto ce l’ha nei momenti difficili. E chiede di giocare: è un gioco organico, che dà tempo a chi deve rientrare per mantenere la squadra corta. Prima era un giro palla dietro che dava percentuale di possesso ma dal lato pratico pochi risultati: è già un passo avanti. Guardi Ventura: contro contro la Spagna il meglio del calcio italiano – anche se se ne potrebbe discutere – nel primo tempo ha prodotto un cross. Bisogna però dire che in campo c’era una grande differenza di qualità: gli iberici avevano Iniesta, che nel suo ruolo è uno dei primi cinque di sempre. Giusto per fare un esempio: in Italia, l’unico che si è distinto in questo modo in quella zona del campo è stato Valentino (Mazzola, ndr), che trovava di più la porta, ma aveva anche qualcosa di meno in altri aspetti.

Prospettive future?

Adesso il Torino si deve sempre proporre alle soglie dell’Europa, e non c’è miglior allenatore di Mihajlovic per questo. Sarà un caso, ma è la prima volta che vedo vincere contro due grandi come Roma e Fiorentina di seguito, se non erro. Questo non avveniva con Ventura, c’era subito un arretramento in difesa: faceva parlare bene dei difensori, ma si perdevano le partite. La scuola slava è un’ottima scuola, stiamo tranquilli, se anche dovremo perderne due di fila dovremo restare tutti insieme, come il pubblico del Torino ha dimostrato nel passato di saper fare. Ora si inaugura il Filadelfia, non bisogna abbandonare il vertice del settore giovanile, si deve dare tutto l’aiuto possibile perché venga fuori una squadra frutto della città. Facendo così sarà garantita continuità, anche economicamente. Anni fa ho visto dieci ragazzi delle giovanili pareggiare con la Fiorentina, e si sapeva che lì in mezzo c’erano dei campioni. Bisogna mettersi a un tavolo con l’allenatore e programmare. Settore giovanile, settore giovanile e ancora settore giovanile. Avere due-tre giocatori buoni all’anno che escono dal vivaio sarebbe una buona cosa (ai miei tempi ce n’erano cinque-sei), non bisogna disperderli.

Su Barreca: è la prima volta dai tempi di Ogbonna che un prodotto delle giovanili non si afferma così in prima squadra. Quali sono le prospettive per il ragazzo?

Pescara Calcio v FC Torino - Serie A

Non è vicino ai livelli assoluti: discreto giocatore, ha ancora dei difetti. Deve crescere. Tra i singoli mi è sempre piaciuto Ljajic, anche da ragazzo: se la salute sarà dalla sua parte potrà fare la differenza.

Gomis e Parigini invece hanno trovato spazio in Serie A in prestito, ma il primo si è rotto una mano e il secondo trova poco spazio. E’ stata la mossa giusta?

Ancora è difficile parlarne: ho una conoscenza superficiale, non li ho visti giocare abbastanza. Se troveranno spazio si potranno fare delle valutazioni.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. bogianen - 2 mesi fa

    Devo dire che, ultimamente, le interviste di Vatta mi lasciano un vago senso di malessere. Mi sembra sempre molto acido e quasi malevolo. A parte il bizzarro paragone tra Iniesta e Valentin (se Valentin avesse avuto il carattere un po’ remissivo e sempre sull’orlo della depressione di Iniesta il Grande Torino non sarebbe esisitito), ho l’impressione che Vatta qualcosa forse non la ricordi benissimo. Intendiamoci: io venero Vatta, e lo considero un’eccellenza assoluta non solo del calcio giovanile del Toro ma di quello italiano. Infatti se ben ricordo lascio’ il Toro per andare a sovraintendere le giovanili della nazionale. Pero’… a mio modestissimo avviso, Oberdan Ussello e Ercole Rabitti non erano da meno. In 14 anni di Primavera, Vatta ha vinto tre campionati, Ussello ne ha vinti 3 in… 4 anni. E se e’ vero che Vatta ha sfornato decine di ottimi giocatori, Ussello ha tirato fuori Vieri, Rosato, Ferrini, Agroppi, Cereser, Fossati, Poletti, Rampanti, Pulici, Zaccarelli… Vatta sostiene che i suoi tempi sfornava 5 o 6 buoni giocatori all’anno. A mio avviso, esagera un po’. Vatta ha allevato due nidiate strepitose: la primavera di Claudio Sclosa, Giancarlo Camolese, Ezio Rossi, Flavio Destro, Franco Ermini, Loris Bonesso, Agatino Cuttone, Andrea Mandorlini, con anche Pedro Mariani sottoleva era qualcosa di fantastico, e mi chiedo come abbia fatto Vatta a NON vincere il campionato con quello squadrone. E quella di Lentini, Bresciani, Venturin, Fuser era un’orchestra sinfonica. Ma di solito ogni anno i buoni giocatori della primavera erano uno o due, massimo tre (Christian Vieri, Dino Baggio, Cois, Osio, Pancaro, Delli Carri, ecc.). E Barreca non mi pare inferiore a buona parte di quelli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Fava - 2 mesi fa

      Senza voler andare nel dettaglio come hai fatto tu in maniera eccellente, volevo più o meno dire le stesse cose.
      Con l’aggiunta di un sentore di dispiacere, come mi pare che anche tu abbia provato nel leggere l’intervista.
      Un saluto Granata.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 2 mesi fa

    Vatta è uno che sa perfettamente ciò che dice e ha dei parametri di valutazione adeguati a quello che sarebbe lecito pretendere da una società come il Toro. Su Barreca ha fatto questo tipo di considerazione, ma che è la stessa che riservava a tutti i giovani che esordivano in prima squadra ai suoi tempi… Mai sentito da lui una parola di troppo, meglio una di meno.
    Su Ventura idem…. Contro la Spagna si è visto il peggior ….. Toro! Ora Ventura ha fatto molto da noi, ma questo non vuole dire che abbia raggiunto l’obiettivo finale. Questa squadra per arrivare in EL deve vincere le partite, sennò si finisce per pareggiarle tutte e non si ottiene nulla. In questo credo ci sia un cambio di mentalità ben evidente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. RDS- toromaremmano - 2 mesi fa

    Vatta, un signore del calcio, che conosce il calcio giovanile e non solo come pochi altri in Italia, su Ventura non mi sembra che ci abbi messo del suo, ha solo raccontato la realtà dei fatti, non pensò che se uno esprime un giudizio non a favore o vede le cose in un altro modo deve per forza aver avuto delle ruggini von il personaggio su cui si esprime.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alberto Fava - 2 mesi fa

    Vatta e’ stato un grande, forse il più grande Allenatore di squadre giovanili, ed il più grande scopritore di Talenti veri.
    A volerli ricordare tutti non ci si riuscirebbe.
    Credo che su Mihailovic e sull’evoluzione odierna del Toro abbia completamente ragione, come si fa a dissentire?
    Mi tengo solo qualche riserva sul trattamento che ha servito a Ventura.
    Dati alla mano, piaccia o non piaccia il lavoro di Ventura ha riportato il Toro stabilmente in serie A dal limbo dov’era precipitato, e questo non è il punto di vista del Tifoso Alberto, e la verità, ormai storia.
    Quindi con tutta l’ammirazione ed il rispetto che ho sempre avuto e sempre avrò per Vatta, non ho davvero capito questa sua “bordata” contro Ventura, e dico sul serio.
    Magari hanno avuto delle ruggini tra di loro che a noi sono sconosciute.
    Comunque mi spiace leggere delle polemiche ” in famiglia” a questi livelli.
    Fosse al bar, o tra Tifosi passi, ma così no, fa male.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. The Mtrxx - 2 mesi fa

    Grande Vatta, Cairo e Petrachi dovrebbero arruolarti come consigliere, parole sante, che condivido, TUTTE, sono solo un pelo piu’ entusiasta su Barreca di te!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. sysma_558 - 2 mesi fa

    Magari se Ventura avesse avuto l’attacco di quest’anno e barreca le cose in attacco e nella qualità del gioco offensivo sarebbero andate in maniera diversa. Mi spiace ma non sono d’accordo con carta nemmeno sulla considerazione sulla nazionale. Ventura è un grande mister!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. The Mtrxx - 2 mesi fa

      mamma mia ma come vi ha conquistati GIanpiero? Con le conferenze stampa?

      E’ riuscito pure a dire che poteva vincere con la Spagna, e’ ormai un disilluso, un matto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. antijuve - 2 mesi fa

        Daccordo con te

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. RDS- toromaremmano - 2 mesi fa

        Praticamente nella conferenza stampa ha fatto credere a milioni di italiani, che abbiamo dominato per 90 minuti e soli per sfortuna non abbiamo vinto…..di goleada.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mik - 2 mesi fa

      Se…se…se…se le vittorie arrivassero solo con i “se” il toro oggi avrebbe 50 scudetti e non 7!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy