Toro: il dramma-Astori evita la contestazione, ma ora per il rilancio c’è la Roma

Toro: il dramma-Astori evita la contestazione, ma ora per il rilancio c’è la Roma

Approfondimento / La Serie A si ferma dopo la morte improvvisa del capitano della Fiorentina. Ecco come cambiano i piani del Torino

di Nicolò Muggianu

Una notizia tragica e inaspettata quella che è arrivata intorno alle 12,15 di domenica scorsa: è venuto a mancare Davide Astori. Un vero e proprio fulmine a ciel sereno che inevitabilmente ha scosso tutta la Serie A e, più in generale, l’Italia calcistica e non. Tutte le gare in programma il 4 marzo sono state rinviate. Il mondo del calcio però non si ferma e deve ripartire in condizioni difficili e dolorose. “La 27° giornata si recupererà tra martedì 3 e mercoledì 4 aprile” ha dichiarato ieri Giovanni Malagò (LEGGI QUI), stravolgendo di fatto i piani e i calendari di molte squadre della massima serie.

SCOSSA – Ma come cambiano i piani del Torino? Per vedere in campo i granata contro il Crotone innanzitutto bisognerà attendere circa un mese. Una condizione che complica ulteriormente il cammino della squadra di Walter Mazzarri. L’ultima settimana infatti è stata vissuta in modo piuttosto tribolato da squadra e tifosi. I supporter granata, scontenti dopo gli ultimi risultati sportivi, si sono fatti sentire: prima il confronto diretto con la squadra dopo la sconfitta di Verona (LEGGI QUI), poi i cori e i petardi esplosi durante l’allenamento a porte aperte di martedì e infine l’eloquente striscione appeso sulle mura esterne dello Stadio Filadelfia. “Chiacchiere e illusioni, ci siamo rotti i c…” queste le parole comparse sabato sera sulle pareti dello storico impianto sportivo. Non ci sono dubbi: la pazienza è arrivata al limite e ora i tifosi si aspettano risposte. Risposte che sarebbero dovute arrivare domenica scorsa contro il Crotone e che invece dovranno inevitabilmente arrivare contro la Roma. Insomma, la situazione umorale della piazza resta la stessa, ma è l’occasione del rilancio ad essere ben più complicata.

PRO E CONTRO – Intanto tra i giocatori granata regna lo sconforto. La scomparsa di un amico e collega è sempre un boccone troppo amaro da mandar giù in così poco tempo ma, nel rispetto di tutti, è necessario tornare a correre e lavorare. Come detto, nel prossimo impegno di campionato il Torino incontrerà la Roma all’Olimpico: una trasferta complicata, in cui i ragazzi di Mazzarri dovranno dare segni di vita ben maggiori di quelli soltanto intravisti al Bentegodi. E se sarebbe stato forse più semplice aspettarsi un risultato positivo contro il Crotone, a Roma la situazione si complica. La squadra di Di Francesco è reduce dalla strepitosa vittoria del San Paolo contro il Napoli e vuole confermarsi tra le principali pretendenti alla corsa-Champions. Venerdì prossimo però non sarà facile: i giallorossi dovranno fare a meno degli squalificati Dzeko e Fazio (LEGGI QUI), oltre a De Rossi (infortunato), e si troveranno di fronte a un Torino con una grande necessità di vittorie. Proiettando lo sguardo al futuro però, anche lo spostamento del match contro il Crotone potrà portare alcuni benefici: innanzitutto Mazzarri recupererà pedine fondamentali come Rincon e Burdisso (l’argentino, squalificato, salterà la prossima partita contro la Roma), e la squadra avrà anche l’occasione di recuperare sia dal punto di vista fisico che psicologico.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13746076 - 6 mesi fa

    Speruma bin… Ma la vedo dura, anzi durissima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ater64 - 6 mesi fa

    Pedine fondamentali !!! l elite del calcio!!!! un cesto di pere e via andare . Seguiranno i piagnistei del Piangina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Wendok - 6 mesi fa

    mmmmh…. credo che il torino o meglio i suoi giocatori, saranno auelli che più si ogni altra squadra nella FIGC accuserà emotivamente la morte di Astori. così la giustifica di una ennesima prestazione indegna sarà servita

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy