Il Maestro batte un colpo

Il Granata Della Porta Accanto / Quella difesa a cinque, un enorme sforzo per un “talebano” come Giampaolo, fa ben sperare…

di Alessandro Costantino

Dopo gli zero punti delle prime tre partite, sinceramente ciò che speravo di veder fare al Toro in questa trasferta emiliana era di battere un colpo, finalmente, e di dimostrare di essere vivo ed in grado di invertire una rotta che non può piacere a nessuno di noi tifosi. Francamente mi interessava poco dell’avversario perché in serie A ogni partita è difficile e ogni avversario è potenzialmente letale a prescindere dal blasone o dalla momentanea classifica che si porta dietro: Sassuolo, Fiorentina, Atalanta o Cagliari fa poca differenza se non giochi al meglio delle tue potenzialità con quel giusto mix tra grinta e qualità. La serie A è questa, non dobbiamo stupirci: tolte le prime, le altre squadre sono in un fazzoletto di punti e terminano il campionato con distacchi minimi. Tra l’ottava e la sedicesima ci saranno tre o quattro partite su trentotto finite con esito opposto. È un appiattimento verso il basso dove le mille variabili del calcio condizionano nel bene o nel male i risultati di squadre che nella maggior parte dei casi si equivalgono.

REGGIO NELL’EMILIA, ITALY – OCTOBER 23: Andrea Belotti of Torino FC celebrates after scoring his team second goal during the Serie A match between US Sassuolo and Torino FC at Mapei Stadium – Città del Tricolore on October 23, 2020 in Reggio nell’Emilia, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Il Toro di Reggio Emilia ha battuto un colpo e torna a casa con due punti in meno, ma con una piccola dose di consapevolezza in più, anzi in realtà con delle consapevolezze che fino alla partita col Cagliari non sapeva di avere. Prendere due gol in due minuti e farsi rimontare sul 1-3 a dieci minuti dalla fine è una brutta botta, ma anche fare tre gol è una bella iniezione di fiducia per una squadra che dovrebbe fare del gioco offensivo il marchio di fabbrica del suo mister. I dati finora ci dicono che il Toro è una squadra che fa quasi due gol a partita e ne subisce quasi tre: quando il dato si invertirà si potrà allora dire che la mano di Giampaolo su questa squadra si vede eccome. Al momento il colpo che ha battuto il Maestro, come tra il serio ed il faceto è soprannominato il tecnico ex Samp e Milan, è stato quello di “abiurare” per una ventina di minuti nel finale della partita al suo dogma della difesa a quattro, inserendo Nkoulou e passando ad una retroguardia a cinque: un piccolo passo per chiunque di noi, si potrebbe dire, ma un enorme sforzo per un talebano come Giampaolo. Al di là dell’efficacia tattica della mossa (le squadra dall’1-1 si è portata sull` 1-3 per poi crollare e farsi rimontare sul 3-3 in due minuti) quello che è da rilevare è la prontezza del mister nel voler cercare a tutti i costi, anche andando contro la propria natura, di ottenere dei punti, vitali in questo momento per dare ossigeno al suo progetto. Sulla serietà della persona Giampaolo nessuno può nutrire il benché minimo dubbio e da ieri sera anche il Giampaolo allenatore ha conquistato punti agli occhi degli scettici come me (non ho problemi ad ammettere di essere uno di loro…).

REGGIO NELL’EMILIA, ITALY – OCTOBER 23: Marco Giampaolo head coach of Torino FC shankes hands with Roberto De Zerbi head coach of US Sassuolo during the Serie A match between US Sassuolo and Torino FC at Mapei Stadium – Città del Tricolore on October 23, 2020 in Reggio nell’Emilia, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

LEGGI ANCHE: AAA Ottimismo cercasi

Ciò che mi fa vedere la luce in fondo al tunnel è proprio la svolta che il mister ha dato a sé stesso: quella difesa a cinque è stato come voler dire “ho le mie idee, vado dritto per la mia strada, ma non sono folle e se per continuare il mio lavoro e portare avanti il mio progetto è necessario badare anche un po’ alla concretezza non ho problemi a farlo”. Non mi voglio illudere che la strada da adesso si metta in discesa, tutt’altro, ma sono sicuro che qualcosa è scattato nella testa di tutti: dei giocatori che finalmente sono usciti dal campo con un risultato positivo, del mister che ha dimostrato di saper tirare fuori le unghie nonostante il suo aplomb inglese e dei tifosi che hanno visto il Toro meritare maggiormente la vittoria rispetto al lanciatissimo Sassuolo di De Zerbi. Un brodino caldo per tutti per cercare di rimettere in piedi il “malato” Toro…


Da tempo opinionista di Toro News, do voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita.

Disclaimer: gli opinionisti ospitati da Toro News esprimono il loro pensiero indipendentemente dalla linea editoriale seguita dalla Redazione del giornale online, il quale da sempre fa del pluralismo e della libera condivisione delle opinioni un proprio tratto distintivo.

33 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ardi - 1 mese fa

    Mi sembra molto grave il fatto che non sia stato rinnovato ed adeguato il contratto al Gallo. La vedo male, spero di sbagliarmi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi - 1 mese fa

    Scusate non so cosa Vagnati abbia detto su Giampaolo nel pre partita. Qualcuno me lo può dire per favore ? GRAZIE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. mah... - 1 mese fa

    Il Maestro batte un colpo…il bel Presidente invece batte…batte parecchio…mamma mia quanto batte…batte nuove piste…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bloodyhell - 1 mese fa

    abbiamo un problema serio,ed è la fase difensiva. prendiamo troppi gol, e su questo non credo conti molto la campagna acquisti. Il toro non ha difensori così scarsi da far pensare sia normale prendere 2/3 gol a partita, e sempre con la costante angoscia di poterne prendere di più. Ho visto abbastanza partite nella mia vita, che mi porta a ritenere come non sia, al momento, un problema di non aver dato a giampaolo i giocatori giusti che noi si sta supponendo siano stati richiesti. Nessuno ha mai messo in dubbio le qualità di sirigu, e non credo proprio che il mister avesse chiesto un altro portiere. Eppure due evidenti errori di sirigu ci sono costati tre punti. E’ evidente che ci sono altri problemi non legati al mercato deficitario, ed è altrettanto evidente come questo allenatore ancora non ne sia riuscito a venire a capo. A mio paere bisogna dargli tempo, ma questo non può essere infinito.Perchè il bene del toro viene prima dei discorsi da salotto o da bar

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Csko69 - 1 mese fa

    al di là del dolore di essersi fatti recuperare, ho visto tanti di quei miglioramenti (finalmenete si è rivista una Squadra, vivaddio!) che sono decisamente fiducioso per il futuro…insomma, non si può pretendere che un malato grave da un giorno all’altro riprenda subito a correre…unica nota che mi permetto, da non tecnico, è che visto il dispendioso lavoro che è previsto per le mezze ali, qualche cambio prima l’avrei fatto, in particolare Segre per Meité, che sta migliorando ma 90 minuti non li regge proprio…e speriamo nel recupoero mentale di San Salvatore…SEMPRE FORZA TORO!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Torosempre - 1 mese fa

    Ottimo articolo. Avrei solo da eccepire sul livellamento verso il basso. Con le stesse motivazioni potrebbe essere verso l’alto o il medio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Maroso - 1 mese fa

    Le responsabilità della società sulla mancata trasformazione della squadra sono chiare ed evidenti. Numerosi gli alibi, ma non contano. Guardando la attuale realtà e partendo dal Sassuolo, credo che si possa dire che Giampaolo per tenere a galla il Torino, e se stesso, sia sceso momentaneamente a qualche compromesso, a qualche impostazione che i suoi giocatori sanno fare. Ma a poco a poco, fatti alcuni punti e quando alcuni saranno in forma, credo vedremo una metamorfosi sul Torino che si conformerà alle idee di Giampaolo. Quanto a gennaio non c’è da aspettarsi spese, ma qualche cambio forse si, sperando che aiuti il Toro e Gimapaolo. IN quanto a Giamoaolo versione specchietto per le allodole, francamente mi sembra un pò kafchiana e improbabile.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mimmo75 - 1 mese fa

    Si sta tessendo intorno a Giampaolo una tela che non mi piace per confezionargli un abito che non merita. Il tutto a beneficio di colui che ha la piena responsabilità di quel che sta succedendo e di quel che succederà, nel bene e nel male: Urbano Cairo. Non capisco il senso di articoli del genere che pian piano, sottovoce ma con la forza della goccia d’acqua che batte sulla roccia, sposta lentamente il mirino dalla società al mister, la cui unica pecca è quella di essere coerente con se stesso e con gli altri. Evidenziare in positivo il fatto che abbia, per la prima volta nella sua vita professionale, utilizzato la difesa a tre equivale a mostrare al pubblico il dito e non la luna. La vera domanda è: perchè lo ha fatto? Cosa è stato così urgente da portare Giampaolo a farsi violenza? E’ dovuto venire al Toro, ha dovuto farsi andar bene le promesse fatte e non mantenute da Cairo, ha dovuto ingoiare il rospo di un Vagnati che nel prepartita (e a questo punto chissà in privato cosa ha detto al mister) di Sassuolo, in tv, gli ha tirato le orecchie. A me non sfugge che a ogni intervista il mister sottolinea e ribadisce di aver parlato chiaro con la dirigenza su quel che avrebbe significato assumerlo: necessità di avere molto tempo a disposizione e calciatori con determinate caratteristiche, altrimenti (parole di Giampaolo in diretta Sky) “è inutile ingaggiarmi”. E allora questo articolo, nel mettere al centro il passaggio alla difesa a tre, avrebbe dovuto approfondire le cause invece di ricamare su mister, tifosi e calciatori, ristorati da un “brodino caldo”. Non una parola sulla società in questo articolo, cioè sulle scelte e sulle parole, sulle azioni e sulle mancanze che hanno messo Giampaolo in un angolo a doversi arrangiare senza un vero 3/4 (dopo aver trattato fino all’ultimo secondo Ramirez), senza un vero play (dopo esser volati a Londra per Torreira, sperandoci fino alla fine) e senza quel difensore alla Andersen (non uno qualsiasi, quindi) a lungo cercati. Se uno che si vanta dell’essere talebano va contro se stesso, dimostra sicuramente di non essere, in fondo, uno scriteriato, dimostra di avere a cuore le sorti della squadra che allena, ma affigge anche un manifesto grande così’: la società mi ha lasciato nella merda fino al collo, al punto che se non agisco affogo. Non illuda il barlume di gioco intravisto (anche per colpa della nebbia) a Sassuolo. Il segnale è ottimo dal punto di vista dell’applicazione da parte della squadra, che si impegna per seguire i dettami del mister e a tratti ci riesce, ma che deve fare i conti con la mancanza di alcune pedine tattiche chiave in mezzo al campo. Giampaolo sta facendo già i miracoli e sentire Vagnati parlare in quel modo prima di una partita delicatissima, in un momento delicatissimo e dopo aver tradito la fiducia del mister è qualcosa che fa montar dentro una rabbia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

      Non ti preoccupare Mimmo, nella consapevolezza del tifoso attento nulla è cambiato nei confronti della dirigenza. Il mister però è un altro paio di maniche, ha chiesto tempo e fiducia e intanto i ragazzi stanno mostrando segnali incoraggianti. Quindi Giampaolo si, senza stare a guardare troppo la classifica per il momento. Cairo e Vagnati no, a gennaio DEVONO metter mano al portafoglio e dare al mister ciò che lui chiede! Di cartone non possono scappare dalle loro responsabilità.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

        “Di certo” e non “di cartone”… ma anche “di cartone” ha quel non so che di attuale e realistico:-D

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Paul67 - 1 mese fa

        Quando mai cairetto ha messo mani al portafoglio a gennaio?
        Poi, sullo scappare dalle proprie responsabilità, gioca in casa è un MAESTRO.
        Gli basta dare la colpa al covid, che per altro incide su tutto e tutti, ed ha sistemato tutto.
        A gennaio se t’aspetti colpi rimarrai deluso,
        Il 01/02/2021, se il mercato sarà d’investimento, ti pago una pizza.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

        Non per tutti è così. Alcuni tifosi avevano già messo in croce Giampaolo ancor prima di iniziare perché voleva doriani o ex doriani…
        Omettendo di scrivere che voleva semplicemente buoni calciatori doriani o ex doriani.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. pupi - 1 mese fa

      Cairo ha ripreso a favellare e ha affermato di aver fiducia in GP. Quindi conoscendolo, a meno di risultati esplosivi, a breve Donadoni o chi per lui siederà sulla panca del Toro. Pronto a scommettere!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

        È peggiorato.. Prima parlava solo dopo le vittorie…. Adesso dopo i pareggi tra un po’ inizierà a parlare dopo le sconfitte onorevoli

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. mah... - 1 mese fa

        Donadoni? Quello che è stato esonerato dopo essere retrocesso nella seconda divisione Cinese e poi ripescato? ELLAPEPPA! Ma Cairo ci ama proprio!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Il Giaguaro - 1 mese fa

    Io mi consolo con vedere di nuovo dieci passaggi di fila ed un numero di tiri in porta pari o superiore agli avversari… Certo non siamo una squadra “a misura” del mister (con Cairo questo non è mai avvenuto, chiunque fosse l’allenatore, facciamocene una ragione e guardiamo oltre). Io sono per dare fiducia al lavoro di Giampaolo (che non sarebbe stata la mia prima scelta, anche se apprezzo la sua filosofia di calcio). La scelta di Verdi seconda punta (avesse fatto almeno un gol, viste le occasioni, il 7 in pagella sarebbe arrivato senza se e senza ma!), il passare a tre dietro nel finale sono state scelte corrette e da allenatore sul pezzo! Alla squadra manca ancora l’attitudine a vincere, la mentalità che fa sì che quando passi in vantaggio diventi difficile farti rimontare; questa si ottiene solo vincendo o acquistando giocatori abituati a vincere che la portino con loro. Mancando i secondi, sarà importante cominciare a vincere ! FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Fb - 1 mese fa

    Guardate che si chiama Gojak

    Non e’ Goku!!!

    A leggere i commenti, sembra che vi aspettiate un supereroe

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. subcomandante - 1 mese fa

    La maggior parte è troppo agiata. Compreso me. Quindi veniva già voglia di mandarlo a cagare. Ma ragioniamo : 1) è dalla fine del girone di andata scorso che ogni partita giocata era peggiore di quella prima…eravamo oltre il fondo. 2) ci deve essere una specie di depressione cronica in questa squadra da mesi e mesi che porta a paura e insicurezza. 3) da quest’anno lavorare con covid..positivi in squadra.. é sicuramente complicato per tutti. Tanti sono stati via 15 gg con le nazionali..4) questo sembra sia un allenatore che vuole provare qualcosa di più del palla lunga e pedalare quindi ci va un po’ più di tempo.
    Detto questo la partita con il Sassuolo è stata un mezzo miracolo, lasciamo stare il risultato, da quando è che non si vedevano 5 o 6 occasioni tra gol e possibili gol ed un gioco ? Magari serve ad invertire piano piano la tendenza.. Io gli do fiducia totale fino alla fine del girone di andata. Poi si vedrà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. subcomandante - 1 mese fa

      Era ” troppo agitata ” non agiata .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Il_Principe_della_Zolla - 1 mese fa

    Talebano, integralista, maestro… che barba, che barba! Aveva ragione Gaber, siamo condannati a rimanere congelati nella testa degli altri. Non abbiamo nemmeno visto dieci partite, e sempre si condisce ogni nota o notarella con quattro parole d’ordine usate come passepartout. Verità vuole che nel poco che abbiamo potuto vedere c’è stato più tattica e calcio giocato che negli ultimi anni. Sarebbe ora di smettere i pregiudizi e le idee preconfezionate e parlare di calcio, almeno da parte degli addetti ai lavori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 1 mese fa

      bravo!!! forza Giampaolo!!! forza Toro!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    Non ero un grande estimatore di Gianpaolo e su certe scelte sono ancora scettico, ma di certo non ha colpe sul nostro pessimo avvio di campionato. Ha subito un calciomercato al risparmio e non ha ricevuto nè un regista nè un trequartista (in attesa di vedere Gojak, che resta una incognita ). La mezza punta Bonazzoli non è certo una prima scelta e si trova pure con alcuni giocatori che volevano andare via..
    In più non ha avuto modo di fare una preparazione e ha giocatori abituati con un altro schema di gioco.
    Se da tutto ciò riuscirà a ottenere una squadra da metà classifica sarà già un piccolo successo. Se andrà meglio, avrà fatto un gran lavoro.
    La verità è figlia del tempo. Staremo a vedere.

    Ad ogni modo nè la società nè i giocatori potranno quest’anno incolpare i tifosi allo stadio. Che non ci sono con i loro fischi assordanti.
    Infine, una nota per chi cerca giustificazioni incolpando i vari allenatori: Belotti, se in forma fisica, ha sempre segnato e giocato bene con tutti i mister che lo hanno allenato. A due punte, a tre. da solo, con rifinitore o senza. Mai in discussione e sempre in doppia cifra. Se hai voglia e sei forte il mister conta fino a un certo punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Paul67 - 1 mese fa

    Il problema nn è il Maestro….
    Abbiamo un problema da 15 anni.
    Anche al Giro ogni tanto compare un bel:
    CAIRO VATTENE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Cup - 1 mese fa

    Un supergol ed un golazzo ci hanno rovinato la festa, altrimenti saremmo qui a fare commenti ben diversi ed a parlare di un Toro rinato. Resto comunque dell’idea che il Toro, a sprazzi, ha fatto vedere buone cose in ogni gara, ed ora quegli sprazzi sono diventate fasi. Se non ci capitano cose strane, penso che fra un mese potremmo essere una squadra che giocherà bene e riuscirà a vincere diverse gare. Non mi spaventa l’ultimo posto se vedo progressi costanti. Andrò controcorrente, ma per me ieri Verdi è stato positivo. I gol si sbagliano, ma prima o poi si smette anche di sbagliarli. L’importante è crederci. Ricordate il girone di andata del Gallo al suo primo anno al Toro? Un solo gol con il Bologna e tutti a dire che era uno che non sapeva segnare. Verdi seconda punta potrà fare sugli 8 gol e aiutare il Gallo ad arrivare a 20!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

      Quoto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Cuore granata 69 - 1 mese fa

    Ma lasciatelo lavorare..tra qualche settimana vedremo..mi sembra una persona per bene, preoarato e stimato dagli altri colleghi,anche in campo mai un gesto fuori posto mai una lamentela a differenza di altri che piangono ogni 3 x 2,già il secondo tempo col cagliari meritava di più..il pari ci stava..ieri se non trova quel gol chirichesc saremmo qui a parlare molto probabilmente di una vittoria..non guarda in faccia nessuno da brener a Nkoulou se devi stare in panca questo ti mette..premia il lavoro settimanale e per me è una buona cosa..tiene tutti pronti per giocare..poi i risultati giudicheranno il lavoro come sempre..ma qualcosa di meglio lo si è visto,ha avuto un mercato lui dice da 10 ma non al altezza e tutti lo sappiamo lui per primo..aver snaturato ieri il suo credo è sininimo di intelligenza..purtroppo non ha portato i 3 punti ma almeno adesso sappiamo che,non è così fisso come dicevano,sa che per far risultato ora se deve passa e a 3 dietro lo fa e comunque diciamo anche che comtro violalavorarezta non ha potuto svolgere allenamenti normali causa covid..ma solo preparare la partita il giorno prima..nella preparazione non ha potuto fare le amichevoli che voleva sempre causa covid..gli mamca qualche giicatore sempre per covid,quindi neanche fortunato da quel lato.Lasciamolo lavorare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cuore granata 69 - 1 mese fa

      Contro viola e Atalanta ha avuto problemi di giocatori col covid e ha preparato le partite a grupetti intendevo scrivere wui sopra..non proprio il massimo..ma non si è lamentato più di tanto come avrebbero fatto molti altri..su questo bisogna dargli atto oer ora una persona coretta e onesta6.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Messere Granata - 1 mese fa

    Voglio credere in Giampaolo e ho degli elementi concreti per sostenerlo. Qualche esempio? Avete notato che Belotti non torna più nella nostra area, sfiancandosi anche in faticosi recuperi nella nostra metà campo? Con Giampaolo ha già fatto 5 goal e tentato molte conclusioni, anche di testa, perché è più fresco e più lucido anche nel gestire la palla. E lo scatto e l’assist per il goal di Lukic? Bravo Gallo e bravo Giampaolo. Lukic ha la velocità e i piedi adatti per gli inserimenti e non potrà che crescere. E Verdi? Ora gioca più vicino alla porta. Ha sbagliato, è vero, ma se fosse stato più lontano non ci avrebbe neanche provato. Migliorerà. Vedo insomma molti segnali positivi che, con il tempo ed il lavoro, faranno crescere l’affiatamento e le prestazioni della Squadra. Anche in difesa. Le idee di Giampaolo meritano il sostegno di tutti. Vinceremo e perderemo, però giocando finalmente a Calcio dopo anni di noia mortale. E ora voglio vedere Gojak. Hai visto mai che….. Forza Toro e forza Giampaolo!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. draker - 1 mese fa

    Gli abbiamo schiacciati
    É impossibile che nessuno abbia visto questo
    Sto gaggio di de Zerbi ha la fortuna di allenare una provinciale e non gli hanno mai rotto i coglioni
    Se era a Torino con sti depressi di tifosi
    Non sarebbe durato 2 settimane..
    Vai maestro che porti un bel gioco a Torino
    E non ascoltare sti poveri infelici
    C’erano anche a bilbao io arrivavo da gran canaria dove vivo e gli detto in maniera ben incazzatta … qua si tifa toro é si sogna con questa squadra meravigliosa
    Se non coleta cantare e appoggiare la squadra
    Andate a fare in culo…
    Gli abbiamo schiacciati al Sassuolo
    Punto e basta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. sigfabry - 1 mese fa

    Gli articoli di questo redattore magari non brillano per originalità, ma comunque possono essere utili, sembrano i temi della prima media
    Tema: ” Racconta la tua settimana di vacanza ”
    Il suo invece è : “Racconta l’ultima settimana del Toro”
    Nell’eventualità che per impegni vari non si possa seguire la squadra per qualche giorno, con soli 5 minuti ti leggi il suo articolo e ti aggiorni.
    Un Bignami del Toro
    Potrebbe tranquillamente essere
    Il Mimmo della porta accanto
    Forza e Coraggio Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toro Loco - 1 mese fa

      O il vannino della squadra accanto.. “Pensierino per la zia.. Che succede a venaria?” 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. user-14287754 - 1 mese fa

    dai ragazzi dai mister rialziamo la testa basta sistemare la difesa poi ci pensa il gallo anzi il meraviglioso gallo!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Guevara2019 - 1 mese fa

    Beccarsi due goal a 10 minuti dalla fine,pazienza il primo con il goal della domenica che difficilmente ripeterà quel fenomeno,ma il secondo è da pesci allo stato puro.
    Mi auguro che quella di ieri sia stata la partita della svolta,effettivamente non mi ricordo da molto tempo un Toro così bello e concreto,nonostante la nebbia,con i due goal mancati da Verdi ora avremmo tre punti in classifica e con un morale alle stelle,ma è andata così.
    Ora la Lazio,davvero un test di verifica e di conferme di ciò che si è visto a Reggio Emilia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy