Chi era il tedesco di Brianza?

Nel Segno del Toro / Torna l’appuntamento con la rubrica di Stefano Budicin, che ci racconta un altro personaggio granata

di Stefano Budicin

Riuscite a ricordare quale personaggio della storia granata fosse stato soprannominato in questo modo? Il senso del nomignolo è il seguente: italiano nel cuore ma tedesco nella caparbietà, ai limiti della cocciutaggine. E se l’accostamento del termine teutonico all’area geografica lombarda è quanto mai curioso, ancora di più lo è in riferimento alla figura di Luigi Radice.

Allenatore cocciuto e caparbio, innamorato della perfezione da raggiungere a qualunque costo e a prezzo di un lavoro inesauribile: ecco Gigi Radice, un uomo che portò i granata a conquistare lo scudetto nella stagione ’75-’76. Una figura che ancora oggi è ricordata con enorme gratitudine, affetto e devozione dalla maggior parte dei tifosi del calcio nostrano, che riconoscono in lui un professionista di insindacabile serietà.

LEGGI ANCHE: Gli anni ’70 del calcio granata

Aveva cominciato la sua carriera da agonista nel Milan, anno 1953, appena diciottenne. Si fece notare come centrocampista abile nelle corse. Prima ancora che possa davvero dimostrare appieno il talento che lo contraddistingue, Radice subì un infortunio pesantissimo al ginocchio, e fu costretto a ritirarsi da professionista. Ma a nulla possono le avversità, contro il cuore di un fuoriclasse. E Radice fuoriclasse lo era tanto di gambe quanto di testa. Infatti fu proprio la testa, e la sua conoscenza del gioco, che spinse il Tedesco di Brianza a seguire la strada dell’allenatore. Cominciò con la Brianza, in serie C, ma gli ci volle poco per accedere alla categoria successiva. Finì al Treviso e al Monza e poi al Cesena. Quando Orfeo Pianelli, presidente del Torino durante la metà degli anni ’70, volle ricreare il mito granata, non ci pensò due volte a chiamare Radice al comando della squadra.

Gigi Radice insieme a Junior

E l’allenatore si dimostrò subito un grandissimo stacanovista: metodi duri di allenamento, costanti e massacranti, che si rivelarono efficaci. Radice badò tantissimo a che si creasse uno spirito di squadra compatto e uniforme, plasmato sotto il segno di un reciproco rispetto. Puntare tutti a un unico obiettivo, concentrarsi e dare il massimo per raggiungerlo, non importa quali siano le circostanze in ballo: una massima che Radice ricavò senz’altro dal celebre “palla avanti e pedalare” dell’indimenticato Mario Sperone. E che si rivelò vincente sopra ogni dire.

LEGGI ANCHE: Gli anni ’60 del calcio granata

Il Toro ingranò subito e conquistò lo scudetto dopo la partita tenutasi contro il Cesena il 16 maggio 1976, che si concluse con un pareggio. Per l’occasione, Paolo Frajese, inviato della Domenica Sportiva, domandò a Radice come mai avesse lasciato il campo di fretta, rosso di rabbia. “Perché questa partita dovevamo vincerla: avremmo stabilito un nuovo record di 15 vittorie su 15 in casa e fatto meglio anche del Grande Torino, ecco perché”.


Laureato in Lingue Straniere, scrivo dall’età di undici anni. Adoro viaggiare e ricercare l’eccellenza nelle cose di tutti i giorni. Capricorno ascendente Toro, calmo e paziente e orientato all’ottimismo, scrivo nel segno di una curiosità che non conosce confini.

Attraverso le sue rubriche, grazie al lavoro di qualificati opinionisti, Toro News offre ai propri lettori spunti di riflessione ed approfondimenti di carattere indipendente sul Torino e non solo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Maver - 2 settimane fa

    Ciao Gigi, ho visto giocare il tuo TORO… uno spettacolo!!! Hai perso un campionato con 50 punti su 60; gli innominabili a righe ne hanno fatto uno in più… Che dire, dopo di te solo Emiliano… Ti ricorderò per sempre, ciao Gigi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy