L’eterno Capitano: 102 anni di Valentino Mazzola

Figurine / La leggenda granata che solo il fato vinse

di Redazione Toro News

Per noi bambini il Grande Torino era una festa perenne che ci faceva dimenticare gli stenti del dopoguerra: al Fila strapazzava gli avversari e quando capitava una domenica storta, Valentino guardava verso le tribune e con un cenno invitava il trombettiere dello stadio, Oreste Bolmida, a suonare la carica. Il capitano si arrotolava le maniche e partiva il ‘quarto d’ora granata’, con gol a grappoli, come nella rimonta alla Lazio: da 0-3 a 4-3“. Queste parole non sono attribuibili a nessuno di preciso. Potrebbero averle dette o pensate chiunque abbia visto dal vivo quella magnifica squadra, di cui Valentino era il capitano, il condottiero, colui che guidava la squadra e scaldava i cuori dei tifosi, colui che cambiava le partite e, per molti ancora oggi, il giocatore italiano più forte di tutti i tempi. Il palmarès di Mazzola parla da solo: 5 scudetti e 2 Coppe Italia (una col Torino e una col Venezia), capocannoniere del Campionato italiano nel 1946-1947 e capocannoniere della Coppa Italia nel 1942-1943, oltre all’onore di essere per ben 2 anni il Capitano anche della Nazionale. Eppure non sono i numeri a raccontare chi è stato Valentino Mazzola.

LEGGI ANCHE: Sandro Mazzola: “Padre Pio tifava Toro e stimava molto mio papà

Valentino è stato un eroe sportivo e non solo. Condottiero di una squadra che ha dato speranza. Un uomo leale e di parola, tanto da volare in Portogallo per mantenere la promessa fatta a Ferreira. Icona mondiale, tanto che José Altafini in patria fu ribattezzato ‘Mazzola’ proprio per la somiglianza con il capitano del Grande Torino. È stato il padre costituente della Costituzione granata. Prima legge: “Il sudore è un dovere nei confronti dei tifosi. Ripagate sempre il loro amore con l’impegno e la dedizione“. Se il Toro è glorioso si deve anche a lui.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. extremoduro - 1 mese fa

    La fascia del capitano del Torino dovrebbe portare sempre scritto il nome Valentino Mazzola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marchese Granata - 1 mese fa

    Grande Capitano, perdona “loro” perché non sanno quello che fanno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FuriaGRANATA - 1 mese fa

    Per sempre nella storia.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Emilianozapata - 1 mese fa

    Valentino, ovunque tu sia, avrai capito che quello che stai vedendo non è il vero Toro. È la mostruosa proiezione dell’egolatria di un imprenditore della pubblicità che si è messo in testa di capirne di calcio. Una parodia. Un riflesso deformato. Spero che il tuo fantasma tormenti il sonno di chi sta calpestando la Tua, la nostra gloriosa maglia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fabrizio - 1 mese fa

    E avrebbe preso a Calci urbano ed i suoi leccapiedi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy