Giudice sportivo, Lyanco salta Napoli: un turno di squalifica per somma di ammonizioni

Decisioni / Il difensore brasiliano non prenderà parte della trasferta al “Diego Armando Maradona”

di Redazione Toro News

Il brasiliano Lyanco non ci sarà al “Diego Armando Maradona” di Napoli per squalifica. Un turno di stop per lui. Lyanco è stato ammonito contro il Bologna, raggiungendo quota cinque cartellini gialli. E’ scattata così automatica la squalifica di un turno, ufficializzata stamane dal giudice sportivo. Con Lyanco fermati per un turno Kessie del Milan e Marrone del Crotone. Nessun nuovo giocatore del Torino è entrato in diffida dopo Torino-Bologna.

LEGGI ANCHE: Torino, con Valeri l’unica vittoria in questa Serie A. Ma in passato quante polemiche

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. altoro - 1 mese fa

    Personalmente ho preso specifiche informazioni relative al Giudice Sportivo della Federcalcio nazionale Gerardo Mastrandrea. “Il Fatto Quotidiano ” annuncia che egli è un grande amico personale di Denis Verdini, quindi con importanti agganci nei poteri forti della politica nazionale, che hanno arrecato conseguente beneficio all’ascesa della sua carriera. Infatti il Giudice Sportivo romano è in carica da poco più di quattro anni ossia con decorrenza Ottobre 2016. Pare che egli sia inviso ai tifosi partenopei avendo recentemente inflitto al Napoli la sconfitta a tavolino per 0-3 con l’aggiunta di un punto di penalizzazione in classifica in occasione della partita, peraltro mai disputata lo scorso Settembre contro i gobbi della Juventus, in quanto la squadra del Napoli non si presentò presso l’impianto dell’Allianz Stadium in seguito ad una delibera notificata dalla Azienda Sanitaria Locale di Napoli causa Covid 19.
    A questo punto personalmente deduco che Mastrandrea abbia scontato deliberatamente lo scorso Venerdì 1/2 turni di squalifica al capitano del Napoli Insigne, peraltro contravvenendo senza pudore a quanto il Regolamento dell’AIA prevede nel caso specifico dei turni di squalifica da comminare al capitano Lorenzo Insigne, in quanto attualmente lo stesso soggetto ha ancora un contenzioso in sospeso con la Società partenopea del patron DeLaurentis. In ogni caso il mio commento personale finale rimane identico a quello del precedente post personale : VERGOGNA !!! Amen. Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. altoro - 1 mese fa

    La squalifica di Lyanco è automatica per la somma di ammonizioni accumulata nel tempo. Nel caso specifico la Giustizia Sportiva applica il Regolamento previsto in essere. Tuttavia, ribadisco, l’autentico scandalo è costituito dalla sentenza del giudice sportivo romano Mastandrea, il quale venerdì scorso infligge soltanto un turno di squalifica al capitano del Napoli, Lorenzo Insigne. In occasione di Inter – Napoli della scorsa settimana Insigne rivolge un plateale “vaffa … ” all’arbitro che decreta un calcio di rigore alla formazione nerazzura. Il Regolamento prevede due turni di squalifica al “calciatore che proferisce frase ingiuriosa nei confronti del direttore di gara”, come recita testualmente, con l’eventualità di un terzo turno aggiuntivo di squalifica nel caso specifico il calciatore, reo dell’offesa, è il capitano della squadra.
    Ebbene il Giudice Sportivo romano Mastandrea interpreta a sua assoluta discrezione e piacimento il Regolamento, quindi totalmente senza pudore nè tantomeno vergogna, ed infligge soltanto un turno di squalifica allo stesso Insigne, peraltro già scontato ieri sera in occasione di Lazio-Napoli. E’ un dato assolutamente oggettivo che si tratta di una colossale ingiustizia. Mai come in questa specifica circostanza si conferma il dogma assoluto che “la Legge si applica con i nemici, al contrario si interpreta semplicemente con gli amici”. Il giudice sportivo romano Mastandrea applica scrupolosamente tale dogma, ribadisco, senza pudore nè vergogna, senza che la governance ossia le Istituzioni del calcio nazionale, preposte alla vigilanza, intervengano facendo applicare regolarmente quanto il Regolamento dell’AIA – Associazione Italiana Arbitri – prevede nei suoi vari articoli.
    Personalmente sono convinto che l’attuale misero, ahimè ! sotto l’aspetto tecnico, TORO avrebbe certamente beneficiato dell’indisponibilità dello stesso Insigne mercoledì sera allo stadio Maradona di Napoli, Infatti ieri sera l’attacco del Napoli, privo anche del fuoriclasse belga Martens, è stato davvero anemico. Nell’ottica della lotta salvezza la Società TORINO F.c dovrebbe dare immediata evidenza tramite reclamo scritto agli organi competenti delle istituzioni del calcio nazionale relativamente al manifesto e gravemente scorretto operato del giudice sportivo Mastandrea. Un solo commento personale : VERGOGNA !!! Amen. Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy