Torino-Sampdoria 1-3, Ranieri: “Longo non fa miracoli. Ma farà capire che il Toro è religione”

Post-partita / Al termine della gara ha parlato l’allenatore blucerchiato

di Marco De Rito, @marcoderito

Al termine di Torino-Sampdoria, ha parlato Claudio Ranieri. Di seguito le sue dichiarazioni: “Abbiamo pensato a questa partita, perché per noi era vitale. Vincere al Torino in questo momento, dopo il cambio di allenatore non era semplice. Nel primo tempo dovevamo essere più pratici. Purtroppo alla loro prima occasione hanno fatto gol. La squadra si è abituata a prendere gol e poi a regnare. Sono tre punti importane, meritati. Le sabbie mobili le abbiamo scansate, ma sono sempre vicine a noi. Ramirez? Io ho avuto Totti, Del Piero e anche Zola che sanno calciare le punizioni, sono giocatori che ti alzano il tasso tecnico. Quando ha qualità fa giocare bene i compagni e sa far gol. Non so se ci tiriamo fuori in fretta dalla zona retrocessione, restiamo con i piedi a terra. Mi piacerebbe far sognare i nostri tifosi, che non sono abituati a vivere negli ultimi anni. Dobbiamo sapere che ogni partita è importante e decisiva. Io ho chiesto sin da subito positività, vedo sempre il bicchiere mezzo pieno. Da quando sono arrivato siamo diventati squadra, dopo c’è il campo che ti deve dare delle risposte. Sappiamo che possiamo sempre cadere, l’importante che questa squadra abbia sempre la voglia di rialzarsi”.

Il tecnico è poi intervenuto anche in conferenza stampa allo stadio Olimpico Grande Torino: “Sono contento della prova dei miei ragazzi. Ero contento anche contro il Napoli, forse eravamo stati troppo vogliosi di vincere la gara. Dovevamo portare a casa un punto. Qua dovevamo fare punti, da quando ci sono io solo una volta abbiamo giocato male. Sono molto contento anche del risultato. Dico a Longo che non può fare miracoli, ho letto le sue parole, è una persona positiva che ama il Toro. Farà capire che il Toro è una religione, gli auguro ogni bene.

Ramirez è nevralgico. Sono in una buona condizione fisica tutti i trequartisti. Nel primo tempo eravamo un pochino giudiziosi. Io non avevo chiesto tutto ciò, invece siamo rimasti bassi. Loro facevano girare bene la palla ma senza tirare in porta. Questo vuol dire che la mia squadra è stata serena. Non abbiamo permesso ai tre attaccanti granata di tirare. Un infortunio ha permesso a loro di fare gol. Fortunatamente i ragazzi sono stati determinati a vincere la gara.

Nel primo tempo non siamo stati così precisi, ho ribadito il concetto che stavamo giocando bene. Ho detto a Ramirez di inserirsi senza palla e lui lo ha fatto bene come sempre. Lui è già a quota 5 gol, spero che non si fermi.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxx72 - 10 mesi fa

    Finalmente uno che non ci prende per i fondelli! Grande Ranieri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ALESSANDRO 69 - 10 mesi fa

    La classe e la signorilità non sono doti acquistabili al supermercato, o ce l’hai di tuo oppure nulla..Ranieri è un signore a tutto tondo e ricordandosi di quante volte si è trovato in carriera a gestire situazioni di questo genere ha voluto pubblicamente incoraggiare il collega in difficoltà..Chapeau Mister Claudio…Chapeau….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rimbaud - 10 mesi fa

    Ranieri è davvero un signore, ha avuto una parola anche per rincuorare il suo collega. Non è da tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. peluches - 10 mesi fa

    Un galantuomo!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Thor - 10 mesi fa

    Che il Toro sia una religione è ovvio: ormai più che tifosi sembriamo fedeli in attesa della venuta della salvezza, nella miseria e persino quando tutta la squadra muore! Aspettiamo da generazioni la resurrezione dei nostri eroi invincibili…se non è una religione questa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Stufodellamediocrita' - 10 mesi fa

    Ranieri uomo d’altri tempi.
    La mia stima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Rock y Toro - 10 mesi fa

    Sono con Moreno tutta la vita, ma a noi serviva un mister come questo, vista la situazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 10 mesi fa

      Serve un altra dirigenza con altri obiettivi… possibilmente inerenti al calcio!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Daniele abbiamo perso l'anima - 10 mesi fa

    Un gentleman.
    Spiace che alleni i ciclisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Gian - 10 mesi fa

    Un signore

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy