Toro, preliminari e guai: peggior partenza in A dal 2014/15. Ma il tempo per rimediare c’è

Toro, preliminari e guai: peggior partenza in A dal 2014/15. Ma il tempo per rimediare c’è

Approfondimento / La partenza rallentata dopo i preliminari di Europa League e un finale in crescendo: può essere una lezione per il Toro di Mazzarri

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

L’impresa di Bilbao, il derby vinto in rimonta e una lunga rincorsa per l’Europa League sfumata soltanto a causa del goal annullato a Maxi Lopez contro il Palermo. Parliamo di una delle migliori stagioni vissute dal club granata nell’ultimo decennio, il 2014/15. Anche in quell’annata – come in quella che sta disputando oggi la squadra allenata da Mazzarri – il Torino disputò i preliminari di Europa League in avvio di stagione. Le differenze sono solamente due, ma sostanziali: nel 2014 i granata di Ventura giocarono un turno di qualificazione in meno e si qualificarono alla fase a gironi.

A RILENTO – Mazzarri e i suoi hanno raccolto 21 punti in 17 partite. In Serie A il Torino non partiva peggio proprio da quel 2014/2015. Nell’anno di quella campagna europea, Quagliarella e co. racimolarono solamente 18 punti in 17 giornate. Certo, quella squadra nel frattempo aveva anche l’impegno del girone europeo con Copenhagen, HJK Helsinki e Bruges, e riuscì a passare il turno da seconda in classifica, ma l’elemento che accomuna maggiormente le due stagioni riguarda il fatto che sono partite in anticipo rispetto ai tempi normali, con tutto ciò che ne consegue in termini di preparazione atletica.

RIMONTA – Ritrovata la brillantezza, con un Maxi Lopez in più arrivato a gennaio (e qui si percepisce l’importanza che la sessione del mercato invernale può avere), i granata riuscirono a ripartire togliendosi diversi sfizi. Una vittoria a San Siro contro l’Inter, l’impresa di Bilbao e la vittoria nel ritorno contro lo Zenit, un filotto di 12 risultati utili consecutivi e la vittoria nel derby della Mole dopo 20 anni. E se non fosse stato annullato il goal della vittoria a Maxi Lopez a Palermo, quella squadra sarebbe probabilmente riuscita a qualificarsi di nuovo all’Europa League.

SPERANZE – La speranza in casa Torino è dunque che la squadra di Mazzarri riesca a replicare una seconda metà di stagione del genere. I granata sembravano aver trovato la strada giusta prima della clamorosa rimonta subita a Verona e dello scivolone casalingo contro la SPAL. Ora serve un’inversione di marcia, ancora più netta di quella del 2014/2015: la classifica è molto meno corta di quella dello scorso anno e l’ultima edizione della Coppa Italia ha dimostrato che il settimo posto potrebbe non bastare. La stagione, però, è tutt’altro che finita: il Toro ha ancora la possibilità di rientrare in carreggiata. Per riuscirci servirà una squadra molto più determinata rispetto a quella vista contro la SPAL nell’ultima giornata del 2019.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. RossoSangueGranata - 7 mesi fa

    Ormai i record negativi di superciuk si sprecano.

    Se avessero una valenza sportiva saremmo la squadra più titolata in serie A.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. iugen - 7 mesi fa

    “E se non fosse stato annullato il goal della vittoria a Maxi Lopez a Palermo, quella squadra sarebbe probabilmente riuscita a qualificarsi di nuovo all’Europa League.”
    Bah, direi che più che altro hanno influito la sconfitta in casa con l’Empoli grazie a una perla di Padelli e le 5 pere prese la giornata dopo dal Genoa diretto concorrente, ahimè solo una delle innumerevoli volte che la squadra ha fallito il salto di qualità negli ultimi anni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Antoniogranata76 - 7 mesi fa

    Il tempo non manca, mancano un Presidente, un allenatore e un direttore sportivo, quindi nessuna speranza di risalita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. DARIOGRANATA - 7 mesi fa

    Con Mazzarri non c’é speranza : salvezza, media classifica anonima e poi fuori dalle balle a fine contratto, sperando che non ssia già stato rinnovato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Junior - 7 mesi fa

    Finalmente un po’ di ottimismo. Ci vuole per il 2020. Si dessero una mossa sul mercato, facciamo quadrato in difesa e i giocatori tirassero fuori sti attributi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. AUGUSTO - 7 mesi fa

      Per recuperare 7 punti sulla sesta (e tenere dietro il Milan) dovrebbe cambiare qualcosa di sostanziale.
      Questa squadra ha puntualmente bucato ogni occasione utile per fare davvero qualcosa di importante.
      Mi piacerebbe che tu avessi ragione, ma ho paura che non sarà così.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy