Toro, quantità senza qualità: Linetty non è ancora riuscito ad incidere

Focus on / Sempre presente, ma senza acuti: ora Linetty deve accelerare

di Silvio Luciani, @Silvio_Luciani

Karol Linetty, ora, deve accelerare. Il centrocampista polacco del Torino è stato sempre presente in questo sfortunato inizio di campionato, ma non ha ancora dimostrato in pieno le proprie doti. Sfiora i mille minuti (996′) con il Toro, li sfora addirittura considerando le partite con la nazionale polacca e in una stagione come questa la fatica si fa sentire, ma con tutte le attenuanti del caso Linetty non ha avuto acuti.

LEGGI ANCHE: Torino-Udinese: i granata ritrovano il vecchio pallino di mercato Pereyra

IL COSTO – Anche perché Linetty è stato l’acquisto più oneroso del mercato estivo, visto che il direttore sportivo Vagnati lo ha pagato 7,5 milioni più 1,5 di bonus. C’è anche da dire che il polacco è l’unico nuovo arrivo che si è conquistato sin da subito un posto da titolare fisso, senza mai lasciarlo, ma le aspettative erano altre. L’ex Samp sembra essersi appiattito sul rendimento negativo della squadra, non riuscendo a distinguersi per continuità nelle prestazioni.

QUALITÀ – Se si dovesse fare un sunto di questo inizio di avventura in granata, di Linetty si potrebbe dire che ha dato quantità, ma poca qualità. Un solo acuto, quello che ha sbloccato la partita contro il Sassuolo, è troppo poco per una mezz’ala di inserimento come il polacco, che anche nel derby ha sciupato un paio di ottime ripartenze per mancanza di lucidità. Benino, non abbastanza: già dallo spartiacque contro l’Udinese, Linetty deve necessariamente accelerare per far svoltare il centrocampo granata.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Garnet Bull - 1 mese fa

    Linetty non è il giocatore che ti permette di fare il salto di qualità, a me piace e lo reputo un buon giocatore, potrebbe fare di più, ma è difficile giocare con due compagni di centrocampo che se va bene sono nulli e non fanno danni, quando va male regalano gol e ripartenze… Tra l’altro è l’unico che raddoppia sull’esterno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bastone e Carota - 1 mese fa

    Da un lato ha Meité che una ne imbrocca e cinque ne sbaglia, dietro ha Rincon che fa il taglialegna, davanti, nella migliore delle ipotesi, ha Lukic, sennò si deve arrabattare con Zaza, Verdi e il Gallo che quanto a triangolazioni, controllo palla ecc. non sono dei fenomeni.
    Spiegatemi come potrebbe emergere e ben figurare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. olivia - 1 mese fa

    Linetty e’ un buon giocatore ma non sipuo’ pretendere che faccia la differenza.Sappiamo bene che a centrocampo l unico che può fare la differenza e’ Baselli.Speriamo che rientri presto e vada in forma velocemente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gen-X Granata - 1 mese fa

    Non sono l’avvocato difensore di Linetty, che, in effetti, è ancora da scoprire del tutto, ma non mi sembra che si stia esibendo nella squadra che in estate qualcuno gli ha forse prospettato. A occhio e croce mancano il regista e il trequartista….probabilmente sta cercando di capire anche lui il delirio in cui è piombato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. maxgemelli - 1 mese fa

    Come si dice dalle nostre parti “ da una rapa, non puoi cavare sangue” . Ma che qualità si pretende da questo qui? Il classico manovale del centrocampo. Se vogliamo, possiamo paragonarlo al mitico Valdifiori, passato e andato, senza lasciare traccia ne rimpianti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy