Zamuner (DS Spal): “Segre? È un mio pallino, Vagnati ci ha dato una mano”

Le parole / Il direttore sportivo del club emiliano ha parlato del calciomercato appena concluso e ha commentato anche l’arrivo di Segre

di Redazione Toro News

Giorgo Zamuner, direttore sportivo della Spal, ha rilasciato delle dichiarazioni sul calciomercato appena terminato e tra i temi affrontati ha anche parlato di Jacopo Segre. Il centrocampista classe ’97 si è trasferito, l’ultimo giorno di mercato, dal Toro alla società emiliana in prestito con obbligo di riscatto condizionato dalla promozione in Serie A della Spal. ecco come il DS del club di Ferrara ha commentato questo acquisto: “Segre l’avevamo già chiesto in estate. Mi piace molto e ha le caratteristiche cha mancavano a questa squadra. Vagnati ci ha dato sicuramente una mano, ma ha anche influito il fatto che a Ferrara c’è una piazza importante, nella speranza che si possano riaprire gli stadi. In questo senso il fascino della SPAL è stato decisivo rispetto a quello dell’Empoli, altro club che lo aveva cercato. Ci ha detto subito di sì. Penso che sarà una piacevole sorpresa, è da tempo un mio pallino”.

Segre è stato dunque accolto con grande gioia dalla Spal che spera che possa aiutarli a compiere il salto di categoria dato che il centrocampista scuola Toro ha già fatto vedere delle ottime cose in Serie B con la maglia del Chievo Verona.

37 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. mp63 - 3 settimane fa

    Un altro affare che dimostra le qualità di gestione dei dirigenti del Toro. Non riescono a disfarsi delle cariatidi ( Zaza e Verdi ) quindi devono fare cassa ( è pochi soldi ) con i giovani. Mi dispiace perchè Sebre è un ottimo calciatore e un ottimo ragazzo. Ma non basta. Devi essere un pezzo di merda per andare avanti nella vita o essere protetto da qualche scaltro procuratore. Coraggio Jacopo. Cerca di farti valere e se non tornerai al toro, cosa spiacevole, cerca di fare i tuoi interessi. Il toro te lo ha imposto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. oscarfc - 3 settimane fa

    Coime ho già detto in un’altro post, l’affare Segre è un grosso favore fatto alla SPAL. Le parole di Zamuner fugano ogni dubbio,Sege è un giocatore cercato e voluto dalla SPAL. Il valore del giocatore passa in secondo piano, il fatto che l’Empoli oltre alla SPAL lo abbiano cercato, lo rendevano uno dei pochi giocatori appettibili sul mercato della nostra rosa, il che non è poco, perchè non c’era la coda dei DS alle nostre porte per comprare i nostri giocatori.
    Il favore alla SPAL non è la cessione, che poteva anche essere ragionevole se intavolata coeme prestito secco, oppure con un diritto di riscatto di almeno 10 ML, ma inserire la clausola di rscatto a 2,5 ML sia pure mitigata da un improbabile ma possibile promozione della SPAL, va oltre ogni logica del mercato.
    Difficile capire quanta sia stata l’autonomia di Vagnati nel condurre l’affare, certo è che fra qualche mese potrebbe essere un buon motivo per licenziare per scarso rendimento ed imperizia, Vagnati.
    Per chi dubita del valore di Segre, ora ci saranno 20 – 25 partite, se la SPAL accederà ai playoff, per valutarlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. come un pugno chiuso - 3 settimane fa

    Vagnati vi ha dato una mano ma Cairo ve ne ha date due visto che, fino a prova contraria, chi avalla cessioni e acquisti di una società è il suo presidente

    in ogni caso, altri applausi all’ennesima mossa geniale (che bisogno c’era di fissare un obbligo di riscatto ?) della polisportiva FC

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mimmo75 #prexit - 3 settimane fa

    Ness, ti rispondo qui che giù poi diventa illeggibile. A Cairo non contesto la scelta del singolo giocatore ma la strategia. Mi spiego meglio: se dico al DS che il budget per il mercato se lo deve creare con le cessioni, gli sto tagliando le gambe in partenza. Chiaro che non è Cairo a scegliere i giocatori in prima istanza ma è lui che poi avoca a se le trattative (lo sanno pure i sassi ormai e i giornalisti di Sky hanno svelato come esautori i DS dalle trattative), convinto di essere un drago. Parte così dai Torreira e si riduce a tenersi Rincon perché va da se che i suoi interlocutori hanno alternative e gli voltano le spalle. Si spiegano così i 4 acquisti promessi in tempi brevissimi a Mazzarri, diventati via via tre, due, uno all’ultimo secondo. Si spiega così il fallimento del progetto Giampaolo, con una rivoluzione promessa in tempi brevi e poi quasi totalmente abortita. Anni fa sostenevo convintamente Cairo, proprio nel periodo degli acquisti da te citati. Sostenevo la sua strategia che a quei tempi era vincente perché Ventura era riuscito a metterlo in un angolino, pretendendo che il mercato, salvo rarissime eccezioni, venisse definito entro inizio ritiro e non facendosi problemi a sbattere in tribuna i calciatori che gli prendevano senza il suo avallo. Poteva farlo perché aveva rimesso al mondo il Toro e sanato il bilancio a suon di plusvalenze, sirene irresistibili per Cairo. Oggi spiegami come si può difendere questa strategia che si sta rivelando perdente su tutti i fronti nonostante cambino i ds e gli allenatori. Come si può pensare che Cairo subisca le scelte di questi ultimi? Uno come Cairo, magnate dell’editoria, le situazioni le domina, non le subisce. Incide, non cincischia. Dispone e pretende risultati perché da un valore supremo al denaro e non ammette che ne venga sprecato neanche un centesimo, da ottimizzatore di risorse e tagliatore di costi impareggiabile quale ha dimostrato di essere. Se davvero Vagnati fosse stato responsabile dello scempio in cui ci troviamo, stai ben certo che sarebbe già volato via dalla finestra. Se è ancora al suo posto è perché Cairo ha la coda bagnata e il cambio di allenatore resta la via più comoda da seguire per calmare la piazza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. NEss - 3 settimane fa

      Non so se leggerai visto che sono passate ore, ma…

      D’accordo con te sulla strategia, come avevo anche scritto sotto.
      Per esempio il ‘non si compra se non si vende’, che porta ad arrivare alla fine del mercato prima di concludere qualcosa.

      All’interno di tale strategia, pero’, i soldi sono stati messi e non me la sento proprio di dare la colpa a Cairo quando vengono presi Linetty, Bonazzoli e Rodriguez (oltretutto a cifre certo non basse) e poi non rendono un granche’.

      E’ da Gabbionetta che Cairo si svena (piu’ o meno, capiamoci) per inseguire i desiderata piu’ strani dell’allenatore di turno. Non credo abbia mai portato a niente di buono

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 #prexit - 3 settimane fa

        Beh, i soldi li mette perché davvero è impossibile comprare tutto aggratis. E li mette perché in società, la gestione virtuosa dei 5 anni con Ventura (ripeto, merito anche a Cairo) avevano creato una situaziine di bilancio florida. Per chiudere: Linetty, Rodriguez e Murru (Bonazzoli al momento non è costato 1 euro e comunque non lo aveva richiesto Giampaolo, tant’è che non giocava) dovevano essere parte di una rivoluzione che non c’è stata e che avrebbe dovuto consentire a Giampaolo di praticare il gioco per il quale era stato chiamato. Sarebbero dovuti arrivarr anche un centrale di difesa, un play, un 3/4 e una seconda punta. Il risultato è che i tre (diciamo due perché Murru è riserva) si son persi nel mare di problemi che già c’erano. Vediamo che combina Nicola e speriamo riesca a portare la barca in salvo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Doc.Falstaff - 3 settimane fa

      Giusto ribadire, Mimmo, quali sono le dinamiche interne alla Società, non si sa mai che a qualcuno di noi non sia ancora entrato in testa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Benzorogranata - 3 settimane fa

    Lo scorso campionato è stato descritto da qualche giornalista sportivo uno dei migliori prospetti giovani della serie B : infatti penso che anche Edera e Millico siano buoni in serie B …. qua siete tutti allenatori professionisti a parole : sbsgliano GP Nicola ed allenatori delle nazionali CERTO bravi voi è !!!! …. se qlcn conosce e ha giocato a pallone vedrebbe che la gamba di Segre e quella di Linetty sono due storie molto diverse …. FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. leggendagranata - 3 settimane fa

    Lo scorso campionato Segre è stato giudicato da molti osservatori il miglior centrocampista della Serie B e, come dice anche questo sito in altra sezione, quando è stato utilizzato dal Toro ha sempre ben impressionato. Dunque chi lo critica o è prevenuto o non ha molta dimestichezza col calcio. Ha piedi buoni, rapidità nello scambio della palla, buon tiro dal limite. Non sarà Messi, ma gli è stato preferito Lynetti e lì casca l’ asino. Oltretutto Giampaolo ha sbagliato completamente a valutare la sua posizione (come sottolinea sempre questo sito in altro articolo): prima ha detto che era il sostituto naturale di Rincon (!!!), poi che era un regista. In realtà è una mezz’ala. Che Nicola non l’ abbia utilizzato non depone a suo favore, perchè vuol dire che è arrivato al Toro senza conoscere bene chi aveva a disposizione (oppure gli è stata detto di non metterlo in campo perchè si sapeva già che si sarebbe dato via e non si volevano grane con i tifosi). Ed infatti non è che la squadra abbia brillato con la linea di mediata Lynetti-Rincon-Lukic: 2 pareggi, di cui uno col Benevento e l’ altro con la Fiorentina in 9 per circa mezz’ ora. Quello che più grida vendetta nella cessione di Segre è la valutazione: 2,5 milioni di euro, quando abbiamo pagato 25 milioni per Verdi, 10 per Lynetti e 4,5 milioni addirittura per Murru, che ha fatto pena.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. skrunk - 3 settimane fa

      leggendagranata, concordo al 100%… e l’ho scritto in diversi post su Segre… dispiace augurare alla Spal di rimanere in B ma sarebbe veramente un peccato perderlo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 3 settimane fa

        Ness, Leggendagranata e skrunk:
        Concordo con tutto ciò che avete scritto, tutti e tre.
        Neanche io credo che la scelta dei giocatori, salvo eccezioni, sia imputabile a Cairo, il quale ultimamemte si è accollato grosse spese x accontentare l’allenatore di turno, e di è ritrovato calciatori tanto costosi, quanto deludenti (per essere gentile).
        Concordo su Giampaolo, che ha richiesto gli uomini sbagliati e ha fatto giocare metà squadra fuori ruolo, e concordo sulla ingiusta, sbagliata vendita di Segre.
        Skrunk: questa è la terza volta in una settimana che auguro grandi successi a Segre e la serie B alla Spal!
        E il fatto che ci sia stato bellamente rivelato che l’operazione Segre-Spal si è concretizzata perché Vagnati ha fatto un favore alla Spal, le ha “dato una mano”, non mi fa affatto sentire in colpa verso questa società!!
        Se si parlasse di politica, sarebbe il classico “inciucio”, in questo caso ancora una volta tramato alle spalle del Toro.
        Petrachi sognava in grande, e come Nkoulou voleva la Roma (e infatti nella Roma non c’è nessuno dei due!!)!
        Vegnati, molto più modestamente si è accontentato di agevolare la Spal.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Doc.Falstaff - 3 settimane fa

    Non avevo dubbi sul fatto che Vagnati abbia dato ” una grossa mano” alla Spal per prendere Segre, che pur con tutti i suoi limiti è un ragazzo che ci sarebbe stato utile.
    La tipologia di contratto convalida la ” grossa mano” data da Vagnati alla sua ex squadra.
    È da folli aver messo l’obbligo di riscatto, era più che sufficiente il diritto di riscatto, non è escluso che la Spal, grazie a questo, in futuro non benefici di una buona plusvalenza al posto nostro.
    Nel calcio non si sa mai.
    A proposito, Vagnati ha messo nel contratto una percentuale che vada al Toro in caso di rivendita di Segre in futuro da parte della Spal ad un altro Club?
    Ricordiamo tutti a Vagnati che attualmente è Da del Toro e non dei ferraresi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Benzorogranata - 3 settimane fa

    È un giocatore che non ha nè gamba ne tecnica per la serie A : 2,5 mln è grasso che cola ….. FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. skrunk - 3 settimane fa

      Se lo dici tu… sembri piuttosto sicuro, io penso esattamente l’opposto, solo degli enormi coglioni potevano fare un’accordo simile e rischiare fortemente di perdere un giovane emergente come Segre, ma questo non vorrei che fosse un regalo di Vagnati alla sua ex squadra…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Benzorogranata - 3 settimane fa

        Scriviamo per dire ns opinioni o quelle di altre persone ? .
        …. vedendolo giocare e vedendo gli altri noto queste cose ….. anche perchè nella realtà a 23 anni ha fatto solo un huon campionato in serue B anno scorso e con 2 allenatori di serie A quest’anno non giocava : fatti è non invenzioni …. FT

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. skrunk - 3 settimane fa

          Io ho espresso semplicemente la mia opinione, ognuno la pensa come gli pare, non mi piace dare dei meno, preferisco dire quel che penso, che poi possa corrispondere al vero o meno si vedrà… se mi sarò sbagliato non avrò difficoltà a fare ammenda…
          Poi. hai detto che non l’han fatto giocare… vero per Giampaolo, anche se Segre è una mezzala e il maestro di calcio era convintissimo che fosse un regista… e se nel ruolo di regista titolare faceva giocare Rincon, si spiega tutto… Rincon è un buon mediano, niente di più, o mi sbaglio?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Benzorogranata - 3 settimane fa

            Anch io infatti ho ribadito che sono mie opinioni quelle che scrivo ma non mi sembrava il caso di dirlo perchè suppongo sia così per tutti …. lo stesso Nicola dimentichi non ha messo veti nel farlo andare via suppongo e ribadisco le decine di allenatori che non lo hanno notato fino ad ora per nessuna nazionale …. sono fatti oggettivi mi sembra : è per quello che dico 2.5 mln tanta roba per un serie B ….. FT

            Mi piace Non mi piace
      2. Benzorogranata - 3 settimane fa

        Presenze nazionali ancge giovanili nessuna : quindivanchecaltribsllenatori hannongiudicato finobad ora ….. 2,5 mln sono tanta roba : ci abhiamo comprato Bruno Peres per dirne uno ….. FT

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. NEss - 3 settimane fa

        Oppure un regalo alla sua futura squadra…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. PaCo68 - 3 settimane fa

    Ma Vagnati per chi lavora ???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Messere Granata - 3 settimane fa

    “Nemo profeta in patria”. Segre rappresenta per me una profonda ferita al cuore. Avevo sperato in un novello “carneade” granata. A volte, invece di significare un “must”, questi presupposti creano un’alchimia negativa, fatta di un malinteso senso di soddisfazione reciproca e di un appagamento inconscio per un obiettivo raggiunto, ma precario. Tant’è. “Otras veces y otras peliculas”. Destino difficile e spietato. Storie nostre. Storie da Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Kieft+Bresciani - 3 settimane fa

    Vagnati vi ha dato una mano?
    Brau Piciu

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Mimmo75 #prexit - 3 settimane fa

    E un’altra cosa: perché Cairo non lo defenestra, visto che il ds stesso si è assunto ogni responsabilità di questo sfascio? Meno male che Cairo cieeeeeee

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rimbaud - 3 settimane fa

      In quell’uscità mi è sembrato così succube mimmo che ho perso ogni stima nei suoi confronti. Non ci serve un ds succube di Cairo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 #prexit - 3 settimane fa

        Ma infatti è quel che volevo dire nel mio post. È incredibile come ancora ci sia qualcuno in grado di bersi la storiella che Cairo, poveretto, è vittima delle scelte altrui. ovviamente la conseguenza è che Cairo resta al riparo e l’allenatore di turno o il DS di turno si prendono le vagonate di merda

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. NEss - 3 settimane fa

          Sicuramente e’ stato Cairo ad impuntarsi per prendere Linetty a 1.5M di stipendio, o quanto e’.
          Si possono fare altri mille esempi.

          Cairo e’ responsabile di budget e strategia globale, and in quanto ‘capo’ si prende le colpe in ultima analisi. Ma non credero’ mai che sia lui di sua iniziativa a cercare la maggior parte dei giocatori.
          Alcuni si’, molto probabilmente, ma secondo me la minoranza.

          Altrimenti gli si dia anche credito per gli acquisti di Zappacosta, Belotti, Cerci nonche’ i piu’ recenti, rari, successi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Madama_granata - 3 settimane fa

            Sono d’accordo!
            Posso capire Cairo ha “voluto” Verdi, ad esempio, e ci ha speso una fortuna.
            Ha assecondato un proprio pallino, come fanno e hanno fatto tutti i Presidenti!
            Ma che Cairo abbia “fortemente” voluto come dice lei ad es.Linetty, o Gojak, che magari non sapeva neppure chi fosse, non ci credo!
            Cairo ha seguito i suggerimenti ed avallato le scelte dei suoi collabora tori, direttori sportivi o allenatori che fossero!
            Solo un paio di gg. fa ho fatto l’esempio del primario, che deve rispondere degli errori dei medici a lui sottoposti, ma che, quando è successo il fattaccio, non era neppure in ospedale!
            Cairo ha però colpevolmente avallato quell'”obbligo di riscatto” a cui doveva opporsi, Vagnati o non Vagnati.

            Mi piace Non mi piace
          2. come un pugno chiuso - 3 settimane fa

            Ness e Madama, ho una domanda per voi:
            ammesso ma assolutamente non concesso che non sia stato cairo a scegliere la maggior parte dei giocatori ciofeca transitati dalle nostre parti durante la sua gestione, in diversi casi strapagandoli e stipendiandoli con cifre assurde, ma… collaboratori, ds e allenatori succedutisi in questi quindici anni di trionfale cavalcata dverso il nulla.. chi li ha scelti ? mia nonna ?

            Mi piace Non mi piace
          3. filippo67 - 3 settimane fa

            E allora cara signora Madama,perchè non ha avallato anche le scelte di Torreira,Joao Pedro,Naingolann ecc ecc ??.Ma stiamo scherzando?’ancora lo difende?

            Mi piace Non mi piace
  13. Mimmo75 #prexit - 3 settimane fa

    Sta venendo fuori un’immagine di Vagnati che è lontana anni luce dalla realtà. A quanto pare conta solo lui in società mentre il presidente, il dg e i vari allenatori che si susseguono nulla possono per opporsi ai suoi diktat…mamma miaaaaaaaaaaaaa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Giancarlo - 3 settimane fa

    Non è che Vagnati abbia più a cuore la Spal del Torino che pure gli paga un lauto stipendio?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rimbaud - 3 settimane fa

      e quando era alla Spal gli ha rifilato Bonifazi a 12 milioni pareva che lavorasse per noi, ora che è qui regala segre a 2 alla Spal . Qualcosa non mi torna

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giancarlo - 3 settimane fa

        Ora all’Udinese ….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. SIMOLINCE - 3 settimane fa

      Segue le orme di petrachi, partendo però da come petrachi aveva terminato… Cioè lavorando per gli altri, prendendo lo stipendio da noi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Rimbaud - 3 settimane fa

    Vagnati l’ eroe dei due mondi. Ma nel senso che non sa più in quali scarpe mettere i piedi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Héctor Belascoarán - 3 settimane fa

    Dai che tra due anni lo ricompriamo per 20 milioni. 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Madama_granata - 3 settimane fa

    Già Vagnati mi piaceva proprio, ma proprio poco poco:
    ora lo detesto!!
    È stato quindi lui a caldeggiare , o magari a suggerire, quell'”obbligo di riscatto” che ha fatto infuriare tanti tifosi granata??
    Se sì, allora auguro a lui di tornare presto in serie B (senza Toro, naturalmente!),
    e a Segre di fare una lunga e brillante carriera in serie A (nel Toro, possibilmente!).
    Prima ne abbiamo avuto uno che, pagato dal Toro, lavorava x la Roma; ora uno che, molto più modestamente date le sue capacità, si limita a lavorare x la Spal??
    Bene, allora che ci torni nella sua amata Spal!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy