Calciomercato Torino, chi resta e chi va? Rebus difesa, Izzo e Nkoulou in dubbio

In uscita / Il pacchetto arretrato potrebbe essere rimaneggiato in estate, Lyanco e Bremer potrebbero essere il punto di partenza

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Se il futuro del campionato è incerto, stessa cosa si può dire per il destino del pacchetto arretrato del Torino. Un anno fa la difesa granata si era dimostrata una delle più complete del campionato, mentre questa stagione tra problemi individuali e prestazioni deludenti si sono perse molte certezze e, viceversa, la retroguardia del Torino è tra le più battute. Una clamorosa metamorfosi che ha coinvolto tutti i protagonisti, chi più chi meno. Da Nkoulou a Bremer, passando da Izzo, Djidji e Lyanco, il futuro dei difensori centrali fa sorgere molti dubbi.

Tanti auguri Antonio Barreca: e forse oggi al Torino servirebbe

IN USCITA – Il caso Nkoulou ha aperto la stagione, nei mesi a seguire si sono susseguite voci su Izzo e il rendimento di Djidji è calato vistosamente. Questi tre sono i nomi che potrebbero lasciare il Torino a fine stagione, ognuno per motivazioni diverse. Saranno da valutare soprattutto le situazioni legate ai primi due. Per Nkoulou si dovrà capire le volontà del centrale camerunense, cioè se le scorie di inizio stagione saranno superate o se l’ex Marsiglia e Lione avrà ancora intenzione di lasciare il granata. Per Izzo il discorso riguarda gli interessamenti delle altre squadre. Se dovessero davvero arrivare le ‘avances’ di top club, il difensore partenopeo – protagonista quest’anno di una stagione deludente – potrebbe essere tentato. Ancora molto incerto anche il futuro di Djidji. Il francese quest’anno non ha confermato le buone impressioni della passata stagione e su di lui andranno fatti anche discorsi tecnici, che potrebbero dipendere anche dalla guida tecnica del Torino del futuro.

DA CHI RIPARTIRE – In mezzo ci sono due giovani speranze. Lyanco, quando non infortunato, ha dimostrato di avere grandi doti. Il problema del brasiliano è proprio legato agli stop che lo stanno perseguitando nella sua carriera. Tra problemi fisici ed eventi sfortunati, Lyanco non ha ancora giocato una stagione senza doversi fermare forzatamente. Discorso di continuità da fare anche per Bremer, che ha alternato troppo spesso partite di alto livello ad altre negative. Il difensore arrivato dall’Atletico Mineiro ha messo in mostra un potenziale interessante, ma troppi scivoloni hanno fatto sorgere dei dubbi. Per questo motivo il Torino in casa potrebbe avere i difensori del futuro, ma nessuno dei due al momento non danno certezze.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. commercial_9666663 - 8 mesi fa

    Sono assolutamente d’accordo, chi non vuole il granata si tolga dalle scatole, meglio gente più scarsa ma motivata anche perché sarà un campionato low coast in considerazione del buco di bilancio che le società si porteranno dietro da quest’anno… 11 forti e giovani in panchina (Segre, Candellone, Millico, ecc) e un allenatore “asettico” che non si faccia coinvolgere dall’ambiente alla Donadoni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giancarlo - 7 mesi fa

      Si. Molte squadre avranno buchi enormi nei loro bilanci, forse, ma dico forse, il Torino sarà uno dei club che ne patirà di meno, e per questo sarà possibile fare degli affari con chi è costretto a svendere. Inoltre abbiamo alcuni “scontenti” che valgono oro, utilissimi per scambi interessanti. Se è vero che il nostro bilancio è molto sano, come sembrerebbe, non dovremmo essere particolarmente pessimisti. Ma sapremo (vorremo) approfittarne?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gianTORO - 8 mesi fa

    …se ne vogliono andare tutti da mo’….bye.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy