Calciomercato Toro, il riassunto della giornata: priorità ad Ilicic e Kurtic

Tra contatti e prossimi appuntamenti / L’asse con Firenze è sempre più caldo ma, i vecchi pallini, Muriel e Zapata non sono mai stati abbandonati. In uscita qualcosa si muove…

di Marco De Rito, @marcoderito

Mancano tre giorni all’inizio ufficiale del calciomercato ma le vacanze natalizie sono terminate e Cairo e Petrachi sono già al lavoro per cercare di rinforzare la rosa di Ventura in vista di una delicata seconda metà di stagione che vedrà il Torino lottare su tre fronti: campionato, sedicesimi di Europa League contro l’Athletic Bilbao e Coppa Italia contro la Lazio.

L’ASSE CON FIRENZE – La trattativa che ha maggiore priorità, in questo momento, resta quella legata a Ilicic e Kurtic. Petrachi spera di poter chiarire la situazione legata ai due giocatori della Fiorentina prima della partita contro il Chievo, ma non sarà facile. L’incontro tra il club viola e l’agente dei due calciatori è in programma per il 4 Gennaio, prima di quella data è difficile che ci siano importanti novità. Successivamente ci sarà un colloquio anche con il Torino. A differenza delle voci che stanno circolando, Quagliarella non dovrebbe etrare in ballo nella trattativa (vi invitiamo a leggere l’approfondimento di domani sulle nostre pagine), discorso diverso per Sanchez Mino. Ilicic sta spingendo affinché il trasferimento avvenga in maniera definitiva data la rottura con l’ambiente toscano mentre per Kurtic ci dovrebbe essere un prestito con un diritto di riscatto che si dovrà discutere con la società detentrice del cartellino, ovvero il Sassuolo.

L’ATTACCO – Oltre alla doppia trattativa legata a Ilicic e Kurtic la società granata si sta muovendo anche in altre direzioni. Notizia di oggi è il nuovo sondaggio fatto dal Toro per Muriel. L’attaccante bianconero è, da tempo, seguito con grande interesse dal Torino il problema è che il colombiano non si ancora espresso ai massimi livelli. L’Udinese non vorrebbe cedere il giocatore ad un prezzo inferiore rispetto a quello che è il suo potenziale e quindi sta temporeggiando, aspettando che l’attaccante esploda ma se Cairo si presentasse da Pozzo con un offerta interessante solo cash, allora le carte in tavola cambierebbero e il Toro potrebbe assicurarsi il giocatore, concorrenza permettendo. I friulani hanno intenzione di cedere a cifre considerevoli, che oscillano tra i 12 e i 14 milioni. Da non dimenticare un altro vecchio pallino di Petrachi, ovvero Duvan Zapata. L’attaccante ventitreenne è da sempre un obbiettivo del club piemontese, il problema è che Benitez lo ha blindato perché crede nelle sue potenzialità e difficilmente la società partenopea cederà alle lusinghe granata ma il Torino resta vigile nel caso in cui Bigon dovesse cambiare idea lasciando crescere il giocatore in un’altra pizza o, addirittura, cercando di fare cassa. Per le cessioni di Larrondo e Barreto è ancora tutto fermo, si fatica a trovare una sistemazione ai due sud-americani. Proprio per questo si sta cercando di reintegrare al meglio il brasiliano.

CENTROCAMPO – In questo momento nella zona centrale del campo si pensa prima a cedere e poi ad acquistare. L’approdo di Nocerino al Parma è un operazione fattibile ma non sono previsti scambi di giocatori, proprio perché il posto lasciato libero dalla mezzala campana é tenuto in caldo per lo sloveno Kurtic. In uscita si cerca di sistemare anche Ruben Perez che non ha mai convinto appieno Ventura ed ha le valige in mano, il suo ritorno all’Elche sempre la pista più percorribile. Resta in piedi l’idea Lazzari: un affare low-cost che darebbe ossigeno alla mediana granata.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy