Gabionetta: perchè il Toro si sente tranquillo

di Valentino Della Casa

Inutile dirlo, Martin Gabionetta al Toro scatenerà una serie di polemiche di non lieve entità. Già il Crotone, secondo quanto riportato dai media, ha già promesso battaglia, ma il Torino è convinto di avere la ragione dalla sua, e di poter schierare senza alcun problema l’esterno mancino tanto voluto da Lerda, quanto inseguito da Petrachi sin da Luglio….

di Redazione Toro News

di Valentino Della Casa

Inutile dirlo, Martin Gabionetta al Toro scatenerà una serie di polemiche di non lieve entità. Già il Crotone, secondo quanto riportato dai media, ha già promesso battaglia, ma il Torino è convinto di avere la ragione dalla sua, e di poter schierare senza alcun problema l’esterno mancino tanto voluto da Lerda, quanto inseguito da Petrachi sin da Luglio. Petrachi che, ribadiamo, ha in mano dei documenti FIFA i quali certificano l’appartenenza del giocatore all’Hortolandia, la squadra brasiliana che aveva prestato lo scorso anno Gabionetta al Crotone. Crotone che, invece, può impugnare un documento della Lega, il quale conferisce la proprietà del giocatore proprio alla società calabrese. Ma il Torino ha saputo tutelarsi.

Domani mattina verrà depositato il contratto, che legherà il brasiliano al Toro fino alla fine del 2013. Dopo di che, il Toro provvederà a compilare tutti i documenti per eseguire il TMS (Transfer Matching System, il sistema introdotto nel 2009 dalla FIFA che permette, in minor tempo, un trasferimento intercontinentale), dove si metterà nero su bianco che i granata pagheranno circa duecentomila euro per il prestito, più un diritto di oltre ottocentomila euro. Fin qui, normale procedura per un qualsiasi acquisto con un paese extraeuropeo.

Il terzo e ultimo passaggio, quello cruciale: sarà la Federazione Italiana a dover dare il transfer del giocatore, l’ok definitivo affinchè tutto vada a buon fine. Ma da questo punto di vista, il Toro è convinto di essere coperto, avendo già avuto contatti all’interno della stessa Federazione (non si dimentichi che l’attuale segretario del Toro, Pantaleo Longo, è stato a lungo proprio in FIGC), che hanno tranquillizzato circa le sorti dell’operazione, ormai diventata oggetto di curiosità da parte di moltissimi addetti ai lavori.

Ma, come dicevamo, il Crotone ha promesso battaglia. Non potrà farlo mediante il Collegio Arbitrale (al quale aveva già chiesto e vinto una vertenza nei confronti di Gabionetta, che non si era presentato al ritiro con la squadra in Estate), ma potrebbe -la cosa richiederebbe tempi lunghissimi- ottenere un deferimento del giocatore dalla Commissione Disciplinare. Il fatto che, però, il Crotone abbia giustamente ottenuto di non pagare più lo stipendio del giocatore da diversi mesi, fa sì che il danno economico sia comunque minore di quello che si possa pensare, con esito dunque non così scontato per i rossoblu. E finalmente tornerà parlare solo il campo, passato troppo spesso in secondo piano in questa vicenda.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy