Il Toro che verrà: attacco, la chiave è il destino di Belotti

Il Toro che verrà: attacco, la chiave è il destino di Belotti

Verso il 2017-2018 / Le mosse sul reparto dipendono dal futuro di un elemento in particolare, ossia il capocannoniere

di Nikhil Jha, @nikhiljha13

L’ATTACCO

TURIN, ITALY - FEBRUARY 12: Iago Falque (L) of FC Torino celebrates with tam mate Andrea Belotti after scoring the opening goal during the Serie A match between FC Torino and Pescara Calcio at Stadio Olimpico di Torino on February 12, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – FEBRUARY 12: Iago Falque (L) of FC Torino celebrates with tam mate Andrea Belotti after scoring the opening goal during the Serie A match between FC Torino and Pescara Calcio at Stadio Olimpico di Torino on February 12, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Per il Torino è già tempo di ragionare in ottica futura: l’obiettivo Europa è sfumato, e così i granata possono concentrarsi sull’immettere la prossima stagione sui binari migliori.

Dopo la porta, la difesa e il centrocampo, ecco qual è la situazione, giocatore per giocatore, dell’attacco.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Waggachuggabonka - 3 anni fa

    4.3.1.2
    Marchetti, Savic;

    Zappacosta,Rispoli;
    Bonifazi, Rossettini;
    Acerbi, Lyanco, Moretti;
    Barreca, Molinaro;

    Castro, Acquah;
    Baselli, Lukic;
    Kucka, Gustafsson;

    Benassi, Parigini;

    Belotti, Boye;
    Zapata, Cerri.

    Belotti+Zapata è un attacco carro armato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Waggachuggabonka - 3 anni fa

      O in alternativa a centrocampo:

      Castro, Acquah;
      Valdifiori, Lukic;
      Kucka, Benassi;

      Baselli, Parigini.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. winchester - 3 anni fa

    Voglio vedere Aramu, Parigini, Bonifazi, Barreca e Boyè rientrare in Prima Squadra a giocarsi le loro possibilità com’è giusto che sia….e allo stesso tempo voglio vedere quel bidone serbo che disonora la Maglia n. 10 che fu di Valentino Mazzola, mandato in tribuna e poi rispedito al mittente a schiaffoni e a calci nel deretano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy