Torino, il Chievo pensa a Larrondo e propone Maxi Lopez: ma non è fatta

Torino, il Chievo pensa a Larrondo e propone Maxi Lopez: ma non è fatta

Calciomercato / Chiacchiere tra colleghi, nessun accordo preso e qualche dubbio. Il rientro del granata dall’Argentina è previsto per metà mese. E su Schelotto…

di Manolo Chirico, @ManoloChirico

Qualcosa si muove per Marcelo Larrondo, giocatore considerato in uscita dal Torino. L’attaccante argentino, per diverse ragioni, non è riuscito ad inserirsi nell’arco dell’ultima stagione e mezza e ora per lui potrebbero esserci nuovi lidi all’orizzonte. Come riportato dai colleghi di TMW il Chievo Verona avrebbe davvero chiesto informazioni al Torino, proponendo uno scambio con Maxi Lopez: giocatore in scadenza a giugno, ma con un’opzione per rinnovare il contratto in gialloblù. 

Maxi Lopez è un profilo seguito in passato dai granata, ma che attualmente lascia ancora parecchi dubbi riguardo il suo status di salute fisica. Senza contare l’ingaggio percepito dal giocatore: circa 900mila euro a stagione. Uno stipendio superiore rispetto a quello dello stesso Larrondo che da solo basta a frenare l’entusiasmo. In più, Maxi Lopez ha già il doppio passaporto italo-argentino e in nell’ottica di un’ulteriore cessione estiva, non libererebbe la casella dedicata agli extracomunitari. Come invece farebbe Larrondo, nel caso il suo contratto venisse dirottato all’estero. 

Insomma, qualche chiacchiera tra colleghi c’è stata. Nulla di più per ora. Il Torino, guardando in casa gialloblù, strizza l’occhio a Schelotto: giocatore in prestito al Chievo, dall’Inter, che non è mai dispiaciuto al tecnico Ventura. E nel frattempo Larrondo (a differenza di Nocerino, Ruben Perez e Sanchez Mino) resta in Argentina: il suo rientro, salvo cambi di direzione, è previsto per metà mese…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy