Allenatori Serie A 2019/2020, il Torino tra i pochi a non cambiare. Il punto

Allenatori Serie A 2019/2020, il Torino tra i pochi a non cambiare. Il punto

Focus on / Tra conferme e novità, vediamo come stanno cambiando le panchine delle squadre di A

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0
GettyImages-1134021274-min

Con il calciomercato alle porte, le squadre di A dovranno muoversi per rinforzare le proprie rose a seconda delle loro ambizioni. Per dare una linea al mercato, però, bisogna avere chiare le idee dei tecnici. E il mosaico delle panchine 2019/2020 deve ancora completarsi. Tra conferme, suggestioni e dubbi, andiamo a vedere da chi potrebbero essere occupate le panchine della prossima Serie A.

I CONFERMATI – I progetti tecnici di alcuni allenatori hanno convinto tifosi e società, decise a confermarne l’operato. Chi sarà sicuramente confermato è Walter Mazzarri, che siederà sulla panchina del Torino anche la prossima stagione: non sono mancati nel corso del campionato apprezzamenti da parte di Urbano Cairo, che non ha nascosto mai la stima che nutre nei confronti di Mazzarri. Chi è anche sicuro di allenare la stessa squadra è Gasperini, che ha scelto di rimanere all’Atalanta dopo la storica conquista della Champions League firmando un rinnovo di contratto con il presidente Percassi. Poi ci sono Maran, D’Aversa e Tudor, confermati sulle panchine di Cagliari, Parma ed Udinese. Infine, tra i confermati vi è anche Ancelotti, che guiderà il Napoli anche la prossima stagione.

Torino, un girone di ritorno da 33 punti: Mazzarri “vede” il suo record personale

IN BILICO E NUOVI ARRIVI – Chi ha già annunciato il cambio in panchina è stata l’Inter, che avrà Conte al posto dell’esonerato Spalletti. Tutte le altre squadre sono alle prese con valutazioni interne per capire chi occuperà la panchina la prossima stagione: chi dovrà sostituire sicuramente il tecnico è la Roma, che deve sostituire Ranieri; nella stessa situazione si trova la Juventus, sulla quale la telenovela sul dopo Allegri impazza già da giorni (nonostante alcune indiscrezioni smentite su Guardiola, il favorito numero uno pare Sarri, fresco vincitore dell’Europa League con il Chelsea), come anche il Milan, che ha esonerato Gattuso ed è alla ricerca di un sostituto. Anche la Lazio, ha visto il nome del suo allenatore, Simone Inzaghi, venire associato a molte squadre italiane ed estere (Juve e Milan, per citarne alcune). Un altro allenatore che deve definire ufficialmente il suo futuro è Giampaolo: l’attuale tecnico della Samp è stato associato a Roma e Milan. Anche De Zerbi e Mihajlovic sono tutto fuorchè certi di rimanere a Sassuolo e Bologna. Sono infine in bilico Montella, Prandelli e Semplici: le dirigenze di Fiorentina, Genoa e Spal sono alla ricerca di sostituti, ma non è escluso che possano continuare con gli attuali tecnici.

NEOPROMOSSE – Per quanto riguarda le prossime partecipanti alla Serie A 2019/2020, Brescia e Lecce (la terza si saprà il 2 giugno, al termine della finale di ritorno dei playoff tra Cittadella e Hellas Verona, con i primi che hanno terminato l’andata sul risultato di 2-0), la situazione va via via definendosi. Corini dovrebbe rimanere alla guida del Brescia anche in Serie A e costruirà insieme al presidente Cellino l’organico per la massima serie; Liverani invece dovrebbe sedere sulla panchina del Lecce, anche se recenti suggestioni lo hanno associato alla panchina della Lazio.

ALLENATORI SERIE A 2019/2020, IL RIEPILOGO DELLE PANCHINE CERTE

ATALANTA – Gasperini (confermato)

BOLOGNA – ?

BRESCIA – Corini (confermato)

CAGLIARI – Maran (confermato)

FIORENTINA – ?

GENOA – ?

INTER – Conte (nuovo)

JUVENTUS – ?

LAZIO – ?

LECCE – Liverani (confermato)

MILAN – ?

NAPOLI – Ancelotti (confermato)

PARMA – D’Aversa (confermato)

ROMA – ?

SAMPDORIA – ?

SASSUOLO – ?

SPAL – ?

TORINOMazzarri (confermato)

UDINESE – Tudor (confermato)

18 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14142151 - 3 mesi fa

    ma guardate che bell’allenatote che abbiamo! forza valterì! 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14142151 - 3 mesi fa

    ma guardate che bell’uomo d’allanatore che abbiamo! forza valterì! 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Kieft - 3 mesi fa

    Io continuo a essere ottimista per l’esclusione del Milan per che così non fosse si creerebbe un precedente pericoloso …..ma la campagna acquisti di due o tre giocatori deve essere di due profili importanti …non una riserva della Samp e un giocatore alla soglia dei trenta che gioca nel warford….felice invece per il rientro di lyanco e Bonifazi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Simone - 3 mesi fa

    Come fai a non tenere uno che ha centrato tutti gli obiettivi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tafazzi - 3 mesi fa

      L’obiettivo era il settimo posto in linea con il monte ingaggi, come ci ricordi continuamente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 3 mesi fa

        Esatto, ha fatto esattamente quello che ha potuto con quella rosa iniziale.
        Peccato che a gennaio sia stato lui a non volere nessuno, non so se lo ricordi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 3 mesi fa

          Infatti proprio tu facevi riferimento alla viola ed alla Samp. Lascia stare va.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

            Ricordo perfettamente i peama sui due mega acquisti di fiorentina (Muriel) e Samp (gabbiadini).

            Mi piace Non mi piace
          2. Simone - 3 mesi fa

            Muriel 6 gol
            Gabbiadini 4
            Zaza 4 però da settembre.
            Lascia stare va

            Mi piace Non mi piace
        2. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

          Simone guarda la classifica…
          Ultimo gol di Muriel il 10 marzo….
          Ultimo di Gabbiadini 3 aprile gol ininfluente contro di noi.
          Fare la differenza è altra cosa.
          Poi non capisco perché attaccarti al flop di Zaza per confermare le tue tesi.
          Gli unici innesti di gennaio che hanno fatto la differenza sono stati Lyanco al Bologna (che però in coppa Italia contro la Fiorentina aveva fatto una partita pessima a causa del lunghissimo stop) e Piatek che visti i conti dei rossoneri non poteva essere acquistato al pari di Paqueta.
          A gennaio trovi solo gli scarti degli scarti e li paghi pure cari.
          A volte hai fortuna come noi con Maxi Lopez ma appunto è fortuna e non programmazione.
          I numeri parlano chiaro

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        3. Simone - 3 mesi fa

          Bacigalupo, non mi attacco a nulla rispondo punto x punto alle tue contestazioni.
          Addirittura adesso sottolinei quando un giocatore ha segnato come se farlo all’inizio o alla fine del prestito cambi qualcosa.
          Pur di portare acqua al tuo mulino non sai più che inventarti.
          Sei unico

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. eurotoro - 3 mesi fa

      come fai ad essere cosi’ indifferente a tutti i torti arbitrali del girone di andata…indifferente alla garra ed allo spirito di squadra che si e’ creato…indifferente alla cavalcata del girone di ritorno con media punti da piazzamento champions…indifferente alla evidenza dei fatti ed al fatto puramente inusuale che il 7° posto non e’ valso l’europa…indifferente alla classifica avulsa che vede il TORO in vantaggio negli scontri diretti con atalanta,inter,milan,lazio,sampdoria…ma soprattutto indifferente nonostante la passione e l’affetto di chi va’ sempre allo stadio sia in casa ed in trasferta ad applaudirli anche dopo una sconfitta…sara’ che se lo meritano mister e giocatori?…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

        Euro@ certe cose le percepisci se vai allo stadio. Se senti l’odore dell’erba se urli, se abbracci il tuo vicino dopo la rovesciata di Belotti, se imprechi al gol del Bologna, se bestemmi al rigore non fischiato a Belotti nel derby, se fai smettere al tifoso del Chievo di scimmiottare in aereo, etc etc, se stai a casa a pontificare da una tastiera come molti qui dentro…non le puoi capire e scrivi ciò che i vari soloni insultanti scrivono

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Simone - 3 mesi fa

        Se mi hai mai letto avrai notato che non ho MAI attaccato i giocatori ma chi li fa giocare in quel modo.
        I torti li abbiamo subiti ma nn sapremo mai se si sarebbero convertiti in punti in più.
        Rivendico il diritto di esprimere il mio dissenso verso questo allenatore quanto te di elogiarlo vita natural durante

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 3 mesi fa

          Io invece rivendico il diritto di affermare che non sei obiettivo , mai. Nemmeno di fronte ai numeri. Vedi cosa scrivi su Meitè. Un sacco di balle, riguardo la velocità. Poi i gusti non si discutono ma tu , ripeto, non Sri obiettivo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Simone - 3 mesi fa

            Se c’è una cosa che guardo sempre con attenzione sono proprio i numeri e su Meite sono IMPIETOSI.
            Te i numeri non sai proprio dove stanno di casa

            Mi piace Non mi piace
        2. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

          Io lo elogio perché piaccia o non piaccia è lui il nostro allenatore e ha bisogno del nostro sostegno al pari dei giocatori.
          Inoltre mi pare che tutti gli allenatori avversari sostengano che affrontare il toro è molto molto difficile per assetto tattico e cattiveria.
          Ovvio che hai il diritto di criticare ci mancherebbe, in fondo gente come te ha anche contestato pesantemente il povero gigi radice.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Simone - 3 mesi fa

            Buon x te se gioisci xké le altre soffrono a giocare contro lo nostre barricate (chi l’avrebbe mai detto?!?!)
            Quando c’è da far vedere la capacità di produrre gioco (con le piccole x es.) non ne ha azzeccata una

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy