Coronavirus, Lombardia e 14 province chiuse: firmato il nuovo decreto. La Serie A gioca

È stato firmato nella notte il decreto del governo per arginare il coronavirus: da oggi al 3 aprile sono consentiti accessi nelle zone segnalate solo per “indifferibili esigenze lavorative o emergenze”

di Redazione Toro News

E’ stato firmato nella notte il nuovo decreto del Governo per arginare la diffusione del coronavirus. Le restrizioni del decreto coinvolgeranno da oggi al 3 aprile tutta la Lombardia e le province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia. Chi non rispetta i limiti agli spostamenti e le nuove misure disposte può essere punito con l’arresto fino a 3 mesi e fino 206 euro di ammenda, le stesse sanzioni già previste per chi violava le prime disposizioni assunte per le zone rosse.

SERIE A – Per quanto riguarda lo sport, stando a quanto scritto sul decreto sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati, ma resta consentito lo svolgimento di eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse. Dunque il campionato di Serie A al momento è salvo da eventuali cambiamenti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy