Covid-19, gli aggiornamenti del 19 marzo / 4480 nuovi casi

Diretta TN / Gli aggiornamenti di giornata, dallo sport e non solo, sulla grave emergenza sanitaria che il nostro Paese sta affrontando

di Redazione Toro News

Di seguito i principali aggiornamenti di gioved’ 19 marzo sulla situazione del Covid-19 in Italia e all’estero, relativi al mondo dello sport e non solo.

18.00 – Arriva il consueto bollettino della Protezione Civile: Casi attuali: 33.190 (+4.480)
• Deceduti: 3.405 (+427)
• Guariti: 4.440 (+415)
• Ricoverati in Terapia Intensiva: 2.498 (+241)

16.10 – Secondo quanto riportato da Repubblica, Higuain si sarebbe sottratto alla quarantena imposta dalla Juventus per andare in Argentina dalla famiglia.

14.10 – Ora è ufficiale, il calcio professionistico in Inghilterra si ferma fino al 30 aprile.

13.55 – Come riporta Ansa, A partire dall’estate saranno effettuati i primi test sugli esseri umani da parte dell’azienda di bio-tecnologia che sta studiando un vaccino contro il coronavirus CureVac.

13.35 – Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha parlato in conferenza stampa alla presenza del capo della delegazione cinese giunta ieri in Italia. Così il governatore: “I nostri ospiti cinesi sono stupiti di come ci sia troppa gente nelle strade, di come troppi usino trasporti pubblici, di come troppo pochi abbiano le mascherine. Secondo il capo della delegazione le misure sono troppo poco rigorose”.

13.29 – Ora è ufficiale: la finale di Coppa Italia Primavera tra Fiorentina e Verona è stata rinviata a data da destinarsi.

13.10 – Liga, 15 positivi al Covid-19 nel Deportivo Alaves (tre sono giocatori della prima squadra), che lo scorso 6 marzo aveva affrontato il Valencia. Il club comunica che nessuna delle persone trovate positive manifestano i sintomi del coronavirus e sono in buone condizioni. In ogni caso verranno seguiti i protocolli di sicurezza.

12.55 – Coronavirus, sei positivi tra giocatori e staff nell’Espanyol: predisposto l’isolamento.

12.40 – Il terzino sinistro della Roma Aleksandar Kolarov ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sportklub. Questa la sua opinione riguardo all’emergenza coronavirus in Italia: “Quando il virus ha colpito il nord Italia, era stato preso un po’ alla leggera. Hanno capito con calma, quando la situazione in Lombardia ha iniziato a essere catastrofica. Ora le limitazioni sono molto severe e credo che diventeranno ancora più rigide, perché ci sono persone che non le rispettano”.

12.30 – Il coronavirus colpisce il mondo del golf: Victor Lange primo professionista positivo.

12.05 – Come riportato da Gianluca Di Marzio, i calciatori Luka Jovic del Real Madrid e Nikola Ninkovic dell’Ascoli avrebbero violato l’obbligo dell’autoisolamento e sarebbero stati denunciati alle autorità serbe.

11.55 – Carlo Mazzone compie 83 anni e chiede il regalo: “Se mi volete bene state a casa”.

11.50 – In Iran ogni dieci minuti una persona muore a causa del Coronavirus, mentre ogni ora si registrano cinquanta nuovi contagi. A fornire i dati è il portavoce del ministero della Sanità di Teheran.

11.20 – Ligue 1, il Lione mette tutto il personale sportivo in disoccupazione parziale: pagherà loro il 70% lordo. E’ il quarto club della massima serie francese a prendere questo provvedimento dopo Amiens, Montpellier e Nimes.

10.50 – Come riporta Ansa, è stato registrato il primo decesso in Russia, a Mosca, legato all’epidemia da coronavirus. Si tratta di una donna di 79 anni con una serie di malattie croniche

10.45 – Il Messico registra la prima vittima. Le autorità sanitarie hanno confermato la morte di un paziente affetto anche da diabete che aveva lamentato i primi sintomi il 9 marzo

10.30 – Buone notizie per il membro dello staff McLaren contagiato da Covid-19, non ha più sintomi.

10.20 – Come riportato da Sky Sport, i club di Premier League si riuniranno in conference call per discutere le soluzioni a breve e lungo termine riguardanti il campionato inglese.

10.00 – Il Giappone ha imposto il divieto di ingresso nel Paese per i viaggiatori provenienti dall’Europa.

9.35 – Come riporta La Gazzetta dello Sport, due italiani sono risultati positivi al coronavirus nel periodo obbligatorio di quarantena di 14 giorni dopo essere arrivati a Shanghai l’11 marzo: si tratta dei primi casi ufficialmente registrati in Cina che coinvolgono connazionali.

9.30 – Come riportato da Ansa, con l’Italia che ha superato anche la Cina per numero di morti in un solo giorno (sono state 475 le vittime nella giornata di ieri, 319 delle quali in Lombardia) il governo valuta la possibilità di prorogare oltre il 3 aprile le misure in atto. Le misure restrittive – ha spiegato il premier Giuseppe Conte – funzionano, e quando si raggiungerà il picco e il contagio comincerà a decrescere, non si potrà tornare subito alla vita di prima. Nella notte, 70 mezzi militari, partendo da Bergamo, hanno le salme fuori dalla regione Lombardia.

Bentrovati amici di Toro News, qui troverete tutti gli aggiornamenti sulla situazione coronavirus e sulle sue ripercussioni per il mondo sportivo e non solo. Lo sport è stato fermato in tutta Europa, con svariati campionati di diverse discipline che negli scorsi giorni sono stati interrotti fino a data da destinarsi.

In Italia continuano ovviamente a valere gli effetti del DPCM, che consente i movimenti solo per lavoro, necessità o motivi di salute. Per quanto riguarda lo sport, fermate tutte la manifestazioni sportive di ogni ordine e grado.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy