Il Gallipoli cambia presidenza

Il Gallipoli si era proposta come favola del calcio italiano. Il presidente Barba ha portato la squadra da un campionato di Eccellenza alla Serie B. Ma questi risultati non sono bastati e la riconoscenza nel calcio è qualcosa di quasi sconosciuto. Per questo motivo il presidente Barba ha deciso di mollare e di cedere la squadra ad una società friulana. L’addio, però, è piuttosto amaro: «Non…

di Redazione Toro News

Il Gallipoli si era proposta come favola del calcio italiano. Il presidente Barba ha portato la squadra da un campionato di Eccellenza alla Serie B. Ma questi risultati non sono bastati e la riconoscenza nel calcio è qualcosa di quasi sconosciuto. Per questo motivo il presidente Barba ha deciso di mollare e di cedere la squadra ad una società friulana. L’addio, però, è piuttosto amaro: «Non avremmo mai lontanamente immaginato – commenta l’ormai ex presidente – che dopo anni all’insegna della managerialità e dei grandi successi sportivi, battendo record su record, a un solo passo dal campionato delle stelle di serie A, nel momento delle richiesta di aiuto, avremmo ricevuto non soltanto dinieghi e silenzi, ma perfino una contestazione irriconoscente. Abbiamo per settimane presentato a tutti l’impossibilità di proseguire da soli, sperando che ogni giorno si facessero avanti i gallipolini e i salentini che avevano amore per il Gallipoli. Invece non si è fatto avanti nessuno». L’unica a farsi avanti è stata la cordata friulana capeggiata da D’Odorico che ha sostituito Barba alla guida societaria.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy