Serie A, Gastaldello si ribella: “Giocare alle 16.30 d’estate è scandaloso”

Serie A, Gastaldello si ribella: “Giocare alle 16.30 d’estate è scandaloso”

Le parole / Il difensore del Brescia ha espresso tutte le sue perplessità sulla ripresa del campionato

di Redazione Toro News

È un duro sfogo quello di Daniele Gastaldello, che ai microfoni di Radio Anch’io Sport ha commentato le ipotesi di ripresa del campionato: “Finire questo campionato è una forzatura, giocare in estate 12 partite ci espone a rischi incredibili. E le partite alle 16.30 d’estate sono scandalose. Non siamo macchine, siamo esseri umani anche noi. Nel resto dell’Italia non si percepisce quello che è successo in Lombardia, molti mi chiedono per strada perché il calcio debba ripartire, molti hanno perso i loro cari. Secondo me questo campionato riparte in modo forzato e non sarà mai quello che si concluso a marzo”.

Torino, tutti i nodi della preparazione fisica: dal rischio infortuni alla disparità di condizione

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. christian85 - 4 mesi fa

    Ma no Mimmo75…
    Non c’entra nulla il muratore assunto in regola e quello in nero..
    A parte che il muratore di per se’ e’ uno dei lavori piu’ rischiosi al mondo, cosi come quello che cementa l’asfalto e comunque il punto e’ che un calciatore (che e’ un lavoro se vogliamo chiamarlo tale) rispetto a un muratore in regola o no e’ tutelato 100000 volte.
    Il muratore se si fa male o sta male, certo si mette in malattia fino a un certo punto poi dopo l’azienda (o il suo datore di lavoro) se vede che pero’ questi non produce, e’ costretta inequivocabilmente al licenziamento.. detto cio’ per uno non in regola addirittura e’ ancora piu’ pesante e non si puo’ permettere nemmeno di stare male se vuole mangiare pane e cipolla.
    Il calciatore che si spacca un crociato e sta fuori 6 mesi o 1 anno intero, non si deve preoccupare di nulla, visite mediche pagate, stipendio iper super mega meaxi pagato e se la societa’ decide di venderlo, di certo non piange e non muore di fame, ha il suo amico procuratore che gli agevola la vita in ogni caso e gli trova la miglior soluzione.
    Quindi visto che la Lega ha deciso che la Serie A deve finire in qualche modo, poiche’ nelle societa’ non lavorano soltanto i calciatori strapagati, ma anche le persone normali come i magazzinieri.. i giardinieri.. gli operai ecc ecc, per quei 90 minuti, sotto il caldo di alta estate, il calciatore si mettera’ il cuore in pace e a “”lavorare”” a qualunque orario imposto e deciso dalla Lega, poiche’ il povero muratore non ha la facolta’ di poter decidere di non andare a lavorare in estate perche’ secondo lui scandaloso.

    Concludo : in apertissima fase2 tutti i normali lavoratori, dal 18 maggio sono rientrati a lavoro, ben consapevoli che il contagio non e’ del tutto sparito e che si deve convivere con il virus.. il lavoratore da 1300 euro al mese deve andare a lavorare rischiando la vita e il calciatore deve fare la lagna continuamente ?

    Non mi torna qualcosa……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mimmo75 - 4 mesi fa

    Christian, se parliamo dell’effetto che fanno le parole di Gastaldello di primo acchitto capisco. Se andiamo alla sostanza no. Quindi, secondo il tuo ragionamento i muratori assunti a regola non dovrebbero lamentarsi per la mancanza di condizioni migliori solo perché esistono muratori costretti a lavorare in nero e in condizioni peggori? E questi ultimi non dovrebbero lamentarsi perché altri ancora un lavoro neanche ce l’hanno? Assurdo, no? Il punto è che ogni individuo e ogni categoria puntano al meglio, giustamente. È ciò che ci ha portati dall’età della pietra ad oggi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GlennGould - 4 mesi fa

    Questo signore dovrebbe guardarsi in torno, chiedere scusa per ciò che ha detto, giocare alle 16.30 e star muto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogozin - 4 mesi fa

      Questo signore fa il lavoro per cui voi pagate il biglietto, e perché lo fa bene. Che desideri farlo alle condizioni migliori per sé, pur ben pagato da voi, a me sembra del tutto ragionevole.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. GlennGould - 4 mesi fa

        Il biglietto al massimo lo paghi tu. Di certo non io.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. christian85 - 4 mesi fa

    Mimmo scusami ma non sono d’accordo.

    Allora noi umani che andiamo a lavorare 10 ore al giorno per 1300 euro al mese cosa dobbiamo dire? Ma che discorso è ?

    E comunque, se è per quello allora è scandaloso giocare anche al lunch time, 12.30.

    Ha pisciato fuori dal vaso Gastaldello…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 4 mesi fa

      I calciatori non sono umani Christian, sono una entità al di sopra di tutto e vanno serviti e riveriti. Dai che stavolta se la guadagnano la pagnotta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mimmo75 - 4 mesi fa

      I tornei finiscono a maggio e giocare alle 12:30 una tantum è accettabile. Forse non è chiaro che la prospettiva è giocare a oltre 30 gradi (quando va bene) ogni 3 giorni. A Max dico che un conto è affrontare amichevoli estive senza nulla in palio se non la soddisfazione degli sponsor, altro è giocare con la massima intensità per vincere qualcosa o evitare di retrocedere. Non stimo i calciatori, razza straviziata e mai contenta, totalmente alla mercè di procuratori e sponsor con il solo dio denaro a muoverei loro “sentimenti”, però ciò non mi impedisce di dargli ragione quando ritengo ce l’abbiano. Questo è uno di quei casi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. christian85 - 4 mesi fa

        ho capito mimmo75 ma i 30 gradi ci sono sia alle 16.30 che alle 3 di notte…
        farebbe in ogni caso caldo e schifo comunque.

        Siamo sempre li, i muratori che lavorano nel pomeriggio dalle 12.30 alle 18.00 è diverso ?
        Mi pare non abbiano molta scelta.

        La stessa cosa per quelli che in estate nel pomeriggio, devono cementare l’asfalto, i calciatori poverini…… occhio di riguardo.
        Ma per favore dai !! Andassero a lavorare, sempre sappiano cosa voglia dire

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 - 4 mesi fa

          per carita, è la tua opinione e la rispetto, però stai confrontando due cose non paragonabili a mio avviso

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. christian85 - 4 mesi fa

            non paragonabili ? e perchè scusa ? 🙂
            il muratore o quello che asfalta il cemento con martello pneumatico lavorano con aria condizionata ?
            Lavorano 10 ore al giorno sotto afa e 40 gradi.. i signorini 2 ore ( nemmeno scusa, perchè sono 90 minuti )

            Per carità rispetto pure io la tua opinione, ma che non siano paragonabili è fuori luogo.

            Pouttosto Gastaldello se avesse detto che i calciatori non vogliono scendere in campo per paura di contagi, allora è già ben diverso, ma dire che giocare alle 16.30 è scandaloso, allora il povero muratore cosa dovrebbe dire ?

            Mi piace Non mi piace
  5. Mimmo75 - 4 mesi fa

    Rifiutatevi di scendere in campo. Siete artefici del vostro destino, avete ragione: agite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 4 mesi fa

      Ciao Mimmo, dissento anch’io. Per spiegazioni leggi Christian di sopra. Mi sembra che per i tornei in Arabia Saudita invece vada tutto bene, eh ma li pagano bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. christian85 - 4 mesi fa

        hai detto benissimo fratello maxxx….

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy