Toro News
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Serie A, inaugurato il Centro Var a Lissone. Gravina: “Si apre una nuova era”

Serie A, inaugurato il Centro Var a Lissone. Gravina: “Si apre una nuova era”

Presente anche il presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino che risponde a tono alle polemiche avviate da Maurizio Sarri

Redazione Toro News

Inaugurato oggi, a Lissone, presso l'International Broadcasting Centre, il nuovo Centro Var. La struttura, voluta da FIGC e Lega Serie A, permette di riunire in unico luogo tutti gli arbitri assegnati al Var in occasioni di partite della massima serie o della serie cadetta. Al suo interno, infatti, ci sono 8 Var Room dedicate alla Serie A, 4 alla Serie B. Ma è anche un centro di produzione televisiva per il commento delle partite. All'evento erano presenti il presidente della FIGC Gabriele Gravina e quello della Lega Serie A Paolo Dal Pino. Con loro anche il disegnatore arbitrale Gianluca Rocchi, il presidente dell'AIA Alfredo Trentalange e l'ad Luigi De Siervo. Soddisfazione da parte di tutti per la realizzazione del progetto, come ha detto anche Gravina: "Questo progetto della Var Room centralizzata è un sogno che si realizza e che diversi mesi fa sembrava irrealizzabile. La struttura rappresenta una nuova eccellenza del calcio e dello sport italiano e ci fa capire che siamo entrati in una nuova era".

SARRI - In occasione dell'evento Dal Pino ha risposto a tono alle dichiarazioni rilasciate da Maurizio Sarri dopo la sconfitta con il Bologna, in cui aveva chiamato in causa la Lega Serie A. "Siamo l’unica squadra in Europa che ha giocato 61 ore dopo la partita di Europa League, dobbiamo fare una guerra in Lega perché non succeda più". Alle parole del tecnico della Lazio è arrivata la risposta secca di Dal Pino: "Le polemiche di Sarri? In Premier ha dovuto giocare più di una volta partite con meno di 60 ore di distanza l'una dall'altra, qui ne aveva 61. Noi siamo abituati alle pressioni, non ci piace la maleducazione. La Lega determina il calendario e lo gestisce, per fortuna abbiamo strutture e persone che subiscono molte pressioni ma non cambia niente, andiamo avanti".