Stadi di proprietà: in Italia solo 5 società ce l’hanno, 3 sono di Serie A

Stadi di proprietà: in Italia solo 5 società ce l’hanno, 3 sono di Serie A

Focus / La Reggiana fu il primo club ad acquisire un impianto sportivo

di Roberto Ugliono

Un tema di assoluta attualità è quello che riguarda gli stadi di proprietà ed è un argomento che continua a scaldare le discussioni dai vertici delle federazioni calcistiche in giù. Poco più di due mesi fa fu proprio Gianni Infantino a parlare della situazione italiana sugli impianti sportivi provocatoriamente in un’intervista rilasciata alla Rai: “L’Italia è indietro al Gabon”. Sicuramente una dichiarazione volta più a far comprendere l’arretratezza del sistema nostrano in materia e i numeri danno conferma. In Italia sono solamente 5 i club a poter vantare uno stadio di proprietà (in Europa nella massima serie dei rispettivi campionati ce l’hanno il 19% delle società): Atalanta, Frosinone, Juventus, Udinese e la Reggiana. I granata di Reggio Emilia sono stati addirittura i primi ad acquisire lo stadio dove disputavano le partite e lo fecero con un metodo totalmente peculiare. Infatti, per potersi permettere le spese la società decise di istituire degli abbonamenti pluriennali, così da poter racimolare subito la cifra per comprare l’impianto sportivo.

METODOLOGIA – Il fil rouge che lega le altre società sono i risultati sportivi (eccezion fatta per la Juventus). Atalanta, Frosinone e Udinese, infatti, in seguito ai risultati ottenuti, sono riusciti ad acquisire lo stadio di proprietà del comune. I neroazzurri dopo l’exploit sotto la guida di Gasperini, i ciociari dopo la prima promozione in Serie A nel 2015 e i friulani in seguito a una serie di annate di alto livello (tra qualificazioni europee e plusvalenze mirabolanti). Ognuna di queste, poi, ha avuto dei procedimenti differenti. La società bergamasca si è assicurata l’ormai ex Atleti Azzurri d’Italia nel 2017 per la cifra di 8 milioni di euro e, in seguito, ha iniziato i lavori di rifacimento dell’impianto grazie all’ausilio di una sponsorizzazione (quella della Gewiss a cui sarà intitolato il nome dello stadio). Il Frosinone, invece, ha eseguito i lavori a spese dello stesso presidente della società, Maurizio Stirpe, che per poter regalare ai propri tifosi un impianto di qualità ha sborsato la cifra di 20 milioni di euro. Si diceva che il caso della Juventus è differente dalle altre tre. Infatti, i  bianconeri acquisirono l’ex Stadio Delle Alpi in un momento certamente poco brillante dal punto di vista dei risultati sportivi, ma compresero la necessità di avere uno stadio di proprietà. Così, la società decise di investire un totale di 155 milioni per rifare completamente lo stadio costruito per Italia ’90 e nel 2011 (dopo due anni di lavori) fu inaugurato il nuovo impianto. Ciò che ha reso quello dei bianconeri un caso importante, è la presenza di esercizi commerciali e del museo, tutto di proprietà della Juventus. Va specificato, però, che non fu la prima società a effettuare un lavoro del genere, perché fu proprio la Reggiana nel 2008 a inserire esercizi commerciali all’interno dell’area dello stadio, oltre a vantare al momento. Per tutte queste società uno dei vantaggi che traggono riguarda l’uso esclusivo dell’impianto.

E ora lo stadio di proprietà

TORINO – Questo discorso è ovviamente di assoluta attualità per il Torino, costretto a giocare il primo turno dei preliminari ad Alessandria a causa dei concerti che si sono svolti nel mese di luglio proprio all’Olimpico Grande Torino. Per la società di Urbano Cairo, però, il problema principale non riguarderebbe l’acquisizione dell’impianto sportivo, ma piuttosto la possibilità di attuare lavori di rifacimento come fatto dalle altre società. L’Olimpico, infatti, è uno stadio costruito nel 1933 e per questo coperto dalle Belle Arti, motivo per cui l’impianto non può essere ampliato più di quanto già fatto e non potrebbe neanche esserne modificata la struttura (per esempio, se si volesse costruire uno stadio all’inglese con spalti vicino al campo, non si potrebbe).

34 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bilancio - 1 mese fa

    Se anche si potesse penso che Cairo non farebbe mai investimenti “strutturali” a lungo termine. Mai.
    Mia opinione personale: Cairo predilige la politica delle formiche, gestione delle spese correnti, taglio dei costi, conservazione del presente. Penso che se lo portassero in un casino’ ci andrebbe solo per rilevarlo, mai per giocarci.
    Detto questo:
    Il principio fondamentale, che sta alla base di tutto, campionato, merchandising, stampa, prestigo del brand toro e’ che il Toro non deve mai mettere fuori la testa dall acqua per volere dei sovrani, anche adesso (si anche adesso) e tutto cio che da un po di ombra a loro, un magnate, uno stadio all inglese da 40 mila, una squadra che viaggia e far proseliti deve deve deve rimanere lontano.
    Ma questo non e’ piu un problema del presente.
    A vestiti invertiti, le fascette, gli intonaci e compagnia cantante non sarebbe un problema.
    Distruggere il filadelfia in due secondi era possibile ma toccare le fascette incrociate sotto il terreno del comunale no no no quello no eh…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 1 mese fa

      ecco non si può toccare il terreno per via delle “fascine del duce”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bilancio - 1 mese fa

        Con tutti i favori che si sono scambiati la famigghia e Benito non potevano fare questo affronto….e no le fascette non vanno rimosse!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Boh(Cairopussavia) - 1 mese fa

    Sta di fatto che almeno Inter, Milan, Roma, Lazio, Napoli, Fiorentina, Samp, sono convinte di farlo o almeno ne parlano. Dal mandrogno non si muove una foglia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Boh(Cairopussavia) - 1 mese fa

      I 2.000 seggiolini in piu’ del Moccagatta chi li paga? Non lo so.
      L’Alessandria, Il Toro, Cairo, gli spettatori della partita?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. PaCo68 - 1 mese fa

    Io tifo Toro ma vivo a Bergamo
    Anche lo stadio di Bergamo ha vincoli storici e le tribune storiche rimarranno, ma le curve saranno nuove e verrà coperto completamente.
    A Torino la struttura storica è molto simile al vecchio stadio di Firenze dove, per non toccare le tribune o per toccarle poco, hanno eliminato la pista e prolungato curve e tribune verso il campo abbassandolo rispetto alla quota iniziale.
    Non sarebbe forse una soluzione bella come uno stadio all’inglese, ma sarebbe NOSTRA e con le curve a contatto del campo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 1 mese fa

      avevo sentito anni fa che il campo non si può abbassare,sempre per via delle belle arti o cose del genere,ma potrei sbagliarmi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lourlalagente - 1 mese fa

        Il vincolo per abbassare credo non esista più, c’era nel 2006, oggi è stato rimosso

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bergen - 1 mese fa

    Le cose non stanno proprio cosi.
    Se ci fosse la volontà si potrebbe lavorare su un bel progetto di ampliamento, di riqualificazione dell’area ex Combi per realizzare degli spazi commerciali, di potenziamento di alcune linee di trasporto che consentano di raggiungere agevolmente uno stadio cittadino lasciando l’auto in parcheggi moderni.
    L’unico nodo forse è quello dello spostamento del campo che la sovrintendenza potrebbe non avvallare (richiederebbe lo spostamento di Maratona e Distinti verso il campo).
    Ma qualche prezzo per avere uno stadio STORICO bisogna pur pagarlo.
    Un centinaio di milioni (oggi acquisibili dal credito sportivo con facilità) consentirebbero di realizzare un progetto molto interessante. Il piano di ammortamento del prestito peserebbe meno dello stipendio di 1 calciatore solo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Follefra Granata - 1 mese fa

    Per la visione dello stadio moderno, da vivere anche la settimana con cinema e commercio, il Grande Torino è in posizione sfavore. In più paiono inamovibili dei vincoli(assurdi) che non consentirebbero di godersi al meglio il match. Andrebbe cercata una location alternativa e il comune che ci farebbe col vecchio comunale? Quindi ci vorrebbe un miracolo politico e la ferrea volontà di Cairo. E la seconda è davvero utopia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. CUORE GRANATA 44 - 1 mese fa

    Su questo argomento l’articolo di Cassardo,a mio parere,è un “riempitivo” in questo periodo dove purtroppo latitano altre notizie.Penso che egli stesso così come noi tifosi(almeno la più parte) sappiamo che per un’infinità di motivi detti e ripetuti sarebbe “più facile per un cammello passare dalla cruna di un ago”piuttosto che Cairo prenda anche solo in considerazione una tale ipotesi.Piuttosto in un commento ho letto che il Credito Sportivo ha concesso o starebbe per concedere un prestito per completare il Fila lotti2\3.Questa sarebbe un’ottima notizia anche se in tal caso forse Fondazioni e Cairo non hanno ancora definito il criterio su come ripartire il costo del mutuo.Certo che..Questa notizia ha un suo oggettivo fondamento? Chissà se la Redazione riterrà interessante approfondire e magari non propinarci,suo malgrado,giornalmente la “solita minestra”riscaldata!FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 1 mese fa

      Scusa ma la Fondazione, che io sappia, no ha altri proventi certi che non sia l’affitto pagato dal Toro. Quindi la tasca è sempre quella, no ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. CUORE GRANATA 44 - 1 mese fa

        Temo appunto che “il problema” sia costituito “dalla tasca”.Per riordinarmi un po’ le idee farei un miniriassunto.Per quanto ne possa capire in questa materia a suo tempo per dare una parvenza di soluzione allo “scandalo”del Filadelfia venne individuata la figura giuridica della Fondazione, una soluzione che,nel caso di specie,rappresenta quantomeno un ibrido.Per utilizzare il Lotto1 Torino fc paga un affitto e fino qui..Ora se corrisponde al vero che la Fondazione ha stipulato(o stà per farlo) un mutuo con il Credito Sportivo per i lotti 2\3 per il Lotto2 destinato ad attività sportiva e non solo di Torino fc si tratterà di adeguare in modo proporzionale il canone che Torino fc dovrà corrispondere alla Fondazione Filadelfia e già qui…ma la quota di mutuo riguardante il Lotto 3 museale in merito al quale è operante la Fondazione specifica a chi farà carico? A tale Fondazione se dispone dei necessari proventi presenti o futuri o chi altri? Visto così da osservatore esterno mi pare un bel guazzabuglio.Forse un chiarimento complessivo sul tutto sarebbe interessante.FVCG!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Grande Torino - 1 mese fa

      L’articolo di Cassardo che si vede nel riquadro è una correlazione, è del maggio scorso. Non credo che discutere di stadio di proprietà sia ‘una minestra riscaldata’. Personalmente lo ritengo un passo fondamentale per la crescita ed il futuro della società. Per quanto riguarda la redazione sono d’accordo con Lei @guoregranata 44, mi chiedo anch’io come faccia a riempire tutti i giorni di articoli TN nonostante la carenza di novità, speriamo che dopo i preliminari di EL si smuova qualcosa. Comunque complimenti alla redazione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. èquasifatta - 1 mese fa

    Certo, certo…me lo vedo proprio il mandrogno bracciamozze tirare fuori il portafoglio per acquistare un terreno idoneo poi a costruire uno stadio di proprietà con tanto di parcheggi ad hoc….!!!

    Per il Filadefia sono riusciti a fargli tirare fuori, con le tenaglie, un milione di euro mentre gli altri sette se li sono spupazzati il Comune e la Regione, metre per i lotti 2 e 3 ci ha pensato il Credito Sportivo…!!!

    Ma qualcuno ci crede ancora allo stadio di proprietà “made in nandrogno bracciamozze”…???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anonymus - 1 mese fa

      Caro pseudo tifso, Cairo avrà anche solo tirato fuori un milione di euro per il Fila, il problema è che ha messo più lui che tutti i tifosi del toro messi in sieme. Per quel che riguarda i soldi di comune e regione, la regione ha fatto un mutuo esattamente com quello che si sta facendo adesso con il credito sportivo, mentre il comune non ha tirato fuori un euro, in quanto i 3 milioni erano i soldi incassatti per l’urbanizzazione dell’area e quindi appertenevano di Ciminelli.
      Ultima cosa se fai un mutuo con il credito sportivo, poi lo devi restituire, chi lo restituisce tu o Cairo????
      Prima di scrivere scemenze e dimostrare la tua completa ignoranza in materia sarebbe meglio informaesi ed cosi evitare brutte figure.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. èquasifatta - 1 mese fa

        Asino e ignorante che non sei altro: il Filadelfia non è di proprietà di FC Torine e dunque del mandrogno bracciamozze, bensi della Fondazione Filadelfia, la quale lo ha affittato a FC Torino e dunque a Cairo con un contratto ventennale ad un costo di 205 mila euro annui comprensivi delle spese ordinarie e straordinari.

        Dunque chi paga capitale ed interesi del mutuo della Regione e del mutuo del Credito Sportivo…???

        L’affittuario o il padrone delo Stadio…???

        Eclissati, cuchino, finisclia di scrivere le stro….te che ti caratterizzano e impara ad informarti meglio…!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Torello_621 - 1 mese fa

          Lo pagano con l’affitto incassato dal Torino Fc, o la fondazione ha altre entrate?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. èquasifatta - 1 mese fa

            E’ ovvio che devono avere altre entrate: 205.000 x 20 anni fa 4.100.000, mentre entrambi i mutui, solo di quota capitale, sono pari a 3,5 milioni quello della Regione e 3 milioni per il completamento dei lotti 2 e 3. Ovviamente occorre aggiungere gli interessi, anche se sono a tassi agevolati. Dunque 6,5 milioni di quota capitale più gli interessi.

            Risultano inoltre alcune associazioni di tifosi coinvolte formalmente nella nascita della Fondazione.

            Queste sono:

            – Centro Coordinamento Toro Clubs
            – Associazione Memoria Storica Granata
            – Curva Maratona
            – Curva Primavera
            – Comitato Dignità Granata
            – Angeli del Filadelfia
            – Circolo Soci Torino Calcio
            cui va aggiunta l’Associazione Ex Calciatori.

            Le associazioni hanno raccolto in breve tempo la cifra minima necessaria per poter far parte della Fondazione, pari a 2.500,00 euro cadauna. La somma raccolta è stata anzi superiore, e l’eccedenza è stata versata nel patrimonio iniziale della Fondazione.

            A questi fondi si sono aggiunti i circa 180.000 euro che costituivano il patrimonio residuo dalla “vecchia” Fondazione presieduta da Diego Novelli.

            Mi piace Non mi piace
          2. Luke90 - 1 mese fa

            Io però non capisco..
            Se era necessaria una fondazione per il Fila perchè .. adesso.. quando molti dei presidenti che hanno preceduto Cairo hanno fatto analoghe promesse.
            Comune e Regione 3,5mil, Fondazione mamma Cairo 1 (+ i seggiolini per poco più di 500mila) = 8 milioni..
            Ma perchè una fondazione..? Per non darli al Toro? dopo ciò che era stato fatto per la juve, detto che per me il comune di Torino è il maggior responsabile della vicenda Filadelfia; se il Toro avesse continuato in Sisport, che a sentir Cairo in una intervista del 2017 costava “meno”, la fondazione che ci farebbe con il Fila..? E’ evidente perchè esiste una fondazione; e poi, al Torino spettano tutte le incombenze del proprietario e paga un affitto di 205K euro per 20 anni (superano i 4mil) perchè darli alla fondazione invece di accendere un mutuo come hanno fatto altri? 4mil + 7 + 1(e 0,5), subito. Perchè..? E poi il comune ha poco da dire visto che ci sono anche i 4,3mil che Cimminelli (leggi Toro) aveva dato in garanzia per la ricostruzione del Filadelfia e nessuno sa che fine hanno fatto.. o forse si.. visto che a subentrare al fallimento fu Fiat..
            sono solo domande..

            Mi piace Non mi piace
        2. Anonymus - 1 mese fa

          Grazie per asino e ignorante, da te è un complimento vista la tua totale mancanza di cervello.
          Detto questo Cairo ha messo 1 milione di euro, paga l’affitto 205 mila euro, e non è comprensivo delle spese ne ordinarie ne straordinarie, ma queste sono tutte a carico del torino Fc quindi oltre all’affitto.
          Tu affitteresti una casa in cui devi oltre pagare l’affitto, pagare tutte le spese ordinarie e straordinarie ed in più versare un ottavo del valore della casa stessa???Se si sei proprio deficente.
          Gli interessio come il mutuo sono pagati grazie all’affitto che paga il TorinoFc. Quelli della regione naturalmente li paga la regione che detiene ancora i soldi versati da Ciminelli come garanzia all’inizio dei lavori per il comunale.
          Come vedi continuando a scrivere continui solamente a dimostrare tutta la tua ignoranza e malafede.
          Poi se Cairo è un bracciamozze perchè ha messo solo un milione di euro tu che lo critiche quanto hai messo???
          Hai comprato almeno una decina di seggiolini????

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. èquasifatta - 1 mese fa

            Leggi asino, sempre che tu ne sia capace: “contratto ventennale ad un costo di 205 mila euro annui comprensivi delle spese ordinarie e straordinarie”. Comprensivi, imbecille, comprensivi.

            Deficiente all’ennesima potenza, se è vero che gli interessi sono pagati dall’affitto che paga il FC Torino, chi credi che copra la quota capitale della Regione, per il finanziamento da lei stessa stipulato per la ricostruzione del Filadelfia…???
            La Regione non è una Onlus…!!!

            Ed è ovvio che detenga, a garanzia dei pagamenti, i denari versati da Cimminelli (due “m” analfabeta..!!)

            Ed inoltre, a chi sono ascrivibili i due mutui a bilancio…???

            Al mandrogno e al FC Torino o alla Fondazione Filadelfia…???

            Dunque il mandrogno paga un affitto ventennale di 205 mila euro annui comprensivi delle spese ordinarie e straordinarie ma non è debitoremateriale dei mutui e degli interessi passivi a medio/lungo termine.

            E se il mandrogno dovesse, per qualche strana ragione, sciogliere il contratto d’affitto con la Fondazione, chi andrebbe nelle grane per il rimborso dei mutui…???

            Imbecille, ogno volta ch pubblichi le tue putt….te mi scompiscio dalle risate…!!!

            E tu quanto hai messo in 60 anni di Tifo Granata…???

            I tu seggiolini, mettiteli nel c…., oppure vai dal piazzista bracciamozze e comrali in blocco, TDC…!!!

            Mi piace Non mi piace
          2. Anonymus - 1 mese fa

            Ogni volta che scrivi confermi la tua totale incompetenza ed ignoranza.
            ” Per il contratto d’affitto, con validità ventennale a partire dal 1 luglio 2017, il Torino FC verserà ogni anno alla Fondazione 205mila euro. La manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impianto sarà a carico del Torino FC”
            Questo è l’estratto del contrattto di affitto tra fondazione Filadelfia e Torino Fc se una persona avesse il cervello capirebbe che le spese di m,anutenzione sia ordinaria che straordinaria sono a carico del Torino Fc ed al di fuori del canone di affitto.
            Prima di dare dell’asino agli altri informati e non scrivere falsità.
            Chi come te scrive falsità di questo genere o è in buona fede, ma completamente ignorante, oppure è in malafede e lo fa spolamente per gettare discredito sul Toro.
            Non è che per caso sei un gobbo infiltrato????
            A proposito non mi hai detto quanti soldi hai messo per la ricostruzione del Fila???
            Bello è fare il frocio con il culo degli altri.

            Mi piace Non mi piace
          3. èquasifatta - 4 settimane fa

            Asino e idiota, abbiamo stabilito a tutti gli effetti che sei un analfabeta e non sai leggere: “contratto ventennale ad un costo di 205 mila euro annui comprensivi delle spese ordinarie e straordinarie”. Comprensivi, imbecille, comprensivi, te lo ribadisco per l’ennesima volta. Ma, poichè sei anche un castrato amigdale cronico, sei senza alcuna speranza.
            E, ovviamente, quando non si hanno più argomenti per controbattere, si passa direttamente all’insulto, alle falsità e alle ridicole accuse di essere un gobbo infiltrato.

            Ignorante, quando avrai 65 anno di Militanza Granata, potrai parlare: nel frattempo chiudi quell’orifizio puzzolente che hai al posto della bocca (leggi “culo”).

            Perchè non hai ancora risposto alle mie semplici domande, TDC…???

            Chi credi che copra la quota capitale della Regione, per il finanziamento da lei stessa stipulato per la ricostruzione del Filadelfia…??? Il mandrogno o la Fondazione…???

            A chi sono imputabili i due mutui a bilancio…???

            Al mandrogno e al FC Torino o alla Fondazione Filadelfia…???

            Chi è obbligato in solido al pagamento delle rate dei mutui per tutta la loro durata…???

            Il mandrogno e l’FC Torino o la Fondazione…??

            E se il mandrogno dovesse, per qualche strana ragione, sciogliere il contratto d’affitto con la Fondazione, chi andrebbe nelle grane per il rimborso dei mutui…???

            Il mandrogno e l’FC Torinoo la Fondazione…??

            I soldi per la ricostruzione del Fila…???

            Deficiente, il Filadelfia era uno e uno solo: quello di adesso è solo un lager quasi perennemente chiuso alla Tifoseria. Se non fosse per le partite della Primavera nessuno ci metterebbe piede.

            Mettici tu i quattrini per questo “sconcio” che osano paragonare al Vero Filadelfia.

            Un frocio impedito come te ha il culo talmente sfondato che non sente nemmno più dolore ma solletico.

            Ciao TDC, continua a dar via l’organo che è meglio…!!

            Mi piace Non mi piace
          4. Anonymus - 4 settimane fa

            Vedo che quando sei a corto di argomenti, riesci solo più a ripetere le stesse cose e ad inultare.
            Questo dimostra la totale mancanza di cervello e di conseguenza di intavalare una discussione.
            E poi finiscila di scrivere falsità, il canonen di affitto non è comprensivo delle spese di manutenzione, ed è inutile che tu scrivi il contrario, basta fare una ricerca su internet per vedere come stanno le cose. sarebbe come se io scrivo che tu sei intelliggente, chi vuoi che ci creda????
            A propossito un igmorante come te dovrebbe tifare per i gobbi, perchè quello è il loro livello, e se daverro tifi Toro e ci tieni veramente, allora fai il tifo per le m…e strisciate così fai danni a loro e non al Toro.

            Mi piace Non mi piace
          5. èquasifatta - 4 settimane fa

            Vedo che, oltre ad essere un idiota imbecille e incompetente, ripeti sempre le stesse cose, proprio come i pappagalli zebrati.

            Complimenti vivissimi per “l’analfabetismo sgrammaticale” dimostrato nelle idiozie che pubblichi: il che a riprova e a conferma della tua nullità cerebrale e amigdale.

            Rispondi alle mie domande, idiota, invece di arrampicarti sui vetri…!!!

            (omissis)…”sarebbe come se io scrivo che tu sei intelliggente, chi vuoi che ci creda????” (omissis)

            A leggerti c’è da sbellicarsi dalle risate, soprattutto leggendo questa “parte d’aborto” che hai partorito: “…se io scrivo…intelliggente”…!!!

            …muahahahahahahahahahah…!!!

            Ciao TDC

            Mi piace Non mi piace
          6. Anonymus - 4 settimane fa

            Come volevasi dimostrare il cervello non sai cosa sia. Purtroppo gente come te se viene gettata via inquinerebbe anche la spazzatura.
            Inutile rispondere alle tue invenzioni quando non sei neanche in grado di capire che le spese ordinarie e straordinarie sono a carico del Toro.
            Visto che sei così bravo ad insultare, troviamoci allo Sweet bar così me lo dici di persona. sai dove si trova????
            Ti aspetto volentieri in via Filadelfia 29 per un chiarimento faccia a faccia.

            Mi piace Non mi piace
          7. èquasifatta - 4 settimane fa

            Mio caro “sterco tenuto insieme dai vestiti”, le tue minacce e provocazioni mi fanno ridere.

            Ed è naturale che un imbecille come te, quando ha esaurito le capacità intellettive (sempre ammesso che le abbia mai avute), si comporti come il bulletto di periferia, pronto a menare le mani.

            Il giorno che verrò allo sweet bar per incontrarti, non avrai nemmeno il tempo per ordinare un caffè.

            Fatti furbo, pagliaccio da baraccone.

            Mi piace Non mi piace
          8. Anonymus - 4 settimane fa

            èquasifatta che lo prendi in c..lo continui ad insultare , ma sei solamente un povero figlio di p…..a abituato avendere il c..lo come tua mamma e tuo padre. darti della m…a significa insultare la m….a.
            Hai scritto solo scemenze e falsità e quando non riesci più a sostenere tutte le tue stronzate passi agli insulti, proprio come un perfetto gobbo di m….a, ma mi sa che anche in questo caso, con te, è un insulto verso i gobbi.

            Mi piace Non mi piace
          9. èquasifatta - 4 settimane fa

            Non pubblicizzare troppo la tua parentela, TDC.

            In fondo il fatto che tu sia uno “scopato in economia”, figlio di uno “schizzo andato a male” non depone certo a tuo favore.

            Ma sulla tua discendenza non vi erano dubbi in proposito.

            Ciao SOB.

            Mi piace Non mi piace
      2. GlennGould - 1 mese fa

        Anonymus@.
        Perfetto!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. èquasifatta - 1 mese fa

          Peccato che siano le str….te di un “non adetto ai lavori”, totalmente privo di informazione…!!!

          E tu non sei da meno…!!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. GlennGould - 1 mese fa

            Eh lo so. Tu sei il guru della tifoseria granata.
            Davanti a cotanta cultura e competenza, posso solo esprimere gioia e stupore.

            Mi piace Non mi piace
  8. tric - 1 mese fa

    Com’è possibile che non siano le prime cinque del campionato? Forse non è poi così essenziale ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy