Juventus, la miglior difesa del campionato: “Bonucci e Chiellini da Harvard”

Juventus, la miglior difesa del campionato: “Bonucci e Chiellini da Harvard”

Focus on / La retroguardia bianconera ha diverse opzioni a seconda della partita

di Roberto Ugliono

Venerdì sera il Torino sarà chiamato all’ardua sfida di provare a scardinare una delle migliori difese europee: quella della Juventus. I successi negli ultimi 8 anni dei bianconeri partono proprio dal pacchetto arretrato, che, a parte la passata stagione, è composta dai soliti noti Barzagli, Bonucci e Chiellini, con il primo che è ormai giunto all’ultima stagione, avendo annunciato il suo ritiro alla fine del campionato.

CHIELLINI E BONUCCI –Hanno Bonucci e Chiellini come base della squadra che dovrebbero tenere un corso universitario ad Harvard per come difendono. Sono fantastici, assolutamente fantastici” così aveva commentato Mourinho la prova del duo difensivo bianconero dopo la sconfitta nei gironi di Champions subita dal suo Manchester quest’anno. Non solo singolarmente i due difensori sono tra i migliori al mondo, ma formano anche una coppia di altissimo livello. Bonucci e Chiellini si completano, il primo bravo nella fase d’impostazione e nelle letture, mentre il secondo è praticamente insuperabile nell’uno contro uno.

Juventus-Torino, il derby più importante degli ultimi vent’anni

OPZIONI – A completare poi il pacchetto arretrato ci sono diverse possibilità. Una delle ultime è quella di Emre Can. Il centrocampista ex Liverpool ha dimostrato di poter fare la differenza anche da terzo di difesa, garantendo, non solo grande fisicità, ma soprattutto una maggiore facilità di palleggio. Anche nel caso Allegri dovesse optare per una linea a 4, le opzioni sarebbero svariate. Sulla destra De Sciglio è la scelta che garantisce più copertura, mentre Cancelo sarebbe una minaccia soprattutto in avanti. Sulla sinistra Alex Sandro è il prescelto nel ruolo di terzino, un giocatore che può ricoprire tutta la fascia, ma il trauma distorsivo alla coscia destra potrebbe tenerlo lontano dal campo. Ecco quindi che potrebbe giocare Spinazzola, che ultimamente viene impiegato con costanza da Allegri ed è una scelta più offensiva rispetto a quella del terzino brasiliano.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13963758 - 4 mesi fa

    entriamo in campo facendo chiaramente sin da subito capire che se se nn ci danno i 3 punti, noi miriamo alle gambe. e nn è il caso di mettere a rischio le loro carriere x 3 punti che nn gli servono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabio - 4 mesi fa

    Mourinho o li prende per la parte dove di solito entrano le supposte o dice una fesseria perchè, quei due li, se non indossassero quella maglia, avrebbero due rigori contro a partita e giocherebbero una gara ogni due a causa delle squalifiche rimediate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14071465 - 4 mesi fa

    La difersa del Toro è molto più forte fidatevi…sirigu uno dei più forti al mondo Moretti e Izzo da nazionale..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granatadellabassa - 4 mesi fa

    Dentro Rugani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13814870 - 4 mesi fa

    l’unica cosa che mi piace di Bonucci è che il suo bimbo è granata fino al midollo e non gli ha fatto cambiare idea…anzi lo accontenta lo porta allo stadio. Per il resto sia lui come Chiellini e tutta la compagnia li considero allo stesso livello..e non dico quale…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. MV - 4 mesi fa

    I due si completano davvero: uno tiene fermo gli attaccanti avversari mentre l’altro li picchia, sotto lo sguardo indulgente dell’arbitro. La foto qui sopra, poi, ritrae Chiellini in un suo atteggiamento tipico: ha appena buttato giù il Gallo e già si lamenta pretendendo un fallo a favore, che certamente gli verrà concesso. Poi vanno in Europa e scoprono con sbigottimento che gli arbitri non sono “sensibili” a queste pretese…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dariog - 4 mesi fa

      🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy