Toro, vince anche la Berretti: 3-1 alla Giana Erminio, granata sempre in testa

Giovanili / La squadra di Fogli si sbarazza facilmente dell’avversario tecnicamente inferiore, nonostante un’incredibile espulsione ad un quarto d’ora dalla fine

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Non solo il grande successo della Primavera: in casa Toro vince anche la Berretti, brava a superare la Giana Erminio per 3-1, sul terreno amico di Venaria. La formazione di mister Fogli, scesa in campo questo pomeriggio su un terreno da gioco senza dubbio non ottimale, è partita subito con la voglia di fare risultato, per cercare di allungare in classifica sulla diretta avversaria Alessandria. Il Toro, dopo appena sei minuti, infatti, è subito arrivato alla conclusione pericolosa: dopo una bella combinazione tra Peyronel e Munari, il numero 7 ha servito un pallone in mezzo, diventato preda di Menon che però ha sbagliato la misura del tiro. Eccetto quella solare occasione per i granata, la gara – nella prima parte della primo tempo – è stata molto una lotta in mezzo al campo, con la Giana Erminio che ha cercato di contenere l’iniziativa pericolosa dei ragazzi di Fogli.

Nella seconda parte della prima frazione, solo un’occasione è passata tra i piedi dei giocatori granata, alla mezz’ora: dopo uno scambio tra Menon e un ottimo Favre, la palla è finita a Sargiottomenga, cha da posizione defilata ha provato a metterla in porta, ma un salvataggio di Braga ha permesso alla Giana Erminio di rimanere sul punteggio di parità. Sul finale di primo tempo, due brividi per i giovani granata: a causa di due amnesia difensive di Potop (delle quali la seconda molto grave), Corti si è trovato davanti a Bechis, ma il tiro scoccato ha solo sfiorato il palo, mentre nella seconda circostanza un calcio di punizione dal limite dell’area di rigore non ha creato eccessivi grattacapi all’estremo difensore granata. Il difensore del Torino Potop, però, dopo due errori grossolani, si è fatto perdonare sullo scoccare del 45’: su calcio d’angolo, perfetto l’assist di Menon per la testa di Potop, che ha insaccato, portando in vantaggio la squadra di Fogli. Il raddoppio è arrivato il minuto dopo, con un bel gol di Munari, che da dentro l’area ha stoppato il pallone e con un colpo preciso alla destra del portiere avversario ha dato perforato la porta avversaria per il 2-0 granata.

Il secondo tempo è cominciato sulla falsa riga della prima frazione: Il Torino ha cominciato subito a spingere forte, per cercare di mettere in cassaforte il risultato. L’occasione migliore dei primi minuti capita sui piedi di Virardi, che approfitta di una svista difensiva della Giana Erminio, trovandosi a tu per tu con Asnaghi: una grande risposta dell’estremo difensore ha negato la gioia del gol al numero 9 granata.

Oltre a qualche lampo, la seconda frazione di gioco ha visto i granata cercare di chiudere i conti, ma soprattutto difendere il risultato ottenuto nel primo tempo. E gli sforzi granata sono stati ripagati al minuto 27: dopo una mischia in area, Ollio ha preso il pallone e l’ha recapitato in porta, sancendo di fatto la fine del match.

Subito dopo un episodio incredibile: dopo appena 30 secondi in campo, D’Ippolito tira un colpo sul volto al diretto avversario, rimediando il cartellino rosso e costringendo il Torino a giocare un quarto d’ora in 10 uomini. Dopo il cartellino rosso, però, è stato ancora il Toro a rendersi pericoloso: su calcio d’angolo è svettato Ambrogio, che ha sfiorato l’incrocio dei pali. Nel finale la Giana Erminio ha trovato anche il gol,a cinque minuti dalla fine, arrivato grazie ad un tiro di Braga deviato dalla difesa granata, che ha messo fuori causa Bechis.Dopo la rete avversaria, un altro episodio clamoroso, Virardi, per un normale contato a centrocampo, viene espulso senza apparente motivo dall’arbitro. Nonostante i due uomini di meno, il Toro si è tenuto a galla grazie al doppio vantaggio, e anche grazie agli interventi di un ottimo Bechis, assolutamente decisivo ai fini del risultato con due parate nei minuti di recupero.

Grazie a questo successo, il Torino Berretti è salito a quota 16 in campionato: sempre in testa nel Girone A, i granata sono ancora appaiati all’Alessandria, vincente in casa con la Pro Piacenza. Ma lo stato di forma della squadra è buono e il percorso appare quello giusto.

TORINO-GIANA ERMINIO 3-1

MARCATORI: 43’ pt Potop (T), 45’pt Munari (T), 27′ st Ollio (T), 40′ st Braga (G)

Torino (3-5-2): Bechis; Favre (dal 27’ st Frattesi), Sargiottomenga, Potop, Cornaggia, Ambrogio, Munari (dal 15’ st De Pierro), Matera (dal 27’st D’Ippolito), Virardi, Menon, Peyronel (dal 15’ st Ollio). A disp: Circio, Graziani, Dal Prà, Mecja, Rovelli, Coppola, Battistelli, Citterio. All: Fogli

Giana Erminio: Asnaghi;Reimondi  (dal 23’ st Botta), Braga, Raimondi (dal 15’ st Mobilia), Piacentini, Stroppa (dal 15’ st Marcial), Marzi, Ieriti (dal 23’ st Callipo), Zulli (dal 15’ st Logoh), Corti. A disp: Duoiez, Padulano, Valietti, Meremoa, Longhini. All: Chiappella

ESPULSI: 27′ st D’Ippolito (T),  43′ st Virardi (T)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy