Berretti, un lavoro di gruppo che paga: una prima parte di stagione positiva

Berretti, un lavoro di gruppo che paga: una prima parte di stagione positiva

Il resoconto giovanile / La squadra di Fogli ha avuto un inizio più complicato, a causa dell’arrivo di nuovi innesti, ma ora cominciano a vedersi i primi risultati

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

La prima parte della stagione della Berretti è conclusa, ed ora si sta per concludere un anno – il 2016 – che è stato carico di tensioni. Dopo la fine dello scorso campionato, con la sconfitta in finale Scudetto maturata negli ultimi minuti, non è stato facile rialzarsi per ripartire di nuovo. Ma grazie all’arrivo del nuovo tecnico Roberto Fogli il lavoro è stato più “semplice”, con i risultati migliori che dovrebbero arrivare dall’inizio della seconda parte di stagione.

L’inizio di questo campionato non è stato facile a causa dell’inserimento di alcuni nuovi volti che andavano prima conosciuti e poi inseriti al meglio nella squadra, ma non solo: oltre ai nuovi ragazzi, c’erano anche dei giocatori classe ’99 che la scorsa stagione non sono riusciti a mettersi in mostra, e che cercavano il riscatto in questo nuovo campionato: per queste motivazioni il lavoro di Fogli è stato molto importante, soprattutto guardando al futuro e al possibile inserimento di alcuni giocatori in categorie superiori come la Primavera.

L'allenatore della squadra Berretti, Roberto Fogli
L’allenatore della squadra Berretti, Roberto Fogli

E alcuni risultati del lavoro fatto sono già anche emersi, come ad esempio il buon progresso di Bedino, giocatore che sembra ormai pronto per accedere alla Primavera di Coppitelli, soprattutto perché già quest’anno si è allenato con la formazione di categoria superiore, in occasione della partita di Coppa Italia tra Torino ed Entella. Perciò, nonostante le difficoltà palesatesi all’inizio della stagione, si può considerare questo inizio di campionato più che positivo, con la sicurezza che se la Berretti gioca da gruppo, da squadra vera, può davvero essere un pericolo per qualsiasi formazione di categoria.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy