Giovanili Torino, valzer di panchine: i possibili nomi per U17 e U18

Giovanili Torino, valzer di panchine: i possibili nomi per U17 e U18

Il punto / Non solo Sesia, pronti diversi spostamenti tra le Under granata dopo l’addio di Coppitelli

di Alberto Giulini, @albigiulini

Bava direttore sportivo e supervisore della Primavera, Fabbrini nuovo responsabile del settore giovanile: si sta via via completando il quadro del settore giovanile granata. E con la promozione di Marco Sesia in Primavera, stanno andando ad incastrarsi anche gli ultimi tasselli.

PROMOZIONE INTERNA – Dopo tre anni alla guida della Primavera, Federico Coppitelli ha salutato il Toro per tentare il salto tra i professionisti. Una scelta che non ha colto impreparati i granata, che hanno subito promosso Marco Sesia, negli ultimi tre anni allenatore della Under 17. Una promozione che lascia libere due caselle, tra Under 18 ed Under 17. Due vuoti che dovrebbero essere colmati da Massimiliano Capriolo, campione d’Italia con la Berretti, e Franco Semioli, che quest’anno ha seguito da vicino le giovanili granata.

Torino, a Sesia la Primavera: l’eredità di Coppitelli è in ottime mani

LE ALTRE UNDER – Andrea Menghini, ormai un’istituzione del settore giovanile, dovrebbe passare dall’Under 16 all’Under 15, che l’anno prossimo vedrà protagonisti i giocatori classe 2005. Non ci sono invece certezze per Andrea De Martini, ultimo anno alla Under 15. Rimarrà sicuramente nei quadri invece Christian Fioratti, che ha fatto un ottimo lavoro con il primo gruppo dell’Under 14. In questa stagione potrebbe arrivare anche per lui una promozione ad una squadra di settore giovanile puro. Anche a livello giovanile si prospettano dunque diversi cambiamenti, con diverse promozioni interne per colmare i vari vuoti premiando allo stesso tempo il lavoro dei più meritevoli.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. al_aksa_831 - 4 mesi fa

    Menghini invece di progredire, fa la mossa del gambero.
    Per contro, qualcuno mi deve spiegare i meriti di Fioratti alla guida dell’U14 perchè io non ne vedo. Comunque già la stagione precedente a questa aveva avuto una squadra giovanile “pura” come dite voi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy