Toro, Mezzano: “Adesso viene il bello”

Giovanissimi Nazionali, Cuneo – Torino 0-4 / Il tecnico granata post-partita: “I miei ragazzi si meritano questi risultati, dopo mesi di lavoro a testa bassa”

di Diego Fornero, @diegofornero

Ebbene si, i Giovanissimi Nazionali del Torino sono di nuovo in zona play-off: dopo un inizio non brillantissimo in termini di risultati, i ragazzi di Luca Mezzano, imbattuti in questo girone di ritorno, con sette vittorie e due pareggi, hanno riaggianciato la quarta posizione, quella che significa qualificazione ai play-off. Dopo la vittoria, l’ennesima, per 4-0 a Cuneo, ha parlato ai nostri microfoni Luca Mezzano, sottolineando come: “Questo sia un percorso di crescita che finalmente inizia a dare i suoi frutti anche in termini di risultati. Io non ho mai avuto dubbi sui miei ragazzi, e ho sempre ricevuto da loro grandi risposte. E’ vero, nel girone di andata ci è girata storta, anche grazie ad alcuni episodi, ma non abbiamo mai mollato, ed il merito è tutto loro, che ci hanno creduto ogni giorno, dando sempre il massimo in allenamento ed esprimendo al meglio le loro qualità. La crescita, anche fisica, di alcuni, e lo smaltimento di alcune difficoltà, tra le quali quella di aver lavorato con una rosa troppo numerosa, ci hanno finalmente consentito di ottenere questi risultati ed ora vogliamo giocarcela fino in fondo. Adesso viene il bello, e finalmente sappiamo che tutto dipenderà da noi, e non dai risultati degli altri. Se avremo la forza e la costanza di mantenerci a questi livelli fino alla fine, andremo a giocarci tutto ai play-off”.

Risultati frutto, tra le altre cose, anche della crescita di alcuni singoli, uno su tutti Riccardo Sottil, oggi autore di ben quattro reti: Sottil è un ragazzo di qualità e dalle grandi potenzialità, in crescita continua, anche fisica e strutturale. I presupposti ci sono tutti, ora sta a lui decidere se accontentarsi di giocare così talvolta, e poi magari calare alla partita successiva, o se volersi confermare sempre a questi livelli”.

Un calendario, sulla carta, non troppo complicato quello dei granata, che, dopo la sfida casalinga al Novara tra 15 giorni, troveranno Bra e Savona, prima del derby contro la Juventus. E se fosse proprio la sfida ai bianconeri quella decisiva? “Sinceramente è uno scenario a cui non ho pensato, vorrei avere già prima di allora i punti necessari per la qualificazione, e poi giocarmi il derby al 100%. Ma il calcio è strano, e se così fosse, ce la giocheremo anche in quel caso dando il massimo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy