Torino e Robaldo, è ancora attesa per il permesso di costruire

Torino e Robaldo, è ancora attesa per il permesso di costruire

Il punto / Il club di Urbano Cairo vuole partire con i più presto con i lavori per la realizzazione della “Coverciano Granata”

di Redazione Toro News

Ancora attesa per il via dei lavori al “Robaldo”, gli oltre 45mila metri quadri di terreno in zona Mirafiori Sud che il Torino si è aggiudicato in concessione ventennale dalla Città per farne il nuovo centro sportivo del settore giovanile. Il club granata, dopo aver incassato il sì definitivo del Consiglio Comunale lo scorso 11 febbraio, ha ricevuto le chiavi dello storico impianto (ormai abbandonato da oltre un decennio) a maggio. Il 22 luglio scorso poi è stata presentata all’Ufficio Protocollo edilizio del Comune di Torino la richiesta del permesso di costruire, documento essenziale per poter procedere all’edificazione delle strutture e alla ri-urbanizzazione del terreno circostante che il Torino ha in mente.

POSA DELLA PRIMA PIETRA – L’estate di mezzo ha allungato le tempistiche, si tratta comunque di un passaggio meramente formale che dipende dai tempi tecnici dell’ufficio competente. Si può presumere che il permesso di costruire possa arrivare tra poche settimane (forse entro fine settembre). Poi il Torino potrà materialmente prendere possesso dell’area per il via dei lavori, che sono a carico del club (l’investimento è stato di circa 4 milioni). Ancora presto per dire con precisione quando sarà la posa della prima pietra, ma il giorno dovrebbe essere in autunno, comunque entro la fine del 2019.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. FVCG'59 - 2 settimane fa

    1. Come sarebbe a dire Concessione ventennale?
    2. Perché si dovrebbero investire 4M€ “a fondo perduto”, se poi scadrà la concessione? Sarà rinnovabile?
    3. Da quando partiranno i 20 anni? Dall’innaugurazione ed effettiva disponibilità degli impianti?
    Ma perché solo per Torino FC ci sono tempi “tecnici” da rispettare?
    Ricordiamocelo quando ci chiederanno nuovamente il nostro voto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. highlander1960 - 1 settimana fa

      E’ il massimo concedibile nei rapporti di fruizione tra ente pubblico e privato e un’altra cosa è l’alienazione di bene pubblico, in cui si apre una gara d’asta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Karmagranata - 2 settimane fa

    A pensar male si fa peccato. Ma spesso ci si azzecca. Torino è e resterà Granata. Meglio ricordarlo ai politicanti che siedono in giunta comunale. Le elezioni sono al giro di boa. SSFT.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. PiazzistaDiSeggiolini - 2 settimane fa

    Se i “boiardi comunali” avessero fatto uno sgarbo del genere alla “famigghia” si sarebbero trovati come Luca Brasi: a dormire con i pesci…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. zaccarelli - 2 settimane fa

    Ai “Corleonesi” i permessi sono stati dati alla velocità che impiega Usain Bolt per correre i 200 mt ( ho voluto esagerare, bastavano i 100 mt)
    Si stupiscono se TUTTI i tifosi delle altre società italiane di calcio, li detestano.
    Hanno demolito e ricostruito un’ impianto pagato con i soldi di noi cittadini, fabbricato un’enorme centro commerciale di fronte ad un centro commerciale già esistente da anni.
    Costruito foresteria e ulteriori attività commerciali alla Continassa pagando l’intero terreno quanto una Uno Sting dell’86.
    Bagarella,Provenzano,Riina e Ciancimino erano più discreti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Maruzza44 - 2 settimane fa

    Come solo in concessione per 20 anni ???!!! E perchè alle merdacce hanno regalato il Delle Alpi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Ardi - 2 settimane fa

    Tempi biblici grazie al comune di Torino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. gianTORO - 2 settimane fa

    facciamo fare la richiesta al caprino di venaria…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Torello_621 - 2 settimane fa

    Come d’abitudine.
    L’importante è aver consegnato l’impianto nello stato di fatto, così trasferisci i costi di mantenimento e guardiania. Poi se succede qualcosa, cavoli tuoi bricconcello. Nel frattempo con calma procede l’iter amministrativo, sai è una cosa complessa, ci va il suo tempo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-14003131 - 2 settimane fa

    I tempi di certe opere pubbliche lasciano sempre sconcertati, tranne nel caso riguardino gli affari di famiglia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. CUORE GRANATA 44 - 2 settimane fa

    Non ci sono più parole per qualificare l’inerzia della Civica Amm.ne e se poi Torino fc magari non esercita un certo pressing trattandosi,tra l’altro, di un intervento che sarà anche di pubblica fruizione…Incrociamo le dita per quando si tratterà di “bonificare il sito”FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. PrivilegioGranata - 2 settimane fa

    Tutti gobbi i politici e i burocrati sabaudi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 2 settimane fa

      O forse consultano il VAR ad ogni piè sospinto, e quindi i tempi si allungano…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy