Torino Primavera, c’è l’Inter da affrontare: da qui a gennaio serve compattezza

Torino Primavera, c’è l’Inter da affrontare: da qui a gennaio serve compattezza

Primavera / I granata sono chiamati a una sfida complicata contro i nerazzurri, serve ritrovare il gruppo forte e unito visto dopo il ritiro

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto
Torino Primavera

Il Torino Primavera di quest’anno ricalca la storia di dr. Jekyll e mister Hyde. A tratti si è vista una squadra valida, tignosa e con le idee chiare, quella che ha superato la Roma in rimonta, rischiato di vincere con la Fiorentina e rifilato cinque gol al Bologna. Ma a volte anche un gruppo spaesato e vulnerabile: ad esempio nelle trasferte in casa di Genoa, Sampdoria e Chievo. Nella prima versione rientra anche la compagine apprezzata al Mamma Cairo, che fermò sullo 0-0 la Juventus e superò 1-0 l’Inter. Sebbene con un po’ di fortuna, contro i nerazzurri i torelli avevano fatto vedere caratteristiche interessanti: spirito di sacrificio e unione d’intenti. Domani alle 13 i granata tornano in campo dopo la sosta proprio contro l’Inter, che – dopo un inizio sprint – ha iniziato a scricchiolare nelle ultime giornate.

Inter Primavera, Madonna presenta la sfida con il Torino: “I granata hanno esperienza”

INTER – Nonostante le due sconfitte ottenute nelle ultime due partite giocate con Genoa e Roma, i neroazzurri rimangono una compagine di altissimo livello. Non a caso ha ormai lanciato in Prima squadra Sebastiano Esposito e a lui potrebbe aggiungersi Simone Vergani. Due assenze sicuramente pesanti, ma non per questo decisive. L’Inter di Armando Madonna può comunque contare su giocatori come Fonseca e Schirò, ragazzi con un grande talento. In generale quella nerazzurra è una compagine con notevoli capacità tecniche, abbinate a una forte fisicità. Da notare che in difesa spicca il nome di Lorenzo Pirola, difensore classe 2002 che è in orbita prima squadra, gemello di Carlo, portiere dell’Under 18 nonchè terzo nelle gerarchie della Primavera di Sesia.

Torino Primavera, Sesia presenta la sfida con l’Inter: “Compatiamoci per metterli in difficoltà”

COSA SERVE AL TORINO – Per far fronte a una sfida di questo livello, i ragazzi allenati da Sesia dovranno ritrovare se stessi, o meglio ritrovare quello spirito e quella coesione che aveva caratterizzato l’avvio di stagione.  Come normale che sia, i risultati altalenanti potrebbero aver lasciato qualche scoria nella testa di alcuni giocatori. Nella memoria di tutti c’è ancora quella rimonta con la Roma, figlia di una reazione di gruppo. Come più volte abbiamo raccontato, in assenza di grandi qualità, l’arma in più del Torino deve essere proprio la compattezza di squadra e contro i nerazzurri servirà ancora di più ritrovare quella determinazione che deve servire per mettere il prima possibile in cascina i punti per la salvezza. In attesa ovviamente del mercato di gennaio, che dovrà mettere ordine nella rosa attuale.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. rampanti-vatta - 10 mesi fa

    io sto lontano da Torino e quest’anno la primavera vedo che per ora non va, come mai? ho visto uno spezzone contro il Chievo, l’impressione è che lo scorso anno era molto più forte la squadra. Coppitelli mi sembrava molto bravo, e se hanno scelto Sesia penso lo ritengano bravo. Magari serve solo del tempo. Voi come la vedete?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. al_aksa_831 - 10 mesi fa

    Che dire, ormai si fanno articoli di analisi che oltre a sembrare scritti da Sesia, usano anche i suoi stessi motti e slogan.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy