Toro, Fogli sullo Scudetto Berretti: “E’ la vittoria del gruppo!”

Il tecnico della Berretti commenta  il decimo titolo nazionale conquistato dal Torino: “Ragazzi motivatissimi, se lo sono meritato. Il mio futuro? Devo parlarne con la società”

di Diego Fornero, @diegofornero

E’ stata una vittoria sofferta, conquistata ai calci di rigore, ma l’obiettivo è stato meritatamente raggiunto: la Berretti del Torino è campione d’Italia, avendo battuto in finale la Ternana. Ecco come commenta la vittoria mister Roberto Fogli ai nostri microfoni post-partita: “Dopo un anno che se ne parlava, e che tutti volevamo raggiungere questo obiettivo, questo è il risultato del lavoro che abbiamo fatto tutti insieme, staff e ragazzi. E’ importante per tutti gli allenatori del Torino, anche quelli che sono venuti prima di me, perché su questi ragazzi si vedono gli effetti del lavoro di tante persone”.

Un traguardo storico, nessuno aveva mai raggiunto la doppia cifra di vittorie nazionali in una categoria giovanile: “Anche questo ci rende orgogliosi, il decimo Scudetto è un risultato importante ma ancora più importante è stato raggiungerlo con un gruppo che ha lavorato in maniera omogenea. Oggi la Ternana aveva 5 o 6 Primavera ed un centrocampista della prima squadra ed aver vinto con loro è un ulteriore motivo della soddisfazione”.

Un gruppo, quello della Berretti, che ci ha creduto fino all’ultimo: “I ragazzi li vedevo bene, motivatissimi, anche chi aveva giocato meno: oggi ad esempio è stato titolare Tarnowski facendosi trovare pronto e dare un contributo importante. Il gruppo lo vedevo pronto, ma siamo stati bravissimi anche ai rigori. Lentini ne ha parati tre, ed è stato un ruolo importantissimo il suo”.

Ed ora che farà mister Fogli, il cui contratto col Torino scade il 30 giugno 2014?: “Il mio futuro? Devo parlarne con la società, per ora mi godo questa vittoria, avremo ancora un torneo ad Amsterdam, poi decideremo insieme che sarà per il futuro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy