Berruto: “Giampaolo si è snaturato. Nicola è l’uomo giusto per questa situazione”

Esclusiva TN / L’ex ct della nazionale italiana di pallavolo e tifoso del Toro fa il punto sulla situazione dopo l’avvicendamento in panchina

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Torinese e profondamente tifoso granata, Mauro Berruto è famoso soprattutto per quello che ha fatto da allenatore di pallavolo. Il suo palmarès è ricco di trofei, su tutti quello indimenticabile è il bronzo alle Olimpiadi del 2012 a Londra da ct della Nazionale italiana. Da tifoso del Toro e grande uomo di sport, abbiamo contattato coach Berruto per analizzare la situazione attuale in casa Torino con l’addio ufficiale di Giampaolo e l’attesa dell’arrivo di Davide Nicola, che oggi era già presente al Filadelfia per assistere all’allenamento della squadra.

Giampaolo ha finito la sua esperienza granata lasciando il Torino al terzultimo posto. Errore dell’allenatore o della società?

Io non penso di essere particolarmente duro o di stupire nessuno se dico che questa esperienza è stata fallimentare. Potevano esserci le migliori intenzioni, sia da parte della società sia da parte dell’allenatore, che ci tengo a sottolineare stimo tantissimo. Non sono scattati quei meccanismi per permettere a Giampaolo di realizzare l’idea che ha. Quando una società sceglie un allenatore sta sposando la sua filosofia. Non saprei definire chi sia più responsabile e la cosa mi interessa anche relativamente. Da un lato la società sembra non aver sposato appieno la filosofia dell’allenatore, non gli ha dato tutti i mezzi per sbagliare con le sue idee. Dall’altra parte non c’è stata la forza di applicare anche un minimo le sue idee. Trovo lodevole l’idea di provare a trovare dei compromessi ma un esperimento del genere, anche per esperienza personale, spesso fallisce. Quando si rinnega se stessi e ci si snatura la possibilità di fare male è altissima. Insomma, come detto non riesco a trovare uno più responsabile dell’altro. La sensazione è di incompletezza. Tutto ha portato a pochi punti in classifica e a una situazione bruttina. Noi del Toro di situazioni difficili ne abbiamo vissute tante, ma quella di oggi…“.

RIO DE JANEIRO, BRAZIL – JULY 15: Mauro Berruto, head coach of Italy in action during the match between Serbia and Italy at Maracanazinho Gymnasium during day one of the FIVB World League 2015 Group 1 Final, on July 15, 2015 in Rio de Janeiro, Brazil. (Photo by Alexandre Schneider/Getty Images for FIVB)

Facendo un parallelismo con la pallavolo. Se a lei avessero dato una squadra scarsa nella ricezione e con un alzatore adattato avrebbe difficoltà. Così come Giampaolo non ha avuto un regista e un trequartista.

Forse non c’è proprio l’alzatore. Si è provato ad adattare un centrale a fare l’alzatore. Allenare in queste condizioni è molto difficile. Ci sono situazioni in cui non si deve inventare per sperare di uscirne. È chiaro a tutti che a una squadra di pallavolo serva un alzatore. Al di là della filosofia di Giampaolo, ci siamo illusi dell’arrivo di Torreira per mesi e alla fine quella figura lì è terribilmente mancata. Nessun modulo può prescindere dal costruttore del gioco“.

Il materiale umano è fondamentale. Quanto può essere difficile entrare nella testa di sportivi che forse non riescono a seguire i tuoi pensieri? Il Toro ha giocatori bravi nell’interdizione e non nella costruzione.

Premetto che a nessuno piace perdere e per questo non penso che qualcuno abbia provato a sabotare il tutto. Io comunque credo che questa squadra sia ancora quella di un’altra filosofia. Il processo di costruzione di questa squadra risale ai tempi di Mazzarri. Questa è una squadra costruita per fare della fisicità il punto di forza. Poi anche Mazzarri si è perso, mentre Longo è stato bravo in una situazione già complicata di suo e resa ancora più difficile dal Covid a salvare la squadra. Il punto di switch è stato la partita con il Wolverhampton. Da quel momento è iniziato quello che gli alpinisti chiamerebbero la ‘morte bianca’. Al di là di questo, la squadra era stata costruita per Mazzarri. Adesso il tema è ancora più importante. Non c’è in ballo solo la salvezza. Qui si tratta di ricostruire un’identità che si è smarrita negli ultimi 15 mesi“.

TURIN, ITALY – JANUARY 16: Marco Giampaolo, Head Coach of Torino F.C. gives their team instructions during the Serie A match between Torino FC and Spezia Calcio at Stadio Olimpico di Torino on January 16, 2021 in Turin, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Siamo a gennaio inoltrato, non è arrivato nessun acquisto. Alcune lacune erano palesi da quando era finita l’altra finestra di mercato. Una situazione del genere può far sentire all’allenatore una fiducia calante da parte della società? Sempre tenendo conto delle difficoltà nel fare mercato per lo stato attuale delle cose.

Direi che sarebbe più facile se fosse almeno chiaro. Se la società dicesse apertamente che sul mercato non può intervenire per svariate motivazioni. A me è il ‘non detto’ che fa sempre paura. Io credo che questa sia stata la grande incomprensione. Giampaolo stesso è sempre stato molto soft su questo argomento e così anche Vagnati. La cosa più utile è sempre la chiarezza. Se fosse stato detto apertamente che Giampaolo avrebbe dovuto lavorare con questo materiale, almeno sarebbe stata più chiara la situazione. Invece così il primo a rimanere scontento è l’allenatore e quando lo è i suoi giocatori lo percepiscono subito, esattamente come un bambino capisce se la sua maestra ha preparato la lezione oppure no“.

Ora Nicola, lei cosa si aspetta e che problemi dovrà affrontare principalmente?

Diciamo che Nicola si è già trovato almeno altre due volte in situazioni del genere ed è sempre riuscito a ottenere l’obiettivo e a ricostruire il legame con la tifoseria. Poi sappiamo tutti che lui è un uomo che non si spaventa davanti a imprese del genere. In questo momento servono persone così. Serve un elettroshock emotivo. Io ho ancora negli occhi quella incornata al Delle Alpi. Abbiamo bisogno di queste cose qua. Quella carica lì“.

GENOA, ITALY – AUGUST 02: Davide Nicola coach of Genoa (2nd from left) celebrates clubs safety with his staff after the Serie A match between Genoa CFC and Hellas Verona at Stadio Luigi Ferraris on August 2, 2020 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Sabato contro lo Spezia dopo la superiorità numerica il Torino non ha avuto la scintilla. Non è forse che senza i tifosi questa squadra non sappia far scattare la scintilla?

Il mio ragionamento è questo. Al momento tutte le squadre devono giocare senza il pubblico. Non ci si deve chiedersi se fa bene o se fa male. Chiaro che i tifosi danno magari forza alle energie nervose, ma in questo momento serve uscire da questo pensiero. Ci si deve immergere nel qui e nell’ora. Al momento le regole sono queste e a scanso di miracoli si giocherà così fino alla fine del campionato. Tanto non c’è margine di poter cambiare questo aspetto qui. Serve interpretare questa situazione, che ripeto, è uguale per tutti. Alla fine ci sarà una classifica finale, questo è quello che conta. Io faccio un solo ragionamento: la prima in classifica vincerà il campionato e le ultime tre retrocederanno in Serie B“.

PARMA, ITALY – JANUARY 03: Andrea Belotti of Torino during the Serie A match between Parma Calcio and Torino FC at Stadio Ennio Tardini on January 03, 2021 in Parma, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

La salvezza matematicamente non è impossibile da raggiungere, ma la testa può giocare brutti scherzi.

Dico una banalità. Serve far capire che pensare ai punti deboli non è utile. In questa squadra ci sono degli enormi punti di forza e un terzo che sta facendo innamorare tutti e parlo di Singo. Io dico che ci sono due cose basiche per ottenere dei risultati: un portiere e un attaccante che fa gol. Vero che Sirigu ha avuto un momento di calo e che Belotti nelle ultime partite ha avuto problemi a livello psicofisico perché ha cantato messa da solo per mesi. Ma quante squadre hanno un portiere e un attaccante così? Io da allenatore posso dire che ora il Toro deve rilucidare i punti di forza. In momenti di difficoltà ci si dimentica di avere dei punti di forza del genere e la fortuna del Toro è che non ha solo Sirigu e Belotti. Ma intanto Sirigu e Belotti ce li abbiamo noi e io direi che è una grande fortuna averli“.

22 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata nel cuore - 1 mese fa

    Gentile redazione
    Potrei sapere come mai alcuni miei post non vengono pubblicati?
    Non ho mai offeso nessuno, ho sempre e solo detto Cairo vattene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Il Giaguaro - 1 mese fa

    Concordo con Berruto, un portiere e uno che fa gol sui due (su tre) elementi fondamentali fondamentali che fanno una squadra di calcio.
    Il resto è il centrocampo, che al TORO manca da tempo immemore (io l’ultimo centrocampo di qualità che riesco a ricordare è Scifo, Martin Vasquez, Fusi, Venturin… correva l’anno 1992).
    Altro capitolo su cui nessuno parla, ma che anche i ciechi vedono, è la condizione atletica oscena del gruppo da Mazzarri in avanti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abedinpele - 1 mese fa

      Concordo. Io non conto nulla ma è da ottobre che continuo a scrivere che la condizione atletica della squadra è scarsa, non si perdevano le partite negli ultimi 30 minuti per caso, per sfiga o per la melma in testa, si perdevano perchè non si correva più. Se Nicola sarà bravo su questo e vorrà lavorarci , dovremmo pazientare almeno 20 giorni per vedere qualche risultato sul piano atletico, perciò continuo a ripetere speriamo non sia troppo tardi… FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abedinpele - 1 mese fa

    Posso concordare che chi ha comprato la barca non abbia fatto un acquisto completamente adatto al mare da affrontare, ma al timone della stessa c’era Giampaolo. Molti addetti ai lavori lo incensano come grande mister, ok, ma molti addetti ai lavori dicono che non abbiamo una rosa da terz’ultimo posto!! allora chi ha ragione?
    Non bisogna confondere l’educazione, la pacatezza o la dialettica di una persona con la capacità nello svolgere il proprio lavoro. Il calcio è tremendo, se sbagli paghi e il conto arriva in fretta. Qui non si parla solo di risultati che vedono tutti anche chi non guarda le partite ma si deve considerare che ora la squadra è alla completa deriva almeno da 2/3 mesi. Spero che il cambio oramai inevitabile non sia arrivato troppo tardi e che Nicola dimostri ancora una volta le sue capacità. C’è una squadra da recuperare prima di tutto fisicamente, se stai bene nella corsa vedi che le cose riescono e anche la testa ne trova giovamento in caso contrario tutto sarà sempre pesante, vorrei non sentire più allenatori che si lamentano perchè giocano ogni 3/4 giorni! FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

      Quello che non riesco a capire è perchè dici che “la squadra è alla completa deriva almeno da 2/3 mesi”! Non è vero! La squadra è alla deriva da un anno, dalla metà dello scorso campionato almeno. Ci sono problemi tecnici e ambientali che probabilmente si trascinano da Wolverhampton.
      Se il problema fosse Giampaolo allora siamo salvi perchè a Nicola basterà fare 2 punti in più di Cagliari, Crotone e Genoa. Sembra facile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. pupi - 1 mese fa

    Ho letto che il rinnovo automatico di Nicola arriverebbe con la salvezza ma soltanto ottenendo una media di 1,5 punti a partita. Cairo, bel personaggetto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Malco160576 - 1 mese fa

      Fosse così Nicola deve fare 30 punti !!! Cairo è ancora convinto che l’organico a disposizione può fare i 27 punti fatti da Mazzarri. Vediamo prima se e chi saranno i nuovi acquisti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Rimbaud - 1 mese fa

    Ottima analisi (non per nulla è un grande coach) che condivido in toto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ToniToro76 - 1 mese fa

    Io avrei visto bene un Berruto professionista capace a gestire una società allo sbando come ail Toro altro che Vagnati Comi Barile Moretti, gente solo legata alla sedia!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. luizmuller - 1 mese fa

      No, per favore, Moretti legato alla sedia no! non esiste proprio, anzi meno male che c’è, persona seria e affidabile come poche. Ma Berruto al Toro sì, sicuramente, se volesse… e se chi comanda lo volesse, soprattutto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. suoladicane - 1 mese fa

        sento/legGo sempre tutti i tifosi dire cose belle di Moretti dirigente, ma sulla base di cosa esprimete questi giudizi? credo sulla base del fatto che come giocatore abbia fatto bene, ma come dirigente (fa il TEAM MANAGER cioè il collante organizzativo tra squadra/spogliatoio e società) sembra assolutamente allineato al nulla societario; siccome ho avuto grande stima di lui come uomo di campo per me come dirigente è NON PERVENUTO che mi sembra un giudizio più neutro.
        CAIRO VATTENE

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. puliciclone11 - 1 mese fa

    Berruto una gran persona e uomo di sport molto intelligente e lucido nelle sue analisi servirebbe come il pane: abituato a lavorare sula testa di chi come nella pallavolo deve resettare tutto nel bene o nel male dopo ogni azione chissà cosa potrebbe fare nel calcio dove si tirano le somme solo dopo una partita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Gallochecanta - 1 mese fa

    Se non si comprano 4 giocatori veri, non scarti e/o ricicli è tutto un bla bla inutile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. luizmuller - 1 mese fa

    Ho appena letto lo sconcertante articoletto che vorrebbe tirare le somme dell’esperienza di Giampaolo al Toro, venti righe in cui l’autore riesce a contraddirsi alla grande (complimenti), e mi sono cadute le braccia. Poi questa intervista, un po’ nascosta in prima pagina: lucidità dall’inizio alla fine, idee solide e acute espresse con chiarezza e senza troppi giri di parole. Se tutti gli articoli fossero così, e venissero letti attentamente (ma la lunghezza minsa che terrà lontano molti), questo sito sarebbe un modello assoluto, fra quelli dedicati al tifo. Grazie Berruto e grazie Ugliono, perché le risposte intelligenti vengono anche e soprattutto se si fanno domande intelligenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. luizmuller - 1 mese fa

      ‘minsa’ non so cosa voglia dire… volevo scrivere ‘mi sa…’, chiedo scusa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. avvopal_14171626 - 1 mese fa

      Non è vero. Risposte intelligenti arrivano comunque da persone intelligenti anche se vengono fatte domande stupide. Concordo su tutto il resto. In ogni caso Berruto, pur senza dirlo chiaramente, dà colpa alla società e “assolve” Giampaolo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. luizmuller - 1 mese fa

        è vero, concordo, peraltro ho scritto “anche e soprattutto”, non “soltanto”; comunque il signor Ugliono è bravo, e se si leggono le sue domade, sono brevi ma chiare e ben poste, quasi degli assist per Berruto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Donato - 1 mese fa

        A me non sembra che assolva del tutto GP. Ritengo che nell’ultima parte sia molto coinvolto

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. carmelodelcarmin_14273905 - 1 mese fa

        Cosa importa ormai se GP aveva colpe e quante? Ormai e’ andato.
        Senza un regista questa squadra non andra’ da nessuna parte, anche se l’allenasse Guardiola o Klopp.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

          Se per disgrazia (loro) Guardiola o Klopp capitassero da queste parti chiederebbero a Rincon di fare gioco… perchè non avrebbero scelta.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Donato - 1 mese fa

          Magari potessimo averne la prova 🙂

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

    Di tutte le analisi che ho finora sentito questa di Berruto mi è parsa la più lucida, in particolar modo deve far riflettere il passaggio in cui afferma che “nessun modulo può prescindere dal costruttore del gioco“. Ecco il punto, quello che manca da troppo tempo, ecco perché il calcio di Mazzarri ha fallito, perché longo non è riuscito ad invertire la rotta e, infine, perché la promessa di un calcio propositivo di Giampaolo è naufragata.
    Non so quante volte è stato scritto qui ma vale la pena scriverlo ancora e ancora: manca un regista! Manca l’uomo d’ordine e manca quello che dia fantasia. Mancava a Giampaolo e mancherà anche Nicola. Il cambio di allenatore forse era necessario per l’ambiente ma per il campo serve molto di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy