Il dottor Campini: “La ripresa un grande rischio. Protocollo? È solo per ricchi”

Intervista TN / L’ex medico sociale del Torino analizza il protocollo di sicurezza sanitaria

di Andrea Calderoni

Il dottor Roberto Campini è stato medico sociale del Torino per qualcosa come 27 anni (dal 1978 al 2005) e lo ha fatto con il Toro nelle vene, essendo grande tifoso granata. Con lui abbiamo commentato la bozza del protocollo di sicurezza sanitaria redatto dalla commissione medico-scientifica della Figc, che è al vaglio del governo; documento che farebbe ripartire il nostro calcio professionistico, o quanto meno quello di Serie A, che è fermo da inizio marzo a causa dell’emergenza sanitaria che ha colpito il nostro paese e più in generale l’intero pianeta.

Dottore, circola ormai una bozza più che avanzata del protocollo di sicurezza sanitaria redatto dalla Figc e già inoltrato ai ministri dello Sport e della Salute. Che idea si è fatto?

“Parto da una premessa. Io commento il protocollo, ma non sono mai stato interpellato per redigerlo, giustamente visto che non faccio più parte del mondo del calcio. Mi soffermo, inoltre, su un documento che non è ancora ufficiale e potrebbe essere modificato, sicuramente in meglio considerato che verrà discusso da diversi organi competenti. Detto questo non posso che esprimere le mie idee sul protocollo. L’idea è logica, ma può essere seguita solo dai ricchi”.

Ci offre due spunti di riflessione. Partiamo dall’ultima affermazione. Che cosa intende quando dice che è solo per ricchi?

“È una delibera dispendiosa, estremamente dispendiosa. È difficile da mettere in atto. Potrà andare bene per la Serie A, forse. Per le altre due leghe professionistiche la vedo molto complicata, se non impossibile. Penso che sulle 100 società professionistiche in Italia circa il 20% potrebbero adottarlo e questo 20% è quello che corrisponde alla Serie A. Servono strutture adeguate: alberghi di ottima qualità in un posto che ti permetta di vivere due mesi in isolamento. Si capisce bene come sia una questione per ricchi”.  

Torino, Tavana: “Lascio la Commissione per motivi personali e professionali”

Il senso del protocollo, invece, la convince.

“Sì, a rigor di logica funziona. Dal punto di vista sanitario ha senso. Certo è che il calcio se riprendesse camminerebbe su un filo molto sottile, dal quale è un attimo cadere”.

Dal filo si cadrebbe qualora fosse individuato anche solo un contagio tra i giocatori o tra i componenti dello staff di una qualsiasi società del campionato.

“Proprio a quello pensavo. Se si trova un positivo, si tornerebbe alle quarantene e il torneo dovrebbe essere nuovamente sospeso. Pensiamo, ad esempio, a cosa è accaduto prima della pausa forzata alla Juventus e all’Inter”.

È d’accordo, quindi, con il riprendere il calcio professionistico?

“È un grande rischio. Non siamo assolutamente sicuri del punto in cui siamo arrivati con questa epidemia. Possiamo essere alla fine, ma anche no. Dunque, indipendentemente dal protocollo di sicurezza sanitaria, riprendere ad inizio maggio è un rischio. Non sappiamo dove ci condurrà la fase-2, perché è prematuro dirlo. E poi c’è un’altra riflessione da fare”.

Quale?

“Statisticamente leggevo ieri che in Piemonte si dovrebbero raggiungere i casi zero il 21 maggio, mentre in Lombardia il 28 giugno. Dal punto di vista calcistico come ti comporti e come gestisci questa previsione? Le squadre lombarde non giocherebbero fino a fine giugno? Mi pare impossibile. La ripartenza non sarà semplice, anzi sarà rischiosa e dispendiosa per tutti. E sarà ricca di insidie, tutte dietro l’angolo”.

 

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13734369 - 6 mesi fa

    CG
    bravo sarebbe meglio se la smettessero di
    pensare sempre al dio denaro e un po’
    di più alla razza umana che in questo
    momento sta soffrendo e loro pensano
    esclusivamente ad incassare soldi
    non annoanfora capito che di questo passo
    lo uccidono
    sempre FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14125506 - 6 mesi fa

    IANN65
    CE’ UN ALTRO FATTO, LE SOCIETÀ SONO DISPOSTE A RISCHIARE LA SALUTE NON CHE CARTELLINO, VALORE DI UN CALCIATORE CHE NON SI RIPRENDE DAL EVENTUALE CONTEGGIO MALATIA. GIOCARE A PORTE CHIUSE E ASSURDO. FVCG PER SEMPRE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granata - 6 mesi fa

    C’è un altro aspetto che nessuno o quasi considera, al momento. Questo virus provoca un infiammazione multisistemica che colpisce più organi fra cui i polmoni ma non solo. Il cuore ed altri organi interni non sono esclusi. La scienza mondiale , ad oggi, non sa quali conseguenze può lasciare sul corpo e quale sarà il livello di abilità di atleti sottoposti a forte stress. Mi chiedo, a chi sarà in capo la responsabilità giuridica in caso di infortuni ed o inabilità anche solo parziale ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 6 mesi fa

      Perché non mettono lei a “ragionare” con questi “fuori di testa”?
      Mi sembra così sensato ciò che dice: poszibile che i “grandi soloni” del nostro calcio non ci arrivino??
      E non basta!
      Oltre al personale dipendente, e superprotetto a quanto pare,delle società di serie A, x “mandare in TV” queste partite necessitano cameramen, microfonisti, personale di regia e tecnici vari.
      Sono tutti, o quasi tutti, “free-lance”, assunti quotidianamente, e immantinente rilicenziati la sera stessa, da vari “Services-TV”.
      Chi garantirà x questi ragazzi, chi li proteggerà dal virus letale?
      Sappiate che verranno materialmente in contatto con calciatori, tecnici e giornalisti, x esempio x microfonarli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 6 mesi fa

      @Madama, grazie per la considerazione. Io ci ho provato per quanto mi è stato possibile ma non credo di aver sortito effetto alcuno. Anzi, uno forse si. Mi sono battuto per evitare privilegi in merito a diagnosi da effettuare in via preferenziale ovvero tamponi a iosa rispetto a tutta la popolazione e questa posizione è stata accettata da tutti gli addetti ai lavori. Vedremo gli sviluppi ma, ripeto, al momento sono gli interessi monetari a comandare e non la salvaguardia della salute.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 6 mesi fa

        Bravo Fratello Granata.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy