Gessi Adamoli (La Repubblica): “Contestazione verso Cairo? A Genova fa sorridere…”

Gessi Adamoli (La Repubblica): “Contestazione verso Cairo? A Genova fa sorridere…”

L’avversario / Le parole del giornalista ai nostri microfoni: “Mazzarri, con i suoi difetti, è pragmatico. Strano che non riesca a rendere”

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Torino e Genoa stanno per affrontarsi in una sfida alquanto delicata: due squadre in cerca prioritaria di tre punti per risollevare quella che ad oggi è una stagione deludente. Per conoscere meglio il lato rossoblu, abbiamo contattato Gessi Adamoli, giornalista de La Repubblica, che ha dato la sua visione ad ampio raggio anche sulla situazione granata. Ecco le sue parole:

Buonasera signor Adamoli. Partita delicata, come arriva il Genoa alla sfida con il Torino?

Il Genoa arriva al match contro il Torino con la Sampdoria che, per la prima volta quest’anno, è passata davanti in classifica. È già un motivo in più per fare punti, oltre ad una classifica deficitaria, e un gioco che stenta a decollare perché Motta continua a cambiare sistema di gioco e giocatori. Prima che il tecnico dia un’identità, c’è bisogno di risultati. Sarà l’ennesima annata di sofferenza, nonostante ciò che disse Preziosi quest’estate. Sperando poi che sia l’ultima annata di sofferenza, ma a furia di tirare la corda si rischia anche di spezzarla.

Che cosa teme del Toro? Il giocatore più pericoloso?

Il Torino ha tanti ex Genoani e aumenta il rammarico di ciò che sarebbe potuto essere il Genoa. Il bilancio continua ad essere in rosso nonostante le cessioni importanti di Preziosi. Quest’anno secondo me manca un grande ex Genoano al Toro, Iago Falque, ma sono un grande estimatore di Ansaldi che può essere un giocatore internazionale e lo è. Il Torino, come diceva Fulvio Bernardini, ha una squadra che ha un gran portiere e uno che fa gol, quindi è già a buon punto. Da lontano facciamo fatica a capire che cosa non funzioni, viste le individualità.

Thiago Motta: allenatore nuovo con tanto da dimostrare. Che aria si respira intorno a lui?

Lui credo che nelle mille scellerate scelte di Preziosi credo sia stata una scelta logica. Non vorrei essere nei panni di Cairo se volesse cambiare allenatore, perché quelli di livello sono sempre di meno e quasi tutti accasati. Il Genoa aveva la possibilità di chiamare Ballardini, ma il presidente avrebbe dovuto cosparsi il capo di cenere. Ballardini ha fatto bene come Gasperini ma Preziosi li ha mandati via entrambi. A Gasperini ha dato un milione di buonuscita addirittura. Si è affidato ora ad un genoano, che ha personalità, carisma e idee. Poi ha anche una grandissima inesperienza, Motta se la può fare solo sul campo, non si compra al supermercato. È un ragazzo sveglio, mastica calcio: ci auguriamo che il suo percorso sia più breve di quello di Juric, che adesso sta facendo bene a Verona. Anche Liverani che qua era stato mandato allo sbaraglio, ora sta facendo bene. Motta parte un po’ più avvantaggiato.

Infortunio Kouamé: uno dei giocatori più rappresentativi si è fermato per una lesione grave. Il Genoa ha perso il suo uomo migliore?

Il Genoa avrebbe comunque perso il suo giocatore migliore, perché è già stato venduto al Crystal Palace. Poi Preziosi ha detto che lo avrebbe acquistato la squadra inglese, ma lo avrebbe tenuto il Genoa. Tra l’altro ad effettuare l’operazione di mercato è stato un ex granata, Giuliano Terraneo.

Contestazione: in entrambe le tifoserie c’è. La situazione a Genova è migliorata? Cosa si dice di Preziosi?

Ci fa sorridere la contestazione verso Cairo. È giusto che i tifosi vogliano il meglio, ma se guardi cosa succede in tutta Genova, forse Cairo è da tenerselo stretto. Non ha lasciato andare via Belotti, Sirigu e quei giocatori importanti. Preziosi ha sempre detto che i giocatori che ha ceduto volevano andare via, ma Cairo è sempre riuscito a trattenere i migliori negli ultimi anni.

Un pronostico?

La speranza è che il Genoa non perda. Se il Toro sa come sa giocare, cosa che quest’anno l’ha fatto solo a sprazzi, sarà molto difficile. Io lo seguo perché venivo spesso a vedere il Toro. Ha sprazzi di gioco entusiasmante, ma a fiammate, non ha continuità. Strano perché Mazzarri con i suoi difetti, è pragmatico: non ti tira fuori la luna ma fa sempre ciò che può e lo fa bene. Quest’anno però fa fatica, speriamo che continui a fare un po’ di fatica, che cominci a fare bene dopo Genova.

19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. pavo real - 10 mesi fa

    A Palermo fa invece sorridere la contestazione dei genoani…..ma che discorso becero è? Al peggio non c’è (quasi) mai limite !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alex71 - 10 mesi fa

    Ma confrontarsi qualche volta con chi fa meglio no? Sempre paragoni con chi sta peggio? Non e’ la strada per migliorarsi assolutamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Francesco67 - 10 mesi fa

    Vi ricordo che le contestazione si fanno in piazza e non dietro una tastiera

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. michelebrillada@gmail.com - 10 mesi fa

    ridicolo pensa agli affari tuoi noi non abbiamo: un dg,un dg, non una societa,un allenatore obsoleto che non puo andare bene in serie A, non uno screma di gioco ,non velocita di escuzione,non grinta toro,nulla e nulla e nulla per cortesia via mazzarri subito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mavri - 10 mesi fa

      e neanche piú dei tifosi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. dattero - 10 mesi fa

    Il suo giornale fa parte del gruppo La Stampa giornalista microfono aziendale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SiculoGranataSempre - 10 mesi fa

      La Stampa non è RCS. È dell’altra sponda. Solo una precisazione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. mavri - 10 mesi fa

      Niente peggio che l´ignoranza. Pur di sparare merda si dicono cose false ed assurde. I like fanno capire che il 50% dei lettori sono ugualmente ignoranti (nel senso stretto del termine)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mario66 - 10 mesi fa

    Ricapitoliamo: Fiorentina in vendita a prezzi di saldo e trova un compratore. Inter in vendita a prezzi equi e trova un compratore. Roma in vendita (parlo di Sensi/Pallotta) a prezzi equi e trova un compratore. Genova e sampdoria in vendita ma la proprietà ci vuole lucrare e non trova nessuno. Milan un caso a parte. Mi domando ma non è che chi non trova un compratore è perchè ci vuole guadagnare?
    Una squadra di calcio non è una proprietà privata come può essere un immobile o un’auto è in un certo qual modo un bene pubblico. Quando passi la mano hai degli obblighi morali verso migliaia di persone. Non si specula su una società sportiva.
    Infine ritengo questa testata giornalistica professionale e di ottima qualità ma se continua con questi articoli pro Cairo qualche dubbio comincia a nascere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. drino-san - 10 mesi fa

      Scrivere che non si specula su una società sportiva é come scrivere che babbo natale esiste. Il calcio é business e le squadre di calcio servono nella migliore delle ipotesi a spostare soldi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ardi - 10 mesi fa

    Che articoli faziosi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Immer - 10 mesi fa

    Tutto combinato tra servi .fatemi il piacere ternercelo stretto si il di dietro non il prode è e rimarra il peggiore di tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Pacman - 10 mesi fa

    SOLO FORZA TORO!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. TOROPERDUTO - 10 mesi fa

    Che cazzo di ragionamento fa sto giornalista, la mediocrità e l appiattimento porta a guardare chi sta messo peggio.
    Che poi sono sicuro che non sa neanche perché e per cosa venga contestato Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Daniele abbiamo perso l'anima - 10 mesi fa

    Un’intervista che sembra uscita dal Truman Show.
    Quando si voleva far cedere al ingenuo Truman che vivesse nel migliore dei mondi possibili…
    Propagandistico.

    Sul gioco entusiasmante a sprazzi poi sono scoppiato a ridere.

    Detto ciò, grande rispetto per i tifosi genoani. Sfigati più di noi ma sempre fantastici tifosi allo stadio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Karmagranata - 10 mesi fa

    A Genova non si vede nessuno. Al Toro, invece, ci siamo inventati ricchi fortunati eredi alla Ciuccariello e anonimi miliardari industriali bolscevichi. Forse Preziosi è più credibile…. SSFT.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Mario66 - 10 mesi fa

    Non guardo in casa d’altri né credo che il TORO non sia appetibile per qualcuno. Basta con questi articoli sovietici

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granata68 - 10 mesi fa

      Infatti dietro Cairo abbiamo c’è la coda
      per acquistare il Toro …non avete ancora capito che fino a quando esisterà un agnelli al mondo nessuno verrà ad acquistarci !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. granata68 - 10 mesi fa

      Infatti dietro Cairo c’è la coda
      per acquistare il Toro …non avete ancora capito che fino a quando esisterà un agnelli al mondo nessuno verrà ad acquistarci !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy