Luca Fusi: “Salvezza? Il Torino ha tutti i mezzi per farcela”

Luca Fusi: “Salvezza? Il Torino ha tutti i mezzi per farcela”

Esclusiva TN / Le parole dell’ex mediano granata in vista della ripresa del campionato

di Andrea Calderoni

“Dico a tutti i tifosi che il 7 giugno non è il mio compleanno”. Luca Fusi, classe 1963, affidabile mediano della prima metà degli anni Novanta, è costretto a questa doverosa precisazione. La ragione? Sulla sua pagina personale del famoso database calcistico Transfermarkt che su quella di Wikipedia il suo compleanno viene indicato il 7 giugno. “Ogni anno ricevuto gli auguri qualche mese più in là rispetto alla vera data – dice –. Io, in realtà, sono nato il 7 marzo, ma non disdegno mai un augurio in più”. La pacatezza di Fusi, come sempre è proverbiale, anche quando deve analizzare il momento che sta vivendo il nostro calcio, che tra una settimana tornerà in azione dapprima con la Coppa Italia e poi il 20 giugno con la Serie A (in programma Torino-Parma). “La Germania ha fatto da apripista e un po’ tutti sono andati dietro ai tedeschi – afferma –. Le cose stanno andando bene e tutte le nazioni, tra cui l’Italia proveranno a chiudere questa travagliata stagione. Si dovrà affrontare un mini-campionato che quanto meno potrà dare dei responsi sportivi sul campo”.

Infortunio Baselli, da Valdifiori a Rincon: sui social tanti messaggi d’affetto

FRONTE TORO – Il Torino inaugurerà l’ultima parte dell’annata in casa contro il Parma e Fusi è piuttosto ottimista per quanto riguarda il futuro prossimo dei granata. “Speriamo faccia un buon finale e speriamo soprattutto che possano essere queste ultime partite una buona preparazione in vista della prossima stagione, nella quale si dovrà riscattare l’andamento non ottimale osservato da agosto ad inizio marzo. Sarà un periodo di valutazione, anche grazie alla nuova figura tecnica di Davide Vagnati”. Il Torino, però, ripartirà con un margine sul terzultimo posto non troppo ampio, ma alla retrocessione Fusi non vuole nemmeno pensarci. “Non credo proprio che il Torino dovrà lottare fino all’ultimo per la permanenza in Serie A – sottolinea –. Ha tutti i mezzi per rimanere lontano dai problemi di salvezza”.

Torino, Baselli è nelle mani del dottor Zaffagnini. Operò anche Fares

FATTORE PORTE CHIUSE – Il grande tema dibattuto della ripartenza sono le porte chiuse: il fattore campo verrà perso? E come potrebbero rimescolarsi le carte? “Il fattore campo rimarrà – evidenzia Fusi –. Chi gioca in casa non dovrà affrontare la trasferta e avrà la tranquillità di poter stare nel proprio spogliatoio. È chiaro che non ci sarà l’appoggio, almeno inizialmente, dei tifosi, ma un minimo di vantaggio dal fattore campo rimarrà”.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fede Granata - 4 mesi fa

    Indimenticabile Luca Fusi!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paul67 - 4 mesi fa

    Senza Luca Fusi in mezzo al campo, Vasquez, Casagrande, Scifo, Lentini nn potevano giocare contemporaneamente.
    Era fortissimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 4 mesi fa

    Maradona lo chiamava “calamita” perché si faceva sempre trovare dove sarebbe arrivato il pallone. Gran giocatore, spesso dimenticato fu un perno della bellissima squadra di Mondonico che arrivó terza e a un soffio dalla coppa uefa.
    Persona anche saggia spero abbia visto lungo sulla nostra salvezza quest’anno …

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy