Spal, Segre si presenta: “Sono in una società gloriosa, puntiamo alla Serie A”

Presentazione / Il centrocampista di proprietà del Toro si presenta alla Spal, suo nuovo club dallo scorso gennaio

di Redazione Toro News

Jacopo Segre, centrocampista classe 1997, è passato dal Toro alla Spal in prestito con obbligo condizionato dalla promozione della società di Ferrara nelle ultime ore di mercato e nella giornata di oggi si è presentato ufficialmente al suo nuovo club con la consueta conferenza stampa. Queste le parole pronunciate da Segre durante la conferenza.

Scendere di categoria è stato un problema? “Non è mai facile ma dopo che arriva una società storica gloriosa e con la voglia di risalire in Serie A come la Spal, non ci ho pensato molto e l’ho subito detto al mio procuratore che ho risposto subito in maniera positiva e infatti ora sono qui“.

Il direttore ha detto che assomigli a Tardelli. “Lo ringrazio ma il direttore ha esagerato, prima di arrivare a Tardelli ce n’è ancora di strada, anche se le caratteristiche possono essere quelle. Con l’entusiasmo, il sorriso e soprattutto la voglia di allenarmi posso ancora togliermi molte soddisfazioni perchè il calcio è una cosa unica e facciamo uno sport bellissimo. Ogni volta che entro in questo centro sportivo lo faccio con il sorriso per allenarmi e migliorarmi sempre“.

Cosa ne pensi della concorrenza? “Sono abituato alla concorrenza, anche al Torino era così. Io sono del pensiero che nelle grandi squadre la concorrenza c’è sempre e fa bene sia alla testa che alla squadra. Le decisioni le fa il mister ma la dedizione e lo spirito di sacrificio in questi anni mi hanno fatto imparare che si può raggiungere tutto quindi mi devo allenare e non pensare a nulla, ho dei compagni fortissimi però non è nulla di problematico, anzi è un piacere“.

Ha pesato l’episodio della maglia di Dybala post-derby nella tua decisione di lasciare il Torino? “Tante persone me lo stanno chiedendo in questi giorni, ma preferisco saltare questi discorsi e guardare avanti giorno dopo giorno. C’è stato un piccolo equivoco, non era di mia volontà fare quel gesto e ho già chiesto scusa a chi di dovere per quel gesto”.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. mp63 - 1 settimana fa

    Dichiarazioni di circostanza. Il ragazzo è un stato un pò ingenuo con la foto con la maglia di Dybala. Io non ho condiviso la fretta nel mandarlo via. Se penso a Linetty , Segre poteva dare anche di più. E’ un ottimo ragazzo. L’unica cosa che gli auguro è di fare una buona carriera. Se lo merita. Non credo ritorni ma gli auguro di non tornare fino a che ci sono Cairo, Vagnati, Bava e compagnia. La vera rovina del toro sono loro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gm - 1 settimana fa

    Tardelli? Al massimo tavola o koetting per parlare dei tuoi idoli!!!!!! Gdm

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GlennGould - 1 settimana fa

    Bravo. Ora facci un favore.
    Restaci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Roland78 - 1 settimana fa

    Dopo la foto con la maglia di Dybala, il paragone con Tardelli. Due indizi fanno una prova 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. oscarfc - 1 settimana fa

      2 indizi fanno una coincidenza, 3 indizi fanno una prova.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mimmo75 #prexit - 1 settimana fa

    La Spal gloriosa? Che mi son perso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy