Addio Piero Gay: la lettera del Torino FC in suo ricordo

Lutto / Ieri è scomparso all’età di 84 anni lo storico tifoso granata che fondò i Fedelissimi granata nei primi anni 50

di Redazione Toro News

Ieri un lutto ha colpito il mondo Toro: è mancato all’età di 84 anni Piero Gay, storico tifoso granata risultato nei giorni scorsi positivo al Covid-19. Nei primi anni Cinquanta fondò i Fedelissimi granata, gruppo che da molti è ritenuto il primo esempio di tifo organizzato legato al calcio in Italia. Cairo e tutto il Torino questa mattina, sul proprio sito ufficiale, partecipa sentitamente al dolore della famiglia Gay per la scomparsa di Piero dedicandogli una lettera in suo ricordo:

Piero Gay era amico di tutti. Elegante nei modi e nei toni, brillante nell’eloquio, lucido nelle analisi, profondo nei giudizi, ha fatto conoscere il Torino, quello Grande e anche quello meno grande, a generazioni di giornalisti e di tifosi. I suoi racconti non erano storie, erano esperienze di vita vissuta, perché grazie a sua mamma cominciò a frequentare e amare il Toro sin da bambino, allo stadio Filadelfia. Non era nemmeno maggiorenne quando fondò i Fedelissimi Granata, assieme a Ginetto Trabaldo, un altro gigante: in pratica gli esordi del tifo organizzato in Italia. Antesignano e precursore anche in televisione, conducendo le prime trasmissioni monotematiche sul Toro agli albori delle emittenti private torinesi. La passione sportiva lo ha reso anche uno straordinario collezionista, a casa sua c’è una stanza che è un santuario laico della fede granata: quante sceneggiature, quanti libri sono nati dopo aver consultato quel patrimonio di storia e di memoria!

Tutto il Torino Football Club si stringe commosso intorno alla signora Gay e ai due figli. Ciao Piero, grazie di tutto. E’ stato un privilegio conoscerti, mancherai a tanti“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy