Castellazzi e Pulici: un ritratto della storia del Toro

Castellazzi e Pulici: un ritratto della storia del Toro

Riceviamo e pubblichiamo / Ci scrive Gian Piero Morano, autore di questo splendido scatto

di Redazione Toro News

Dopo il ritorno di Quagliarella, ecco un piccolo, secondo tassello getta un virtuale ponte tra il presente FC e il glorioso passato AC, ovvero la “Storia”. E questo tassello risponde al nome di Luca Castellazzi.

Era circa la metà degli anni ’70 quando, in qualità di inviato del giornale casalese, mi trovavo al Robbiano di Vercelli per un’amichevole Pro Vercelli-Torino.

Durante il pre-partita, vedo Pupi accosciarsi per scattare una foto con un piccolino vestito da portiere, che deduco avere legami con il portiere vercellese Castellazzi. Mi unisco allo stuolo di fotografi e scatto pure io.

Più tardi, anni più tardi (primavera del 2013), ad Occimiano si inaugura “piazzale Grande Torino”. Ci sono Pulici, Bui, Claudio Sala e Fossati. Ne approfitto per farmi autografare alcune delle centinaia di foto che ho scattato in quegli anni girando per… amichevoli (straordinaria la commozione di Gianni Bui nel rivedersi al fianco dell’allora compagno di stanza Giorgio Ferrini). Quando porgo a Pulici la foto qui allegata, sorprendendomi mi racconta che quella fu un’occasiome molto particolare. Il portiere della Pro Vercelli era (è) infatti suo cugino di primo grado e il piccolino lì ripreso è… il piccolo Castellazzi.

Gian Piero Morano

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy