“Cos’era mai questo Toro”: al parco della Tesoriera in scena la storia del Torino

“Cos’era mai questo Toro”: al parco della Tesoriera in scena la storia del Torino

Mondo Granata / Lo spettacolo teatrale diretto da Giulio Graglia e interpretato da Vincenzo Santagata è stato rappresentato lunedì sera in onore del Grande Torino

di Redazione Toro News

Lunedì sera al parco della Tesoriera è andato in scena “Cos’era mai questo Toro”, spettacolo teatrale tratto dall’omonimo libro scritto da Sabrina Gonzatto. La messa in scena, diretta da Giulio Graglia e interpretata da Vincenzo Santagata, percorre la storia del Torino, partendo dal Grande Torino, passando per altri momenti storici come il periodo di Meroni e lo scudetto di Pulici e Graziani, per arrivare all’era Cairo. La storia è in grado di commuovere tutti, anche a chi non è sfegatato, come racconta l’autrice del libro: “L’eredità lasciata dal Grande Torino rappresenta un unicum nell’universo calcistico che dovrebbe essere tutelato dall’Unesco come patrimonio mondiale“.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il_Principe_della_Zolla - 3 mesi fa

    Spero proprio che ci sia un errore nella costruzione della frase, perché mettere in consecutio “i momenti storici” e “l’era Cairo” ha il sapore della presa in giro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

    Il ns. Toro, per la sua unica e leggendaria Storia è la Società che più di tutte(forse solo il River Plate grazie al suo grande cantore Soriano è in qualche modo equiparabile) ha ispirato una notevole produzione letteraria e teatrale e quindi iniziative come quella in argomento sono sempre preziose sotto il profilo divulgativo.Mi permetto tuttavia evidenziare che per lo più s’inizia con il Grande Torino,Superga ed il suo dopo(aspetto va da sé fondamentale) “dimenticando” che la Società nella sua ultra centenaria vita ha vissuto periodi altrettanto fulgidi.Penso alla squadra che nel 1914 Vittorio Pozzo portò in Sud America in tourneè(prima squadra Europea a varcare l’Oceano) ed i frutti ancor oggi esistenti in Argentina,Uruguay e nel Brasile “gaucho”,penso al Presidente Conte Marone Cinzano che fece costruire il Fila ad immagine e somiglianza degli impianti “british” e penso inoltre alla meravigliosa squadra dello scudetto 1927\28 con il trio Baloncieri\Libonatti\Rossetti,squadra che chi ha avuto l’opportunità di vederla all’opera, definiva,tecnicamente, anche superiore agli Invincibili.Potrei continuare ma la commozione mi assale.Ora mi chiedo ma le ultime generazioni conoscono la ns.Storia? Ecco perché un Fila finalmente completo con annesso Museo sarebbe indispensabile!E’ questa la critica che maggiormente rivolgo a Cairo e la sua indifferenza,a mio parere, non ha alibi di sorta.Sempre FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy