Davì, le lacrime granata e la lettera di Martino: “Per mio figlio una lezione di vita”

Davì, le lacrime granata e la lettera di Martino: “Per mio figlio una lezione di vita”

La storia / Il padre del bambino in lacrime per la sconfitta del Torino: “Sarebbe bello se diventassero amici”

di Redazione Toro News

Il Toro di Walter Mazzarri domenica è stato sconfitto e quindi eliminato dalla Coppa Italia dalla Fiorentina di Stefano Pioli grazie alla doppietta di Federico Chiesa. Nel finale di partita le telecamere si sono spostate sulla Curva Maratona, inquadrando Davì, un giovane tifoso granata in lacrime, dispiaciuto per la sconfitta del suo Toro. In televisione stava guardando il match da casa sua a Firenze, Martino, un giovane tifoso di sei anni della viola, che, colpito da quelle immagini, ha consegnato alla madre una lettera da far recapitare a Davì.

“Mi dispiace che la tua squadra abbia perso e mi è dispiaciuto vederti piangere. Anche se sono di Firenze, sono stato a Torino ed è una gran bella città. Ti vorrei dire che si vince e si perde e vorrei regalarti una carta di Belotti. Ciao, Martino.“

lettera

 

In esclusiva a Toro News le parole del padre di Davì, Sergio, che esprime il suo pensiero riguardo a questo episodio: “Questo bambino fiorentino di sei anni che ha risposto in questa maniera, si è dimostrato molto più maturo rispetto all’età che ha. Ammetto che mi tocca in maniera particolare: la vedo come una cosa positiva, a qualunque persona fosse successa. Grazie a questo posso spiegare alcune logiche a mio figlio. Penso che non siamo tutti uguali, ma in base alle cose che facciamo e alle cose che proviamo abbiamo delle reazioni diverse e di conseguenza un futuro diverso. In questo momento Davì si sente “famoso”, sta vivendo un piccolo “momento di gloria”: dopo il momento di sconforto che ha vissuto ora è contento. Questo mi servirà molto come storia vissuta per ricordargli quello che è successo: nella vita i momenti duri ci sono ma poi finiscono”. Sergio parla anche della possibilità che Martino e Davì in un futuro si possano incontrare: “Sarebbe bello diventassero amici, è chiaro che è complicato perché siamo distanti. Se i genitori di Martino sono disponibili, noi solitamente ad agosto scendiamo in Toscana per le vacanze. Era già più di una volta che Davì mi chiedeva di andare a Firenze a vedere la città, l’anno scorso siamo stati a Pisa e quest’anno voleva andare a Firenze: non so come mai, ma era già da un po’ che mi chiedeva questa cosa. Magari può essere l’occasione giusta.” Davì, granata da sempre, ha preso la fede calcistica dal padre: “In famiglia siamo tutti granata, solo i gatti sono bianconeri, siamo da generazioni granata.” Battute finali sulla loro abitudine di recarsi allo stadio: “Diciamo che non frequentiamo assiduamente lo stadio, ne approfittiamo quando ci sono giornate di sole come quella di domenica scorsa, inoltre il Torino aveva pensato a promozioni sui biglietti rivolte alle famiglie”. Chissà che questa estate i due giovani tifosi non si incontrino per scambiarsi la figurina di Belotti.

Luca Sardo

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Hagakure - 6 mesi fa

    Bracciamozze, i suoi compagni di merende e la sua cairese sanno solo far piangere di dispiacere i Bimbi e far vergognare i Tifosi Granata (quelli veri).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13719128 - 6 mesi fa

    La vita del Granata è dura !Ma ti insegna che nella vita nessuno ti regala niente, a differenza di altri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rock y Toro - 6 mesi fa

    Anche mio padre mi ha trasmesso la passione granata, per lui fu più facile perché era un ragazzo quando il Toro vinceva tutto, aveva 20 anni quando accadde di Superga. Davi’ ti è stata consegnata una eredità scomoda, faticosa, dura, qualcosa che molti tifosi, delle altre squadre, ma anche del Toro non capiscono, perché la Storia Granata è UNICA nel mondo. Ti auguro che tu possa vedere un giorno questi colori trionfare nel modo a loro più consono come fu per gli Invincibili, tu che sei così piccolo forse avrai questa soddisfazione. Ma comunque devi essere contento di tifare questa squadra, al di là delle sconfitte o del brutto gioco, perché il tifoso granata è speciale e i tifosi delle altre squadre non lo sanno nemmeno cosa significa e possono vincere 30 scudetti di fila non avranno un millesimo della nostra PASSIONE.
    Ora e sempre FORZA VECCHIO CUORE GRANATA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13814870 - 6 mesi fa

    Ma quanto sei caro ..e bello piccolo e dolce…nel tuo visino tutta la sofferenza di domenica…..spero che i giocatori del Toro ti vedano e ti chiedano scusa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Asashoryu - 6 mesi fa

    Martino, io ti voglio bene. Sei bellissimo !

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy