Gigi Lentini, sono 50 anni. E quando disse “Il Toro è la mia mamma”…

Gigi Lentini, sono 50 anni. E quando disse “Il Toro è la mia mamma”…

Figurine / Uno dei più talentuosi giocatori che abbiano vestito la maglia granata raggiunge il mezzo secolo di vita

di Redazione Toro News

Gianluigi Lentini compie oggi 50 anni. Nato il 27 marzo 1969 a Carmagnola, è sicuramente tra i più talentuosi giocatori che abbiano mai vestito la maglia granata. Prodotto del settore giovanile granata, esordì in A, ad appena 17 anni, il 23 novembre 1986 in un Brescia-Torino 2-0. In granata da allora sino al 1992 (con l’eccezione di un anno in prestito ad Ancona) mise a segno 111 presenze e 16 partite, vivendo emozioni straordinarie come la cavalcata in Coppa Uefa agli ordini di Emiliano Mondonico, conclusasi con quella sconfitta in finale.

Nell’estate 1992 si trasferì al Milan in modalità clamorose: il club di Berlusconi offrì 23 miliardi di lire al Toro, 42 a Gigi in 4 anni. Lentini accettò scatenando l’ira degli ultras granata. sembrava destinato a una carriera da top player assoluto ma un incidente d’auto si mise di mezzo, la notte del 2 agosto 1993 sulla Torino-Piacenza. Restò fermo quasi un anno e poi non tornò più lo stesso. Dopo l’esperienza all’Atalanta, tornò al Torino nel 1997. Non era più lo stesso Toro, Lentini però fu protagonista di una bella promozione in B, ancora con Mondonico allenatore. Lasciò il club granata nel 2000 per trasferirsi al Cosenza, mettendo di fatto fine alla sua carriera ad alti livelli. Una volta appesi gli scarpini al chiodo, ha abbandonato il mondo del calcio. Ma resta sempre un tifoso granata: “Il Toro è stata la mia mamma, il mio cuore, io sono granata. È la squadra che mi ha fatto nascere”, disse in una intervista alla Gazzetta dello Sport.

Da parte di tutta la Redazione di Toro News, tanti auguri Gigi!

 

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. alètoro - 5 mesi fa

    In data 31 Luglio 1992 il Presidente Borsano lo cedette al Milan per una cifra record per quell’epoca del calcio professionistico nazionale.
    Personalmente partecipai alla protesta collettiva inscenata durante la stessa serata sotto la sede della Società A.C. TORINO, la quale era ubicata nella palazzina prestigiosa di Corso Vittorio Emanuele II al numero civico 77.
    Tale protesta di “piazza” della tifoseria granata si rivelò assolutamente inutile in quanto il relativo contratto di compravendita era già stato depositato in Lega proprio durante quel lontano ultimo giorno del mercato estivo.
    L’intera tifoseria granata rimase umiliata e offesa da quella clamorosa operazione di mercato, la quale fu vissuta come un autentico tradimento alla maglia granata operato dal Presidente Borsano con l’evidente benestare dello stesso tornante di Carmagnola.
    Ripeto, tale trasferimento del talentuoso Gigi Lentini risultò un oltraggio agli occhi di tutti i tifosi del TORO. Adesso, a distanza di numerosi anni, ad una età personale cosiddetta “matura” comprendo la scelta di quel ragazzo di trasferirsi in un prestigioso Club quale il Milan è sempre stato nel panorama calcistico nazionale.
    E’ assolutamente oggettivo che tale scelta personale fu motivata in particolare da ragioni economiche in quanto vide i suoi emolumenti economici incrementarsi in misura esponenziale e in tal modo ebbe pertanto l’opportunità di regalare stabilità e sicurezza economica alla famiglia di immigrati calabresi trapiantati in Piemonte.
    Aldilà di quella nota vicenda Gigi Lentini, appese le scarpe al chiodo, è rimasto un ragazzo del Filadelfia, il quale conserva nel cuore la fede granata.
    Pertanto grande Gigi, “Cuore TORO” ! Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 5 mesi fa

    Credo che a borsano sia stato tutto fin troppo chiaro, così come a Berlusconi! Prima o poi la guardia di finanza ti bussa alla porta e tutto torns

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ALESSANDRO 69 - 5 mesi fa

    Non voglio fare l’avvocato difensore di Lentini ma faccio presente che nel 1992 comandavano soprattutto le società, era prima della sentenza Bosman, per cui la volontà del giocatore contava fino a un certo punto. Quell’affare é Sempre stato un mistero mai chiarito…Auguri Gigi…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 5 mesi fa

    Il Toro è stata la sua “mamna”, ma per i soldi si tradiscono pure le mamme!
    Concordo con “user 5302”: che delusione fu il suo trasferimento al Milan!
    Annche per l’allora proprietario del Toro fu una manna caduta dal cielo!
    Solo per noi tifosi, al solito, amarezza, delusione e la sensazione di essere stati traditi!
    Lentini fu uno dei “capostipiti”, un “precursore” dei calciatori di oggi, che non hanno più bandiera.
    Ma forse è giusto così! Sono dei professionisti che offrono i loro servigi a chi li paga meglio, come tutti i lavoratori di questo pianeta.
    Fa comunque piacere sapere che è rimasto un “tifoso granata”.
    Auguri x il suo compleanno!

    Per la Redazione: da rivedere forse le cifre della compravendita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-14171750 - 5 mesi fa

    Tanti tanti auguri Gigi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-14165302 - 5 mesi fa

    augurissimi Gigi potenza velocità dribbling erano le tue doti migliori … quando sei andato al Milan abbiamo fatto casino quella sera in città ma non servì a niente …fu una grandissima delusione!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy