Il manifesto del tifoso granata: Ezio Rossi ricorda Licata-Torino

Il manifesto del tifoso granata: Ezio Rossi ricorda Licata-Torino

Mondo granata / “Il Toro esiste perché noi tifosi siamo così e nessuno riuscirà a distruggere i nostri valori”

di Redazione Toro News

Trent’anni fa, il 26 novembre 1989, il Toro di Fascetti giocò la partita contro il Licata che terminò 1-1. Il Torino era appena retrocesso in Serie B (e avrebbe poi conquistato velocemente la promozione), mentre i siciliani erano appena arrivati in cadetteria. Quell’incrocio particolare si ricorda anche per un incidente che avvenne durante la partita: durante i festeggiamenti per il gol siciliano si ruppe una tettoia su cui erano seduti alcuni tifosi e il giovane Franco Airò perse la vita.

E’ da quella partita che nacque il manifesto del tifoso del Torino: ispirato proprio a quella gara, nacque il motto “Da Madrid a Licata, fieri di essere granata“. Il Toro Club Sicilia Granata “Tonino Asta” ne onora il ricordo attraverso il racconto di chi quella partita la giocò riportando le parole di Ezio Rossi, ex difensore granata: “La partita in sé non fu niente di che, combattuta, bruttina, in quello stadio dove quando andavi a battere un calcio d’angolo, potevi aspettarti che qualcuno ti offrisse un caffè dalla sua finestra di casa, così vicina al terreno di gioco; finì 1-1. Fu una di quelle partite, come ce ne sono molte nella storia del Toro, che sono rimaste scolpite nei cuori e nelle menti dei tifosi storici Granata. Il Toro esiste perché noi tifosi siamo così e nessuno riuscirà a distruggere i nostri valori”.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. damescopet_13647902 - 10 mesi fa

    Grande Ezio nessuno mai riuscirà a distruggere i nostri valori. così è e così sarà

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. altoro - 10 mesi fa

    Ezio Rossi è sempre stato un autentico “Cuore TORO “. L”ultima volta lo vidi in occasione dei funerali del giovane ultra’ granata Salvatore Genova detto Jo. Ricordo, era una mattina di fine estate. All’interno della Chiesa di via Nizza egli rimase da solo in piedi nell’ultima fila della Chiesa per rendere omaggio ad un tifoso coscritto, deceduto prematuramente a causa del diabete, il quale era cresciuto con lui nel quartiere di via Filadelfia, ove al Campo secondario del mitico Filadelfia lo stesso Ezio Rossi mosse i primi calci nel Settore Giovanile del Toro. Egli uscì in silenzio dalla Chiesa e,con un cenno della testa con la tristezza nel cuore, rispose al mio saluto di riconoscimento di semplice tifoso. Ricordo che Ezio Rossi fu un vero combattente in campo, il quale guidò il TORO nrl ruolo di allenatore sulla panchina granata in una lontana sfortunata stagione. Personalmente non ho il privilegio di conoscerlo, ma sono convinto che Ezio Rossi è un grande uomo dal “Cuore TORO “. Grande Ezio Rossi! Alé TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14003131 - 10 mesi fa

    Vedere Ezio Rossi e sopratutto il vecchio simbolo del Toro fa sempre un certo effetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy