Juventus-Torino 2-1, parola ai club: “A rimetterci siamo sempre noi tifosi”

Toro-Ask-Club / Torna Toro-Ask-Club: ecco cosa ne pensano tre presidenti di tre Toro Club sparsi in giro per l’Italia dell’ultimo derby della Mole perso dai granata

di Nicolò Muggianu

Quattro domande, tre pareri e un dibattito con in oggetto l’ultimo match di campionato. Nasce “Toro-Ask-Club”: il format pensato da Toro News per dare voce ai Club granata sulla prima e più importante testata giornalistica online dedicata al Torino FC. Tre diversi presidenti di tre Toro Club sparsi in giro per l’Italia sono i protagonisti di questo format. Per questa puntata abbiamo scelto Dario Rivera (presidente Toro Club Sigari Granata), Carlo Nobile (presidente Toro Club Gassino) e Nino Gancia (presidente Toro Club Saluzzo). Passione, competenza e senso critico: sono questi i tre ingredienti con cui apprestiamo a commentare l’ultimo derby della Mole perso per 2-1 dal Torino.

TURIN, ITALY – DECEMBER 05: Cristiano Ronaldo and Juventus’ team entrance before the Serie A match between Juventus and Torino FC at Allianz Stadium on December 05, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Il 201° derby della Mole si è concluso con l’ennesima beffa finale subita da parte del Torino. Che idea vi siete fatti della partita, un paio di giorni dopo?

Riviera – “Faccio un breve preambolo prima di rispondere alle domande. Subito dopo il derby nella nostra chat abbiamo discusso animatamente perché ogni Sigaro motiva le proprie idee e ci siamo resi conto che il classico capro espiatorio di questa brutta situazione non è solo uno. Queste sono le mie opinioni. Rispetto l’anno scorso il gioco del Toro di Giampaolo è nettamente migliore. Creiamo azioni, facciamo girare bene la palla, l’anno scorso facevo fatica ad accendere la TV per vedere il Toro perché mancava tutto e solo un miracolo ci ha permesso la permanenza in serie A che a mio avviso non meritavamo”.

Nobile – “È un film che si ripete da metà del campionato scorso, c’è qualcosa che non funziona a livello mentale nella squadra. Anche quando si riesce a sviluppare qualche buona trama di gioco dura come neve al sole perché poi ci facciamo rimontare anche in situazioni estreme e la cosa sta diventando recidiva. E questo subire nei minuti finali non può che essere un aspetto psicologico più che tecnico“.

Gancia – “La partita è stata quella che mi aspettavo, gioco in mano a loro e noi in difesa con possibilità di agire in contropiede, purtroppo nel primo tempo potevamo raddoppiare ma Zaza ha fallito una clamorosa occasione, nel secondo tempo loro ci hanno pressati ma senza impensierire più di tanto ma i soliti errori difensivi e lo sbagliato piazzamento di Sirigu sui due cross che hanno deciso la partita ci sono stati fatali“.

Cosa non sta funzionando nel Torino? Secondo voi la retrocessione a fine anno può essere un rischio concreto?

Riviera – “Ciò che non funziona è riconducibile ad una questione psicologica dei giocatori ma soprattutto alla mancanza di pedine fondamentali per il nostro organico che non sono arrivate in fase di calcio mercato. Giampaolo stesso ha cambiato il suo modulo in base alle disponibilità della rosa (ed è un grave errore) ma ritengo che giocando in questo modo i risultati per la permanenza in A arriveranno”.

Nobile – “Secondo me si tratta di una gestione societaria scellerata, i ragazzi mi sembrano abbandonati a loro stessi. La società sta dimostrando di avere delle mancanze e mi sembra che la gestione sia puramente aziendale da parte di Cairo, non vedo riferimenti ad aspetti fondamentali come quello dell’attaccamento alla maglia che permettono poi ai calciatori di gettare il cuore oltre l’ostacolo nelle partite. E chi ne paga le conseguenze alla fine siamo solo noi tifosi, quasi come se la colpa fosse nostra che non possiamo nemmeno più partecipare alle partite a causa del Covid. Retrocessione? Secondo me il rischio c’è ed è alto perché non siamo più abituati a lottare nei bassifondi e quando si comincia ad arrancare per tante partite il rischio c’è“.

Gancia – “Purtroppo non abbiamo un regista che detta i tempi e verticalizzi l’azione, Rincon non è in grado di farlo e davanti il solito encomiabile Belotti non può bastare. Se non si interverrà sul mercato di gennaio la retrocessione è un rischio più che concreto“.

TURIN, ITALY – DECEMBER 05: Leonardo Bonucci of Juventus celebrates with Head Coach Andrea Pirlo after the Serie A match between Juventus and Torino FC at Allianz Stadium on December 05, 2020 in Turin, Italy. Football Stadiums around Italy remain empty due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in fixtures being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Allenatore, squadra e società: secondo voi, in percentuale, chi ha più responsabilità dell’ultimo periodo negativo del Torino? Motiva la risposta.

Riviera – “Dico la società al 70%. Non ha fornito i giocatori giusti richiesti da Giampaolo, e probabilmente Giampaolo si è dovuto adeguare. La società ha commesso gravi errori sportivi ma soprattutto gravi errori nei confronti di noi tifosi (dal famoso “esperimento sociale” in curva Primavera, all’eliminazione degli spazi allo stadio per gli striscioni dei TC, l’oscuramento dei vetri primo anello distinti, il pessimo rapporto con l’UCG che unisce circa cento Toro Club, fino alla gestione pessima del Fila tempio sacro per tutti i cuori granata). Poi il 10% delle responsabilità le ha Giampaolo, perché ha accettato un compromesso con la società anche se le sue richieste di iniziò stagione non sono state accolte. La % di colpe comunque sono limitate, il Toro gioca bene, crea belle soluzioni ma soprattutto Giampaolo ha dato spazio a giocatori della primavera (Singo tra tutti, ha vent’anni e diventerà un asso del calcio) e risolto in parte i problemi del nostro spogliatoio. Il 20% che manca lo imputo infine ai giocatori. La perdita di attenzione ogni partita risulta fatale per il risultato finale. Se le partite finissero al 45 minuto saremmo secondi in classifica dietro al Milan. Ciò significa che i giocatori hanno problemi di concentrazione. Forte impatto negativo deriva anche dal pessimo rendimento di alcuni elementi che l’anno scorso hanno fatto la differenza e quest’anno sono in difficoltà“.

Nobile – “Per me le maggiori responsabilità le ha la società. Ho sempre pensato che in ambito calcistico i grandi risultati si ottengano nelle stanze dei bottoni. In ogni squadra che è più o meno vincente c’è un’organizzazione solida che da noi non vedo. Non abbiamo nulla di proprietà, non si è creato uno spirito granata, anche il Filadelfia è stato ristrutturato ma viene trattato come un normale impianto sportivo cosa che non è assolutamente. Poi anche l’allenatore lo trovo in egual misura responsabile, perché ha dichiarato pubblicamente che dava 10 al mercato per cui non si può lamentare. Anche se a livello di organico abbiamo delle grandi lacune, sia tecniche che tattiche. Col bel gioco non si vincono i campionati, soprattutto se domini per 80′ e poi subisci sempre gol nel finale per degli errori così banali. In ultimo i giocatori perché, escluso Belotti che è veramente un ragazzo di altri tempi e a cui bisognerebbe fare un monumento, sono diventati dei semplici soldatini e in più con l’uso così eccessivo dei social hanno veramente rovinato tutto. Quando si indossa la maglia del Toro bisogna onorarla fino in fondo e questo purtroppo non succede da tanti anni e non solo per colpa dei giocatori“.

Gancia – “Secondo me la responsabilità è da attribuire al 100% alla società e a Cairo che purtroppo dopo 15 anni di presidenza continua a prendere in giro la tifoseria con false promesse, secondo me è giunta l’ora di farsi sentire e dire basta“.

Ultima domanda: la classifica piange e dice che il Torino ha raccolto soltanto 6 punti raccolti in 10 giornate. Giampaolo adesso comincerà ad essere messo in discussione?

Riviera – “Sostituire l’allenatore ora non servirebbe a niente e sono contrario. Maggiore concentrazione dei giocatori e un pizzico di fortuna ci permetteranno di portare a casa i punti ma ritengo che questa situazione sia stata causata dalle pessime scelte della società con gli stessi giocatori e dalla mancanza di pedine fondamentali in organico“.

Nobile – “Per come vedo io le cose Giampaolo dovrebbe già essere stato esonerato, perché nonostante sia una brava persona non ha ottenuto i risultati che servivano. Non capisco nemmeno quei tifosi che dicono che si fa il bel gioco, per me una squadra che gioca bene è una squadra che vince. Quando si subiscono due o tre gol a partita c’è qualcosa che non va e queste sono responsabilità del mister. Anche nel derby abbiamo subito due gol uguali e poi si aggiunge anche Sirigu che sinceramente mi sembra che non abbia più voglia di giocare nel Toro“.

Gancia – “Giampaolo potrà sicuramente essere messo in discussione perché come successo anche nel derby non è stato in grado di leggere la partita, ma d’altro canto con la panchina che si ritrova le colpe non sono tutte sue, forse le rimonte subite sono da imputare anche a lui che non riesce a motivare e a tenere alta la pressione della squadra. Ma ripeto: secondo il mio punto di vista il male principale è tutto nella presidenza e in una società inesistente sotto tutti gli aspetti“.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. olivia - 1 mese fa

    Per fortuna che in questa situazione si gioca a porte chiuse e i giocatori non si sentono presi di mira perché sarebbe controproducente.Comunque Cairo va giustamente contestato perché ‘sta facendo cazzate su cazzate è ci rimette lui e rovina la vita a noi tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. olivia - 1 mese fa

    I Tifosi sono stati fin troppo pazienti nel fare la contestazione.Pero’ c e’ da fare un distinguo.I giocatori sono i meno colpevoli perché se la rosa e’ da Settimo posto le colpe sono dell allenatore in primis , poi per chi lo ha scelto e poi di Cairo che ha avallato la scelta.Zaza lo conosciamo ha i suoi limiti e può Dio fare la riserva di Belotti.Non confondiamo gli atteggiamenti dei tifosi.Perche ‘ Belotti va applaudito e a Giampaolo si può dire : Sia maledetto quell imbecille che ti ha preso al Toro.La contestazione deve andare dritta su Cairo che non fa che scegliersi collaboratori incapaci che ci stanno rovinando la vita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Frenck - 1 mese fa

    GP fuori dalle palle non legge le partite e non sa gestire i cambi. E gli uomini che voleva gli scarti di Samp e Milan non servono un tubo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. michelebrillada@gmail.com - 1 mese fa

    poi è comunque verissimo che siamo senza società basta vedere dove si allenano le giovanili da li in poi vedi la non società

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. michelebrillada@gmail.com - 1 mese fa

    ma dove è che facciamo girare la palla facciamo girare le palle che è diverso con rincon regista(che sbaglia otto passaggi su dieci) ,zaza in campo( che non tiene una palla e non è capace sa solo fare falli)sirigu che non esce piu nemmeno nella sua piccola area , con meiè che perde in continuazione pallono velenosi che ci costano gol con una squadra che dura si e no 60/70 minuti questo è gianpaolo altro che miglioramenti abbiamo giocato tutta la partita nella nostra area ma non scherziamo basta

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy