La lettera di Mirella Loik, figlia di Ezio: “Grazie a tutti”

Il ringraziamento / La figlia di Ezio Loik ha scritto una lettera dopo la scomparsa della mamma, signora Lilia Jon Scotta

di Redazione Toro News
Con una lettera che è stata pubblicata dal sito ufficiale del Toro, Mirella Loik, figlia del campione del Grande Torino, ha voluto ringraziare per la vicinanza in seguito alla scomparsa della mamma, Lilia Jon Scotta:
Sono Mirella, la figlia unica di Ezio Loik e di Lilia Jon Scotta.
La mamma è mancata, serenamente, il 24 Gennaio 2020 alla età di 93 anni nell’Asilo Valdese per Anziani di Luserna San Giovanni, dove ha vissuto per i suoi due ultimi anni.
Il suo ricordo legato alla memoria della grande squadra del Vecchio Torino è stato perenne, come la sua passione verso la squadra attuale.
Voglio con affetto ringraziare il Presidente dottor Urbano Cairo, il Direttore Antonio Comi, i dirigenti, il Responsabile dell’Ufficio Stampa Piero Venera, i dipendenti, i tecnici e i calciatori, e tutto il settore giovanile del Torino Football Cub con il suo istruttore storico Andrea Menghini unitamente al responsabile Andrea Fabbrini, che hanno partecipato alla cerimonia di addio portando lo stendardo ufficiale della squadra.
Il mio grande ringraziamento è anche rivolto a tutti i Club del Torino che hanno inviato la loro partecipazione, alla Associazione Memoria Storica Granata, al Presidente e amici della Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia e al Circolo Culturale Istriani Fiumani e Dalmati di Torino, ai tifosi presenti e ai tanti che hanno inviato la loro solidarietà scritta. Infine, non ultimi, ai giornalisti che hanno lasciato sulle  loro testate sportive e di cronaca il loro sentito ricordo di mia mamma Lilia Jon Scotta, vedova di Ezio Loik, mio padre indimenticabile: per me, per tutti gli sportivi, e soprattutto per i tifosi granata!
Mirella Loik
3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pakman - 1 anno fa

    Mi è dispiaciuto molto per la scomparsa della sig.Lilia Jon Scotta,ho avuto modo di parlare con lei molte volte,facilitato perché lavoro da tanti anni nella Casa di Riposo dove ha vissuto l’ultimo periodo della sua vita.Sempre molto precisa e puntigliosa,ma anche molto corretta.Di tanto in tanto facevamo il punto sulla situazione attuale e inevitabilmente il paragone andava per forza di cose ai suoi tempi in cui il marito giocava nel grande Toro…Mi ha raccontato tanti aneddoti,legati alle vicende del momento magico che viveva,quando il Toro degli Invincibili,vinceva in ogni dove.Ma ricordo anche i racconti legati a quel giorno tragico…Chi ha perso una persona cara in giovane età,sa di cosa parlo….Sono contento da tifoso Granata di averla conosciuta,nei suoi racconti è un po come se avessi visto il Grande Torino al Filadelfia,e ricordo sempre volentieri,scherzando di tanto in tanto tenevamo alto il nome del Toro nella Casa di Riposo e tra una battuta e l’altra rimarcavamo il concetto che qui,si tifa una squadra sola,il Toro!Buon viaggio Lilia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. m004xg - 1 anno fa

      Molto bello complimenti !!!
      Mi piacerebbe capire il pensiero di colui che ha messo il pollice in giù!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mestregranata - 1 anno fa

    Un abbraccio commosso alla famiglia loik. Il binomio loik mazzola qui da noi non sarà mai dimenticato è grazie a loro che il Venezia calcio può fregiarsi di una coppa Italia

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy