Le vostre lettere

SERIE B

Spettabile Redazione.
Innanzitutto i miei più sentiti ringraziamenti per l’opportunità che mi concedete di poter esprimere liberamente i miei pensieri sul nostro povero Torello. Devo ammettere che in questa fase della stagione resto abbastanza confuso sul momento granata in quanto, se da un lato ho verificato con piacere l’effettivo "passo indietro" di Cairo nella campagna acquisti…

di Redazione Toro News

SERIE B

Spettabile Redazione.
Innanzitutto i miei più sentiti ringraziamenti per l’opportunità che mi concedete di poter esprimere liberamente i miei pensieri sul nostro povero Torello. Devo ammettere che in questa fase della stagione resto abbastanza confuso sul momento granata in quanto, se da un lato ho verificato con piacere l’effettivo "passo indietro" di Cairo nella campagna acquisti e la conseguente delega operativa ad un "uomo di calcio" quale Foschi, dall’altra non posso nascondere la mia preoccupazione per un precampionato sostanzialmente non positivo (due sconfitte con 0 gol realizzati nelle uniche due partite contro squadre di pari livello) e per un calcio mercato che stenta a decollare, già di per se molto difficile ed in più zavorrato dai tre anni passati di scellerata gestione cairota.
Per il momento cerco di non dare peso ai toni allarmistici dei quotidiani torinesi, troppo impegnati ad esaltare le gesta dei cugini a strisce e ad amplificare ogni minimo errore della società granata … ed attendo con ansia l’esordio di venerdì in quel di Grosseto, con la speranza di poter classificare la debacle di Livorno come semplice episodio isolato.
Da parte mia sarò fra coloro che sosterranno sempre la squadra, soprattutto se gli 11 granata in campo daranno una chiara evidenza di grinta e di determinazione per tutti i 90 minuti di ogni partita. Probabilmente nei primi turni le cose saranno più difficili per l’evidente condizione di forma non ottimale della squadra e quindi sarà importante, da parte di tutti i tifosi, semprechè sia evidente il totale impegno dei calciatori, garantire sempre e comunque il totale appoggio alla squadra: dopotutto una partenza lenta in Serie B ad agosto-settembre, non sempre è sinonino di fallimento sportivo a maggio (pensiamo ad esempio allo scorso campionato 2008/2009 caratterizzato dalla partenza sprint di Livorono e Sassuolo e dal trionfo alla distanza di Bari e Parma).    
Ai calciatori chiedo soltanto di concretizzare con i fatti sul campo le molteplici dichiarazioni di intenti "sfornate" nelle troppe conferenze stampa settimanali. Non entro nel merito delle questioni prettamente tecniche in quanto non ho ancora avuto l’opportunità di seguire in diretta le partite fin qui disputate, mentre i signori Belingheri, Gorobsov e Loviso non ricordo di averli mai visti giocare. Da parte mia ritengo che attualmente il migliore acquisto sia rappresentato dal nuovo tecnico Colantuono: la mia speranza è che gli venga concessa l’opportunità di poter lavorare con tranquillità e di poter disporre di una rosa di calciatori affiatata e motivata, nonchè di un organigramma societario ben strutturato ed organizzato (a proposito … a quando per il team manager) in vista del prossimo campionato di Serie B.
Forza Toro, sempre e comunque.
Maurizio. Cuneo.

PRESENTE E FUTURO

Il nostro Toro non può vivacchiare in assenza di un progetto tecnico. Cairo deve costruire una squadra nettamente più forte dell’obiettivo prefissato in quanto non facendo parte del porcilaio ci vengono sottratti durante l’anno svariati punti. Non possiamo rendere facile il lavoro agli arbitri di Collina costruendo squadre che non si reggono in piedi come nell’ultimo anno con ruoli non coperti e con conduzioni tecniche discutibili e cervellotiche nelle tattiche e nelle scelte degli uomini. Ci sono due strade: comprare il meglio possibile ruolo per ruolo (dispendioso, ancor di più se incompetenti) o costruire una squadra di gente non di nome ma che non faccia cazzate durante la gara regalando gol e spianando la strada anche ad avversari non irresistibili.Il telaio va formato nel breve tempo e  mantenuto anche in assenza di risultati ed in presenza di periodi di contestazine e nel lungo periodo riformando un vivaio che possa costituire gran parte della rosa. Se non si fa così ogni anno saremmo costretti a vendere o regalare i nostri acquisti errati per prendere giocatori di medio alto costo che nulla aggiungono a quelli  da sostituire. Avendo una squadra che si muove all’unisono vengono valorizzate anche le individualità altrimenti continueremo a bocciare chiunque: Recoba, Di Michele, ed in ultimo Rosina. Adesso vedremo quest’anno se la ricetta giusta era quella di togliere l’unico talento superiore non sostituendolo e puntando su un Gasbarroni già bocciato l’anno passato da tutti ancor prima di averlo visto giocare. Peraltro arrivato già ad una certa età non mi sembra abbia mai brillato per continuità.Negli anni 80 quando avevamo i vari Cravero, Annoni Bruno Lentini ecc. mi divertivo a confrontare i nostri singoli con quelli delle squadre più forti e per 6-7 undicesimi li ritenevo obiettivamente i più forti della “A” oggi non potendo competere di gran lunga economicamente dobbiamo creare delle squadre cazzute che combattano e che abbia davanti delle frecce pronte a colpire. Foschi tiri fuori qualche colpo superiore, ci regali un combattente che copra Loviso ed un’altra freccia li davanti che possa affiancare o sostituire Di Michele (Eder?).Spero che questo possa bastare per partecipare al campionato a cui l’anno passato non ci avevano iscritti (per dirla alla Capello) e vista la nostra “mancata iscrizione” da parte della Lega e dei “Collina brothers”  abbiamo ritenuto di arrenderci sul campo non facendo vedere nulla di tecnico tattico ma nemmeno di temperamento (unica eccezione la rissa con il Genoa).SalutiSalvador Di GiammatteoTortoreto Lido (TE)

 

ATTACCO SCHIFOSO

Cara redazione e cari tifosi,sono veramente deluso. Ancora una volta l’attacco a dimostrato la sua pochezza. In partitella oggi si è visto un ritmo più blando che non si può. Gli attaccanti fanno veramente pena. Già la squadra non è ancora in grado di costruire una palla gol, ma poi quelle poche che si creano vediamo i centravanti che nn riescono a buttarla dentro neppure a pregare. Benedetti ha fatto sfigurare Bianchi e Di Michele cincischia come al solito e si crogiola nell’autocompiacimento per le sue doti tecniche… Speriamo in bene per Grosseto. Forza ToroEnrica P.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy