Le vostre lettere

PAGLIACCIATA CONTINUA
Spett.le redazione di Toronews,
condivido totalmente quanto detto nella lettera del Sig.Giuliano. Finiamola di farci del male da soli e di continuare a stancare un imprenditore serio quale è il presidente Cairo con lettere e proclami, prima o dopo troveremo il vuoto e quindi addio a tutte le speranze. Negli ultimi almeno 20 anni abbiamo avuto presidenti impresentabili e siamo andati sempre peggio,…

di Redazione Toro News

PAGLIACCIATA CONTINUA
Spett.le redazione di Toronews,
condivido totalmente quanto detto nella lettera del Sig.Giuliano. Finiamola di farci del male da soli e di continuare a stancare un imprenditore serio quale è il presidente Cairo con lettere e proclami, prima o dopo troveremo il vuoto e quindi addio a tutte le speranze. Negli ultimi almeno 20 anni abbiamo avuto presidenti impresentabili e siamo andati sempre peggio, inoltre è molto facile distruggere, in particolare senza essere esposti manco di 1 euro.
Il presidente Cairo oltre all’impegno finanziario ci mette la faccia si prende le responsabilità, ha coinvolto tutta la famiglia la madre il padre. Come ricompensa riceve questi insulti, dove bastava fare un clic per confermare l’adesione, io personalmente me ne son guardato bene di fare questa operazione anzi d’ora in avanti non leggo più i siti e i giornali dove viene bistrattato il presidente. Abbiamo bisogno di ritornare subito in A e non autodistruggerci, incoraggiamo e lasciamo lavorare chi vuole assolutamente raggiungere questi obiettivi, già di per se non facili.
Presidente non si curi dei pochi la maggioranza sicuramente stà con Lei continui son sicuro che presto avrà qualche soddisfazione come pure noi e gli attuali detrattori si meriteranno il clasico calcio dove il sole non brilla.
Walter

SEMPRE NOI CHE NON CONTIAMO NULLA
Gentile redazione,
faccio parte di coloro che  in quanto tifosi non contano nulla. Io ho la mia testa così come la gran parte dei tifosi e questo nonostante Cairo pensi altrimenti, ma il presidentissimo ci deve consentire di avere di lui un
concetto un pò diverso da quello che lui ha di se stesso e che si identifica,troppe volte, a "superuono". Detto questo, nella speranza che nessuno se la prenda, partirei dalle ultime dichiarazione del duo Dzemaili/Rubin .
Ebbene, questi due ragazzotti, senza alcun debito di riconoscimento verso la Società e verso i famosi TIFOSI che non contano nulla, DEVONO essere ceduti al più presto senza alcuna esitazione e in forma definitiva perchè di questa gente non si ricaverà niente di buono. La stessa sorte devono fare quei matusa con ingaggi da emiri che DEVONO essere ceduti gratuitamente magari con dote altrimenti i loro mugugni corromperanno l’ambiente. Fatto questo il presidente avrà risolto il principale dei suoi problemi: ritornare in gran parte del disavanzo societario. Dopo, se vorrà fare qualcosa per la squadra sarà ben accetto ma non s’illuda sul nostro silenzio, noi parleremo, eccome parleremo e faremo questo anche se lui seguiterà a sostenere che NON CONTIAMO NULLA.
Forza TORO
Domenico


DUE PAROLE SULLE ULTIME VICENDE DI CONTESTAZIONE

Ho letto ultimamente molte proteste di tifosi sul "nostro" amato Toro. Lettere rivolte al presidente per destabilizzare ancora di piu’ l’ambiente e persone che desiderano allontanare Cairo dal Toro. Le trovo squallide e fuori luogo, anche se ritengo che ognuno abbia il diritto di esprimere le proprie motivazioni, i miei motivi alla base delle mie perplessita’ su questo modo di agire, pero’ sono:
1) Chi e’ in grado di fornirmi un nome, dico uno, che sia disposto ad acquistare il Toro, senza motivi di speculazione, me lo dica, gli lascio il mio indirizzo email, ormai da anni io intorno al Torino Calcio vedo solo tanti avvoltoi e varie persone che fanno di tutto per metterci i bastoni tra le ruote, perche’ temono che la nostra amata squadra torni ad essere cio’ che e’, la prima squadra di Torino e una tra le 4-5 piu’ forti d’Italia.
2) Ogni tanto poi esce l’idea dell’azionariato popolare, ma vi rendete conto di quanti soldi ci vogliono per fare una squadra, anche solo in grado di affrontare la serie B, figuriamoci la serie A, c’e’ poi un buon numero di persone che fatica a trovare i soldi per fare la tessera, men che meno dovesse investirne altri per l’azionariato, imprenditori poi che abbiano l’intenzione di aiutare Cairo non ne vedo per ora, alcuni solo a parole, tanto valeva allora beccarsi il fantasmagorico Ciucciariello che credeva di poter gestire il Toro ad alti livelli con la sua sola eredita’.
3) Giustifico il fatto che il tifoso sia stato deluso dagli errori, secondo me’, in buona fede, di Cairo, anche io ho perso piu’ volte la pazienza in questa stagione, ma non e’ certo con la contestazione che si puo’ aiutare la squadra, confido nelle capacita’ di Foschi e di Colantuono e attendo il buon esito delle trattative di mercato, anche perche’ se ci guardiamo in giro, gli altri non hanno certo fatto faville nelle loro rispettive trattative.
4)Non dimentichiamoci che la squadra dell’altro anno non era certo da retrocessione e quindi non e’ da smantellare e ricostruire, ma inserire i giusti tasselli dove servono, col criterio del giovane di prospettiva affiancato con l’esperienza del piu’ anziano, senza buttare via i soldi per raggiungere obiettivi troppo onerosi o con operazioni sconvenienti, vedi Italiano, perche’ dovevamo cuccarcelo con i modi che dettava il chievo ? che se lo tenga il padova per tre anni, alla faccia poi di quello che dichiaro’ lo stesso Italiano, voglio il Toro, correrei da Colantuono, poi gli propongono un’altro contratto e tutto quell’attaccamento magicamente scompare, BASTA mercenari, vogliamo gente da Toro sia per decidere chi deve restare sia per decidere chi deve arrivare.
Mitbraider


STIAMO LONTANI DA QUESTO CALCIO

Carissimi amici di fede,
il calcio non esiste più. Non esistono persone "pulite" nel calcio "moderno", e forse non ce ne sono mai state, chissà. I "protagonisti" passano il tempo a rilasciare intrviste senza senso. Un giorno pensano una cosa e il giorno dopo pensano già tutt’altro. C’è un sistema ormai logoro e corrotto che ha portato al formarsi di una "cupola" di cui fanno parte le solite società, mentre le altre si barcamenano ogni stagione o arrivano al fallimento. I tifosi vengono presi per i fondelli continuamente, specialmente quelli granata. Da anni non abbiamo più  il Toro. Ci è stato portato via da questo sistema a cui non siamo stati in grado di rispondere o adeguarci. I giocatori sono mercenari che giocano eclusivamente per incassare milioni (di euro) alla faccia di chi fa fatica ad arrivare a fine mese. Sono viziati, irritanti e senza spirito di appartenenza.
Noi tifosi granata siamo ancora aggrappati al simbolo che incarna, o meglio, dovrebbe incarnare, lo spirito Toro. Purtroppo questo è scomparso e credo non tornerà più. Non esisterà più un Pulici, un Sala, un Mazzola, o semplicemente un Asta nel Toro. Anche perchè ci hanno cancellato e raso al suolo il nostro Tempio dove si respirava un aria particolare e dove ci sentivamo a casa. Ora non abbiamo più un settore giovanile degno, non abbiamo uno spirito Toro, non abbiamo una casa…..Ci hanno tolto tutto. I soliti ignoti. O ben noti….. E allora teniamoci ben stretti nella memoria i nostri ricordi e le nostre belle sensazioni vissute. Quelle non ce le porteranno via mai. Forza Toro Sempre.
Giancarlo da Chieri.

      

NOI E LORO
Questa volta comincio da loro. Loro chi? Ma loro, gli altri che non sono come NOI e che, putroppo, sono la maggioranza! I primi "loro" sono ovviamente i gobbi. Esordiscono vincendo contro il Real Madrid in pagna. Noi esodiamo perdendo con il Vicenza a Vicenza. Erano due trasferte difficili, ragazzi, dovete capire. Noi eravamo imballati dalla preparazione, il caldo di Vicenza, il rigore contro... Questo Vicenza avrebbe fatto bene anche contro il Real, statene certi! Gli altri "loro" li abbiamo in casa. Rubin e Pratali. I nostri Santon e Cannavaro. Cosa fanno questi ragazzi? Dicono apertamente che loro vogliono andarsene. Uno spera nel Palermo, l'altro spera in chissà chi lo vuole. Sui primi "loro", sui gobbi maledetti, non non possiamo farci nulla se non tifare, me sempre, per quelli che di volta in volta ci giocheranno contro. Ma su questi "loro" nostrani, direi che NOI ci possiamo fare parecchio. questi sono pagati da Cairo, tutti i mesi. Questi sono retrocessi facendo, pure Rubin, partite da vergogna. Questi dovrebbero stare zitti almeno per pudore! Ma oggi che comanda il grande fratello la gente si sente autorizzata a dire e fare tutto perchè la vita ormai ha le regole dei reality e non viceversa. Beh, io credo che se sei uno sportivo professionista devi avere delle regole, non solo legate al fuorigioco. e ti pagano devi dare te stesso al tuo datore di lavoro senza dubbi o senza scenate. Calciatore, camionista o segretaria, tu devi dare il tuo contributo all'azienda. Non sputare nel piatto dove mangi. Adesso vediamo se il TORO mette questi due bei pezzi Italia moderna al loro posto. Tribuna? No, ce li mandino in curva che l'educazione gliela insegnamo NOI ! Sempre forza NOI che non ci abbattimo MAI! Sergio B.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy