Darmian spegne 31 candeline: al Toro si è affermato, ora sta conquistando l’Inter

Figurine / 31 anni per l’ex granata, ripercorriamo il suo percorso al Torino

di Redazione Toro News

Il 2 dicembre del 1989, nasceva a Legnano Matteo Darmian, che con la maglia del Toro ha raccolto ben 151 gettoni – conditi da 6 reti – ed è maturato calcisticamente tanto da riuscire a trovare la continuità che gli ha permesso di attirare su di sè l’interesse del Manchester United.

L’arrivo sotto la Mole dell’esterno, in prestito, risale alla stagione 2010/2011: dopo aver vestito le maglie di Milan, Padova e Palermo, ecco la chiamata di Gian Piero Ventura in Serie B. L’esordio in granata è datato al 13 agosto, nel secondo turno di Coppa Italia tra Torino e Lumezzane, gara poi vinta dai padroni di casa. Darmian diventò in breve un pilastro della squadra e, a promozione in A avvenuta, venne riscattato giocando altre tre stagioni che lo fanno entrare nel cuore dei granata. L’ultimo campionato, quello del 2014/2015, vede Darmian esprimersi a livelli altissimi e segnare una rete contro la Juventus fondamentale per il cammino del Toro.

Dopo l’avventura granata, Darmian ha vissuto per quattro stagioni con la maglia del Manchester United, ma qualcosa è andato storto e il suo rendimento è calato. Nel 2019 il Parma lo rilancia il Serie A e il classe ’89 sembra ritrovarsi e la conferma arriva con il trasferimento all’Inter della scorsa estate. Gradualmente, in nerazzurro l’ex granata si sta imponendo all’attenzione generale nel ruolo che ricopriva al Torino con Ventura, l’esterno del centrocampo a cinque. Proprio ieri sera, il gol in Champions League in casa del Borussia Monchengladbach: il modo migliore per festeggiare il compleanno.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dr Bobetti - 2 mesi fa

    Un gran bravo giocatore, grande lavoratore e sempre disposto a mettersi in gioco. E sempre in linea con lo spogliatoio.
    Laterale destro, poi adattato con frutto a sinistra e pure centrale di destra nella difesa a 3.
    Fa parte di quella pletora di giocatori con cui Cairo ha fatto soldi col Toro e che se fossero almeno in parte rimasti avrebbero permesso di costruire una realtà ben più solida di quella attuale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy