Mondonico, i tuoi ragazzi ti ricordano: “Caro mister, eri come un padre”

Mondonico, i tuoi ragazzi ti ricordano: “Caro mister, eri come un padre”

Esclusiva / Da Marchegiani a Fusi, le lettere di alcuni dei giocatori più importanti di Mondonico che ricordano l’allenatore a due anni dalla sua scomparsa: “Avevamo un rapporto speciale”

di Redazione Toro News

SOTTIL

Ciao mister,
Anzi ciao, unico grande mister. Tu per me sei stato fondamentale, hai creduto subito in me e mi hai lanciato nel mondo dei professionisti da giovanissimo. Mi hai insegnato tutto: furbizie, sfumature, dettagli e sopratutto i veri valori di questo magnifico sport che è il calcio. La tua presenza in panchina era unica, in pochi minuti leggevi la partita come pochi ho visto fare. Eri una guida affidabile sicura per tutti noi. Ricordo quando mi dicevi: “Sottiletta! Più anticipi fai sul tuo avversario e meno corriamo verso la nostra porta. Forza bambin, che te lo mangi”. Ciao mister, ovunque tu sia ti voglio mandare un affettuosissimo abbraccio. Spero che ti arrivi forte, forte come eri tu. Solo tu, unico “Mondo”.

Andrea Sottil

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14165930 - 4 mesi fa

    Bastano queste parole per comprendere la grandezza di Mondonico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. TMark - 4 mesi fa

    Ciao Mister, quanti bei ricordi. È bello ricordarti attraverso le lettere dei tuoi ragazzi… i giovani d’oggi dovrebbero poter imparare il calcio dalle storie come la tua. Sono contento di aver vissuto quegli anni da ragazzo, felice di averti potuto incontrare in alcune occasioni prima di alcune partite. Non ti dimenticheremo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy