Torino e Robaldo, richiesti altri documenti per il permesso di costruire

Torino e Robaldo, richiesti altri documenti per il permesso di costruire

L’attesa / Il via libera per iniziare con i lavori può arrivare a dicembre

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Ancora attesa per quanto riguarda la costruzione del nuovo centro sportivo delle giovanili del Torino sui terreni del Robaldo. Centocinquanta giorni: è il tempo che teoricamente è necessario per l’ottenimento di un permesso di costruire sul suolo del Comune di Torino, da quando si effettua la richiesta all’Ufficio Protocollo Edilizio. Il Torino l’ha effettuata in piena estate, il 22 luglio, e complici le vacanze non c’è da stupirsi se le tempistiche si allungheranno.

Potrebbero allungarsi anche per un altro motivo: l’ufficio competente negli scorsi giorni ha infatti richiesto al Torino un’integrazione documentale. Tutte questioni burocratiche che devono fare il proprio corso: ricordiamo che il Torino si è aggiudicato lo scorso febbraio il Robaldo in concessione ventennale dopo il voto del Consiglio Comunale del capoluogo piemontese.

26 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dattero - 1 settimana fa

    Prawda, grazie dell’intervento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi - 1 settimana fa

    Comune di pagliacci

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawda - 1 settimana fa

    Fare un articoletto in questo modo, a mio parere, significa fare disinformazione ed e’ poi naturale che vi siano reazioni scomposte e paragoni sbagliati, per quanto detesti i gobbi e si possano scrivere dei libri sugli aiuti ricevuti.
    Perche’ Sartori non spiega che il Torino ha ottenuto in concessione il Robaldo a marzo 2016 e poi ha presentato tutta una serie di richieste a cominciare dall’utilizzo delle aree pertinenziali che ne hanno inevitabilmente allungato i tempi, visto che hanno interessato diversi enti pubblici; senza contare la discussione sull’Iva da corrispondere che chiaramente non poteva essere risolta dal Comune. Soprattutto il Torino nel permesso di costruire intende su suolo pubblico edificare e modificare le volumetrie esistenti, nel progetto c’e’ anche da realizzare un ristorante, e questo ovviamente nella concessione non era chiaramente previsto e nemmeno prevedibile.
    Se a questo si evidenzia che il Robaldo e’ una struttura comunale e che tale restera’, il Torino ne avra’ unicamente la concessione per 30 anni in cambio di un canone complessivo di poco superiore ai 20k euro annuali tra parte sportiva e parte commerciale, quindi il permesso di costruire richiesto dal Torino riguarda un impianto pubblico e non privato, e’ evidente come fosse anche prevedibile che i tempi burocratici potessero essere lunghi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-14003131 - 1 settimana fa

      Ci sta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dattero - 1 settimana fa

    In proposito mi piacerebbe sentire il parere del dr Ferrauto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. palmiro - 1 settimana fa

    Invece allo Scalo Vallino, in area Tne (Torino Nuova Economia) per la coop nessun problema… Tirano giù tutto come se niente fosse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Paul67 - 1 settimana fa

    Dicembre? Di che anno?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14086320 - 1 settimana fa

    …le colpe sarebbero da accertare, ovviamente, resta il fatto che c’é poca volontá, sono anni che é abbandonato e il recupero non necessita neanche di cambio ragione per il quale é stato pensato…la collettivitá!!!
    Vera é la questione J stadium e tt il resto, dato a pochi spiccioli il contesto é cresciuto senza problemi!!!
    Se Cairo fosse del Toro e non solo il presidente, magari + a Torino che a Milano, e nn me ne voglia ma é cosí e lo capisco, forse oggi avremmo giá il ns. gioiellino!!!
    Anche se la sindaca nel suo “appendino” abbia solo la sciarpa bianconera, nn credo abbia fatto ostruzionismo ma semplicemente applicato le regole senza aiutino 😉

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ToroScatenato - 1 settimana fa

    Aspetta e spera…!!!

    Un Presidente come si deve avrebbe già fatto fuoco e fiamme ed usato il suoi giornali per mettere sindaco e giunta con le spalle al muro.

    E invece noi abbiamo un presiniente, al quale qualsiasi ostacolo burocratico che gli permetta di prender tempo e risparmiare quattrini, è come il cacio sui maccheroni.

    Ma a chi credete di darla a bere, Cairo & C. !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. michelebrillada@gmail.com - 1 settimana fa

    scanfaloso di come si comporta quella sindaca pentastellata che non mantiene nulla di quello promesso in campagna elettorale ( vedi centro sportivo falchera ecc ecc ),e non vede l’ora di intralciare in qualunque modo la società nemica alla rubentus di cui lei è tifosa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. CUORE GRANATA 44 - 1 settimana fa

    Che l’ostracismo della Città di Torino sia scandaloso non ci piove.Tuttavia limitarsi all’apparenza può non risultare esaustivo.Delle due l’una:1 I tecnici del Torino fc potrebbero aver istruito “la pratica”in modo carente.,ed allora..2 In caso contrario Torino fc dovrebbe,a mio parere,diramare una comunicazione ufficiale spiegando “perché e percome” e quindi,ove ne ricorressero gli estremi,denunciare l’atteggiamento omissivo dell’Ente Pubblico.Il silenzio,da parte del Torino fc, che sa tanto di …. qualche dubbio lo pone.D’altra parte trattasi di area da tempo dismessa e fors’anche problematica per la bonifica ed altro.Cairo ha accettato la Convenzione partendo dal presupposto di “contenere i costi”..Vedremo come andrà a finire FVCG!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Toro Nel Cuore - 1 settimana fa

    Incredibile! L’autorita’ in passato ha regalato il terreno a venaria per i decerebrati e a noi continuano a ostacolare tutto!
    Che schifo di citta’!
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. FORZA TORO - 1 settimana fa

    ma andate a cagare voi e i vostri documenti,ma come è possibile ostacolare in questa maniera chi vuole fare qualche cosa,tanto più se è una cosa di cui ne beneficerà anche la collettività

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Bischero - 1 settimana fa

    Incredibile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Granataforever - 1 settimana fa

    SCANDALOSO!!!!!!!
    L Italia è così mettiamo i bastoni fra i piedi a chi vuole intraprendere!!!!!!
    FoRzA ToRo….Sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 1 settimana fa

      sono d’accordo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. BACIGALUPO1967 - 1 settimana fa

    Grazie sindaca gobba.
    #tanto a Istanbul non ci vai

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. inf_693 - 1 settimana fa

      a Istambul non bisognerebbe andare per altri motivi… #kurdistan

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 1 settimana fa

        Sai a quella cosa importa del popolo curdo…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Madama_granata - 1 settimana fa

    Penso che quelle persone che “lavorano” (si fa per dire!) nel Comune di Torino, e che sono mantenute con i soldi dei contribuenti (anche di quelli granata), dovrebbero aver cose ben più serie da fare, e di cui occuparsi, che non “mettete i bastoni tra le ruote” ad ogni progetto del Torino Calcio!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy